Energia

Addio obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima. Report di Aie

di

emissioni

L’Aie ha presentato nei giorni scorsi il suo ultimo World Energy Outlook in cui parla di clima e degli obiettivi dell’accordo di Parigi

Le attuali politiche per contrastare i cambiamenti climatici non si avvicineranno nemmeno agli obiettivi di riduzione delle emissioni di Co2, nonostante la forte crescita di fonti energetiche rinnovabili. Parola dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) che ha lanciato l’allarme nel suo ultimo World Energy Outlook.

IL PERCORSO ATTUALE NON RAGGIUNGERA’ GLI OBIETTIVI DELL’ACCORDO DI PARIGI

Il rapporto annuale ha considerato tre scenari per il futuro a lungo termine della domanda energetica, dei combustibili e delle tecnologie utilizzate per soddisfarla, a cominciare dallo scenario “Politiche esistenti” che riguarda una combinazione di politiche attuali e piani annunciati. Malgrado si tratti di un percorso sostenibile coerente con l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di mantenere l’aumento della temperatura ben al di sotto dei 2°C, “la domanda di energia dovrebbe aumentare di circa l’1% all’anno fino al 2040 (fine del periodo di riferimento)”. E “nell’ambito di questo percorso, la crescita delle emissioni rallenta ma non raggiunge il picco, aumentando invece di circa 100 milioni di tonnellate all’anno a partire dal 2018 e dal 2040”, osserva Axios aggiungendo che questo quadro “è molto diverso dai tagli profondi necessari per raggiungere gli obiettivi di Parigi, un punto di riferimento per evitare alcuni dei cambiamenti del clima più dannosi”.

Sempre in questo scenario, le fonti a basse emissioni di carbonio – in particolare l’energia solare ed eolica – aumentano e diventano la principale fonte di energia elettrica entro il 2030. Anche l’uso del gas naturale aumenta notevolmente, mentre la domanda di carbone nel 2040 è leggermente inferiore ai livelli attuali. La domanda mondiale di petrolio cresce, ma si “appiattisce” negli anni 2030. Nel 2040, la domanda è prevista a circa 106 milioni di barili al giorno. Complessivamente, nel 2040 i combustibili fossili rappresenterebbero ancora una quota del 74% del mix energetico globale.

BIROL: SERVE UNA GRANDE COALIZIONE

Per questo, ha spiegato Fatih Birol alla CNBC durante la presentazione del rapporto, il mondo ha bisogno di una “grande coalizione” per affrontare i cambiamenti del clima. Birol ha spiegato che per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, le soluzioni tecnologiche – energie rinnovabili, energia nucleare e cattura e stoccaggio del carbonio, tra le altre cose – devono essere spinte e sostenute dai governi. “Credo che il mondo abbia bisogno di una grande coalizione che comprenda governi, investitori, industria e tutte le persone del mondo sinceramente interessate e impegnate ad affrontare i cambiamenti climatici – ha affermato -. Per raggiungere gli obiettivi di Parigi, la tecnologia e la volontà politica sono fondamentali”.

INTANTO RALLENTA IL BOOM DELLO SHALE STATUNITENSE

Sempre all’interno del rapporto, ha proseguito Axios, l’Aie ha evidenziato che il boom dello shale statunitense sta rallentando e ciò è importante visto che gli Usa rappresentano l’85% dell’aumento della produzione globale di petrolio entro il 2030, e il 30% dell’aumento della produzione di gas. Tutto ciò rafforza la statura di esportatore degli Stati Uniti, ha detto l’Aie, notando che “entro il 2025, la produzione totale di shale statunitense supererà la produzione totale di petrolio e gas della Russia”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati