Energia, Mobilità elettrica

Come l’auto elettrica può aiutare lo sviluppo delle energie rinnovabili

di

auto elettrica

L’auto elettrica può trasformarsi in una centrale elettrica mobile, provando ad essere una soluzione alla non programmabilità delle energie rinnovabili

La mobilità sta cambiando: l’addio alle auto diesel dovrebbe essere segnato e anche quello delle auto a benzina. Il parco auto del futuro sarà composto sempre più da auto elettriche ed altre auto a basse emissioni. Con buona pace per lo smog ed il particolato.

Anche l’Italia prova a spingere sulla batteria, ma serve un piano concreto che si accosti agli incentivi previsti nella legge Bilancio. E serve anche un piano che possa prevedere, per una vera rivoluzione, la possibilità di avviare sul nostro territorio la pratica del Vehicle-to-grid, che mette in relazione le energie rinnovabili e le batterie delle vetture.

LA PRATICA DEL VEHICLE TO GRID

Partiamo da qui, da quello che dovrebbe rappresentare un vero cambiamento nelle abitudini dei cittadini. Il Vehicle-to-grid è una pratica grazie a cui sarà permessa la piena integrazione delle automobili elettriche nella rete elettrica nazionale, rendendole in grado di accumulare eventuale energia prodotta in eccesso e di gestire meglio quella prodotta da fonti rinnovabili. Le vetture potranno ricaricare la batteria nelle fasce orarie in cui le tariffe e la domanda di energia sono più basse, per poi usare l’elettricità accumulata o rivenderla alla rete durante le fasce orarie a tariffa più elevata.

LE PRIME SPERIMENTAZIONI IN ITALIA

Se è vero che questa pratica, in Italia, non è ancora regolamentata, è anche vero che, come ha raccontato Bruno Mattucci, presidente e amministratore delegato di Nissan Italia, in una intervista oggi ad Avvenire, qualche piccola sperimentazione (con buoni risultati) c’è stata.

“Noi stiamo sperimentando il meccanismo de lVehicle-To-Grid (V2G) insieme a Enel: c’è la possibilità di andare a produrre energia da rinnovabile e usare i serbatoi dei veicoli come sistema di stoccaggio dell’energia, che diventerebbe anche trasferibile con la guida autonoma, e restituibile alle abitazioni. Quindi l’auto potrà diventare non più solo un mezzo di trasporto ma un accumulatore su quattro ruote. Lo abbiamo già sperimentato in Danimarca, in Inghilterra, ad Amsterdam: ora finalmente anche in Italia grazie alla collaborazione di alcune Università. E si è rivelato un modello vincente”, ha detto Mattucci.

I PRIMI PASSI

Perché il Vehicle-to-grid funzioni, però, serve l’auto elettrica. Ed in Italia il numero di vetture a batteria è ancora basso: per spingere sullo sviluppo di una nuova mobilità, il governo giallo-verde ha inserito nella Manovra degli incentivi per le vetture elettriche.

Chi acquista un’auto elettrica avrà una sovvenzione fino a 6.000€ (con rottamazione). La cifra scenderà a 3.000€ per le auto ibride, sempre con rottamazione. Prevista anche una tassa per le auto che superano i 160 g/km di emissioni di CO2.

SERVE UN PIANO

Gli incentivi soli, però, non bastano. Per una diffusione ampia delle auto elettriche serve un piano ben più ampio e solido, che preveda anche la diffusione capillare di nuove colonnine per la ricarica.

“L’incentivo introdotto dal governo è senz’altro interessante ma nei confronti della mobilità in generale non c’è ancora la progettualità necessaria. Con l’ecotassa è stato introdotto anche un “malus” per le vetture che superano i 160 g/km di emissioni di CO2, poche per fortuna, che rispondono comunque ai criteri di omologazione italiani ed europei. I costruttori si sono attrezzati per adeguarsi alle direttive e ora vengono penalizzati”, ha spiegato Mattucci.

“Le linee tracciate recentemente sono valide, ma si possono migliorare. Uso un paradosso: vogliamo far viaggiare gli italiani in mongolfiera? Bene, allora attrezziamoci. Oppure il modello è quello elettrico? Meglio per noi di Nissan. Ma allora mettiamo in piedi un piano serio, definiamo obiettivi a medio e lungo termine, e poi si inizia a lavorare. Qui invece manca questa progettualità, si arriva subito alla coercizione: blocco delle circolazione, taglio per i diesel. Senza un progetto chiaro, virtuoso e programmato per gradi”.

APP Intesa Sanpaolo Mobile

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati