Mobilità elettrica

Millemiglia green, la corsa auto sfreccia sulla strada della sostenibilità

di

1000-miglia-green

La sostenibilità ha contagiato anche la corsa Millemiglia: non solo le vetture in gara, ma anche quelle dell’organizzazione, saranno esclusivamente elettriche o ibride

 

Correndola, Tazio Nuvolari è diventato un mito, assieme a gente come Stirling Moss e Alberto Ascari. Juan Manuel Fangio, invece, non riuscì mai a vincerla. Dici Millemiglia, e affiorano alla mente le leggende dell’automobilismo italiano e internazionale, assi del volante impegnati in performance eroiche. Sono bastate 24 edizioni tra il 1927 e il 1957 per farla entrare nella storia. Erano gli albori, guidare a certe velocità era pericoloso e le strade riservavano insidie.

Oggi, al tempo del climate change e della sostenibilità, la storica corsa si rinnova e resta al passo con l’evoluzione tecnologica e del costume. È partita venerdì pomeriggio, come sempre dal centro di Brescia, la prima edizione di 1000miglia Green, versione ecologica della famosa competizione. A sfidarsi in una tre giorni insolita, gli ultimi ritrovati dell’ingegneria fianco a fianco con le auto elettriche del passato. E non mancano le sorprese. La vettura con la carta d’identità più consumata è la Detroit Electric Model 95 del 1924, realizzata per clienti che desideravano un’auto affidabile con avvio immediato e senza manovella. L’autonomia? Sorprendente. Anche a quei tempi, non si scherzava: dai 96 ai 145 km, a seconda dell’andatura. Ma quasi 100 anni dopo, correrà al fianco di modernissime Tesla (le supercar del visionario Elon Musk) e marchi storici come Porsche (presente con la Panamera E4 Hybrid), Mercedes EQC, Smart, Mini, Hyundai, Nissan, Polestar e non solo. In gara anche la Zagato Milanina del 1989 e due modelli di maggiolino Volkswagen (1303 Kaefer) del ’72 e ’76.

Oggi gli equipaggi arriveranno a Milano, dove sosteranno in piazza Gae Aulenti. Domenica mattina la carovana transiterà per il centro città (in piazza Duomo il passaggio è previsto per le dieci e trenta), per poi dirigersi verso l’autodromo di Lainate.

L’attenzione alla sostenibilità ha caratterizzato il concept e l’ideazione dell’evento. Non solo le vetture in gara, ma anche quelle dell’organizzazione saranno esclusivamente elettriche o ibride, mentre l’impatto ambientale sarà analizzato attraverso uno studio complessivo sulle emissioni dei gas con impatto sul clima. Saranno sommati i consumi dei veicoli partecipanti, del trasporto merci e dello staff, ma anche quelli relativi ai materiali necessari alla manifestazione come ad esempio quelli di comunicazione e marketing. Pass personali e bolli adesivi sono in plastica riciclata, il roadbook in carta riciclata, i materiali di comunicazione in carta materica, la cartellonistica direzionale in legno, i premi in vetro e plexiglass riciclato, le giacche a vento in materiale riciclato, t-shirt e felpe in cotone organico.

“Con la versione green della storica corsa vogliamo fare innovazione e futuro con la stessa forza con cui la Millemiglia storica ha rappresentato un volano di crescita per nuove tecnologie e infrastrutture”, ha chiarito Franco Gussalli Beretta, presidente di 1000miglia srl, nel corso del convegno introduttivo di venerdì mattina, presenti gli imprenditori del territorio e un variegato panel di attori del settore automotive. Nel secolo scorso, la competizione era l’occasione per sperimentare migliorie tecnologiche diventate uno standard, come i tergistalli: oggi, è un modo per diffondere sempre più la cultura della mobilità elettrica.

Tutte da esplorare le nuove frontiere: a partire dal V2G (Vehicle to Grid), rivoluzionaria tecnologia che vede l’auto non solo assorbire corrente dalla rete, ma cederla, all’occorrenza, per aiutare il sistema ad assorbire i picchi. All’avanguardia c’è Nissan, che produce l’unica vettura certificata V2G e ha in corso una sperimentazione con Enel X e RSE. “La macchina del futuro consentirà di delegare al veicolo alcune funzioni e sarà dotata di connettività superiore”, ha spiegato l’ad di Nissan Italia Bruno Mattucci: “Queste manifestazioni – ha proseguito – ci permettono di portare l’attenzione sull’elettrico, e far capire che questo tipo di mobilità può essere adottato già oggi, anche grazie agli incentivi regionali che riducono significativamente i costi”. Incentivi che, però, differiscono in maniera significativa a seconda delle aree geografiche. “Su questo tema – precisa il manager – ci stiamo già muovendo assieme agli altri produttori con un’azione di lobbying”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati