skip to Main Content

Perché l’impennata del gas mette in crisi i fertilizzanti. Report Ft

Gas

L’aumento dei prezzi del gas ha costretto la chiusura di due grandi impianti di fertilizzanti nel Regno Unito, mettendo in allarme anche l’industria alimentare. L’approfondimento del Financial Times

L’impennata dei prezzi del gas ha costretto la chiusura di due grandi impianti di fertilizzanti nel Regno Unito, scatenando gli allarmi di un’incombente carenza di nitrato d’ammonio che potrebbe colpire le forniture alimentari, mentre i prezzi record dell’energia iniziano a ripercuotersi sull’economia globale. Scrive il Financial Times.

CF Industries Holdings, uno dei più grandi gruppi di fertilizzanti del mondo, ha affermato di “non avere una stima di quando la produzione riprenderà” nei suoi impianti di Teesside e Cheshire nel nord dell’Inghilterra, che forniscono circa il 40% del mercato dei fertilizzanti del Regno Unito e impiegano circa 600 persone.

Tom Bradshaw, vicepresidente della National Farmers’ Union, ha avvertito che il mercato britannico dei fertilizzanti era già stato “incredibilmente volatile” anche prima delle chiusure, con prezzi più alti del 50% rispetto all’anno scorso in un contesto di forniture globali limitate.

“Ha messo il mercato in crisi”, ha aggiunto, precisando che le importazioni avrebbero dovuto aumentare ancora di più.

Gli analisti dell’industria hanno dichiarato che il settore dei fertilizzanti sta affrontando una “tempesta perfetta” creata dall’impennata dei prezzi del gas a livelli quasi record in Europa e in Asia.

Il nitrato di ammonio, uno dei fertilizzanti più comunemente usati a livello globale, è prodotto con ammoniaca derivata dal gas naturale, ma i prezzi del carburante sono aumentati più velocemente di quanto i produttori di fertilizzanti possano applicare ai loro clienti.

Yara, una delle più grandi aziende di fertilizzanti del mondo, ha annunciato che, mentre stava monitorando la situazione, aveva la “flessibilità per ridurre temporaneamente la produzione, se necessario”.

Julia Meehan dell’ICIS, una società di consulenza sulle materie prime, ha spiegato che le chiusure di CF Industries hanno scatenato il “panico” nel mercato dei fertilizzanti, poiché sono state viste come una conferma delle aspettative diffuse di ulteriori chiusure di impianti e della riduzione della produzione in Europa.

“Il fatto è che c’è bisogno di gas per fare l’ammoniaca, e c’è bisogno dell’ammoniaca per fare quasi tutti i fertilizzanti azotati”, ha dichiarato Meehan. “CF Industries ha una tale reputazione nel settore globale dei fertilizzanti che è probabile che altri facciano lo stesso.”

“Se c’è una carenza di fertilizzante, o comunque gli agricoltori non possono permetterselo, è possibile che l’anno prossimo si avranno dei cattivi raccolti. In definitiva, potrebbe mettersi davvero male per i consumatori, fino al fatto di non trovare prodotti sugli scaffali”.

Meehan ha aggiunto che sostituire la produzione britannica persa con le importazioni, anche se potenzialmente fattibile, non sarebbe semplice, poiché il nitrato di ammonio ha catene di approvvigionamento complesse e regole di licenza a causa della sua natura altamente esplosiva.

Bede Heren, redattore di azoto presso Argus Media, un’agenzia di segnalazione dei prezzi delle materie prime, ha sostenuto: “Sarà un grosso problema per il mercato britannico se questi impianti resteranno offline per un po’. Un mese è gestibile. Ma se l’interruzione continua per due o tre mesi, diventa un vero problema”.

I prezzi del gas nel Regno Unito e in Europa sono saliti a nuovi massimi nelle ultime settimane, spingendo i leader dell’industria ad allarmarsi mentre i commercianti avvertono che il continente si sta dirigendo verso l’inverno con scorte basse da record. I prezzi del gas naturale day-ahead nel Regno Unito si sono contratti giovedì, scendendo del 16% a 1,52 sterline, ma rimangono più del doppio del livello di giugno.

Il braccio britannico di CF è l’unico produttore primario del paese di prodotti tra cui ammoniaca, acido nitrico e fertilizzante di nitrato di ammonio, secondo l’Associazione delle industrie chimiche.

I capi dell’industria hanno detto che le chiusure dovrebbero servire come un campanello d’allarme per il governo.

Richard Leese, presidente dell’Energy Intensive Users Group, un’organizzazione commerciale, ha dichiarato che “in tutte le industrie ad alta intensità energetica c’è la stessa paura che i prezzi [in crescita dell’energia] continueranno ad avere un impatto sulle imprese e di conseguenza sui posti di lavoro”.

Ed Miliband, il segretario agli affari del Regno Unito, ha detto che le chiusure degli impianti sono “estremamente preoccupanti” e che “il governo non si vede da nessuna parte”.

Alla richiesta di commentare le chiusure degli impianti CF, il dipartimento degli affari del Regno Unito ha insistito sul fatto che il paese “trae vantaggio dall’avere accesso a fonti altamente diversificate di fornitura di gas per garantire alle famiglie, alle imprese e all’industria pesante l’energia di cui hanno bisogno a un prezzo equo”.

Le scorte di gas europee sono rimaste basse in seguito al freddo prolungato dello scorso inverno, mentre la riduzione delle forniture dalla Russia all’Europa nord-occidentale e la forte domanda di gas naturale liquefatto in Asia hanno limitato il rifornimento degli impianti di stoccaggio durante l’estate.

La crisi ha avuto un effetto a catena sui prezzi dell’energia, che sono stati colpiti anche da una velocità del vento fuori stagione e da interruzioni in alcuni generatori di energia in Gran Bretagna, compreso il principale interconnettore del Regno Unito con la Francia a seguito di un incendio mercoledì.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore