skip to Main Content

Acciaio

L’Europa è all’avanguardia sull’acciaio verde (secondo il Wall Street Journal)

Entro il 2030, il continente dovrebbe ospitare quasi 50 progetti di acciaio a basse emissioni di carbonio, mentre negli Stati Uniti ne sono previsti solo due. L'approfondimento del Wall Street Journal.

L’acciaio è una delle industrie più inquinanti al mondo, ma l’Europa sta facendo passi da gigante nel rendere il metallo ecologico.

Entro il 2030, il continente dovrebbe ospitare quasi 50 progetti siderurgici verdi e a basse emissioni di carbonio, secondo la compilazione dei progetti del Leadership Group for Industry Transition. In confronto, gli Stati Uniti hanno solo due progetti di questo tipo.

“Ci sono sicuramente più investimenti nella capacità di produzione di acciaio verde in Europa, in quanto il carbonio ha un costo in Europa”, ha dichiarato Colin Richardson, responsabile del settore acciaio di Argus Media, un’agenzia di prezzi delle materie prime. “La politica dell’UE è essenzialmente progettata per far sì che tale costo aumenti nel tempo, incentivando gli inquinatori a ridurre la quantità di emissioni [quote] che devono acquistare”.

IL DAZIO SULLE EMISSIONI AIUTERÀ L’ACCIAIO VERDE EUROPEO?

La spinta dell’Europa verso l’acciaio verde è in parte guidata da politiche, tra cui il Carbon Border Adjustment Mechanism dell’Unione Europea, entrato in fase sperimentale il 1° ottobre. Il CBAM richiederà agli importatori di pagare la carbon tax su determinate importazioni, tra cui l’acciaio, se queste provengono da Paesi in cui le emissioni non sono tassate in modo analogo. Le quote di carbonio gratuite per i produttori di acciaio dell’UE sono in fase di eliminazione mentre viene introdotta gradualmente la carbon border tax sulle importazioni.

Secondo il think tank Bruegel, con sede a Bruxelles, entro la fine di questo decennio un quarto del fabbisogno europeo di acciaio sarà soddisfatto da fonti a basse emissioni di carbonio. Negli Stati Uniti, secondo una ricerca del Rocky Mountain Institute, un think tank sull’energia, solo il 10% proverrà da progetti simili. L’anno scorso, l’Europa ha prodotto 152 milioni di tonnellate di acciaio, mentre gli Stati Uniti ne hanno prodotti 80 milioni di tonnellate, secondo le organizzazioni industriali Eurofer e Worldsteel.

LA DIFFERENZA CON GLI STATI UNITI

La necessità di convertirsi a sistemi a basse emissioni di carbonio è maggiore in Europa, dove il 57% dell’acciaio viene prodotto in altiforni a carbone e il resto in forni elettrici ad arco. Negli Stati Uniti, il rapporto è più vicino al 30% di carbone e al 70% di forni elettrici.

Ma poiché la maggior parte delle acciaierie americane è alimentata da energia elettrica basata su combustibili fossili, gli investimenti europei permetterebbero al continente di superare gli Stati Uniti nella produzione di acciaio a basse emissioni di carbonio, garantendo una fornitura locale di acciaio verde molto più ampia.

“L’ambiente politico europeo è molto più avanzato, il che significa che possiamo essere molto più ambiziosi”, ha dichiarato Nicola Davidson, vicepresidente per lo sviluppo sostenibile e la comunicazione aziendale del gigante dell’acciaio ArcelorMittal, durante una recente conferenza a Londra. Davidson ha citato in particolare il CBAM dell’UE.

LE EMISSIONI E LA DOMANDA

Il risanamento del settore è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi climatici, perché l’acciaio è fortemente utilizzato nello sviluppo delle infrastrutture e delle tecnologie necessarie per la transizione energetica. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, l’acciaio è responsabile del 7% delle emissioni globali di carbonio. La tecnologia è disponibile per produrre acciaio a basse emissioni di carbonio, ma la produzione deve essere scalata per ridurre i costi. Gli investimenti in Europa stanno avanzando rapidamente a causa del prezzo del carbonio, di una politica più rigorosa in materia di emissioni e dell’aumento della domanda dei clienti.

Anche la domanda degli acquirenti di acciaio è stata importante per stimolare gli investimenti. La startup svedese H2 Green Steel ha firmato accordi per la fornitura di acciaio a basse emissioni di carbonio a IKEA, Mercedes-Benz, BMW e Scania. Si è inoltre assicurata un finanziamento di oltre 5 miliardi di euro, pari a oltre 5,3 miliardi di dollari, attraverso fonti di private equity e di debito.

L’ACCIAIO VERDE DI H2 GREEN STEEL

H2 Green Steel riduce le proprie emissioni di carbonio utilizzando energia idroelettrica ed eolica per alimentare le proprie attività e prevede di avviare la produzione entro la fine del 2025. “Se si includono le emissioni Scope 3, che comprendono le emissioni minerarie, si passa da 2.600 kg di CO2 per tonnellata di acciaio a 400 kg per tonnellata di acciaio”, ha dichiarato Henrik Henriksson, amministratore delegato della società.

“Siamo un’azienda senza bilancio e senza entrate. Come si fa a raccogliere 5,5 miliardi di euro dal nulla?”. Ha detto Henriksson. I clienti di H2 Green Steel sono stati disposti a sostenere il progetto in base ai loro obiettivi ecologici e alla disponibilità dei loro clienti finali a pagare un premio ecologico.

L’acciaio verde consente alle case automobilistiche e ad altri acquirenti di ridurre le emissioni incorporate nei loro prodotti.

“Per raggiungere la neutralità netta in termini di emissioni di carbonio, la decarbonizzazione della nostra catena di approvvigionamento dell’acciaio è una leva importante”, ha dichiarato Gunnar Güthenke, responsabile degli acquisti e della qualità dei fornitori della divisione auto di Mercedes-Benz. Le fonti verdi di acciaio saranno fondamentali per raggiungere l’obiettivo dell’azienda di rendere la sua flotta di nuovi veicoli a zero emissioni entro il 2039.

Tuttavia, l’acciaio a basse emissioni prodotto in Europa costerà di più. H2 Green Steel ha dichiarato di voler applicare un sovrapprezzo di 150 euro, mentre l’acciaieria svedese SSAB prevede un prezzo doppio. Entrambe le cifre sono destinate a diminuire con l’aumento della produzione.

IL RUOLO DELL’INFLATION REDUCTION ACT

Mentre l’Europa è in vantaggio, l’Inflation Reduction Act fornisce enormi incentivi fiscali per la produzione di acciaio a basse emissioni di carbonio. Secondo una ricerca del Rocky Mountain Institute, l’IRA incoraggerà investimenti in acciaio verde che, entro il 2030, produrranno circa otto milioni di tonnellate di acciaio a basso tenore di carbonio, pari a circa il 10% della domanda di acciaio degli Stati Uniti.

Le regioni dei Grandi Laghi, del Texas o del Pacifico nord-occidentale sono state indicate come luoghi in cui potrebbero sorgere hub per l’acciaio verde, anche se sarà necessario mettere in funzione la rete e la capacità di energia rinnovabile.

“L’IRA è una sfida formidabile per l’Europa… Il tipo di sussidi e la velocità con cui vengono concessi sono molto più grandi dell’Europa”, ha dichiarato Simone Tagliapietra, senior fellow di Bruegel. Gli alti costi dell’energia potrebbero mettere i produttori della regione in una posizione di svantaggio rispetto agli Stati Uniti, ha aggiunto.

Mentre gli Stati Uniti e l’Europa sono importanti produttori di acciaio, più della metà della produzione mondiale rimane in Cina. Secondo Worldsteel, attualmente oltre il 90% della produzione cinese proviene dagli altiforni. Secondo Paul Lim, redattore per l’Asia di Fastmarkets, questa percentuale dovrebbe scendere al 75% entro il 2030, il che significa che le operazioni alimentate a carbone e a gas naturale rimarranno probabilmente dominanti.

Sono in corso sforzi per utilizzare materie prime più efficienti e per aggiungere la cattura e lo stoccaggio del carbonio, ma l’economia degli altiforni significa che essi rimangono l’opzione più efficiente e conveniente per i produttori.

“La Cina non abbandonerà gli altiforni per molto tempo”, ha dichiarato Lim.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top