Economia

Vi racconto le capriole sulla concorrenza bancaria

di

concorrenza

Concorrenza, aggregazioni e biodiversità bancaria. L’intervento di Corrado Sforza Fogliani, presidente di Assopopolari

Poco più di due anni fa uscì, per i tipi di Rubbettino, una mia pubblicazione dal titolo “Siamo molto popolari. Controstoria di una riforma che arriva da lontano e porta all’oligopolio bancario”. Dal pensiero unico internazionale che ammorba, con poche eccezioni, la stampa italiana, la pubblicazione fu accolta, ovvio, con fastidio, e con repliche
indirette. Ma la sua attualità è più viva che mai. Si rafforza, anzi, giorno per giorno.

In appendice a quel mio libro, pubblicavo i dati (aggiornati al momento) relativi ai principali azionisti (i primi 30, salvo un caso) delle più importanti banche italiane. BlackRock (com’è noto, statunitense) risultava presente in tutte (tutte) le anzidette banche, insieme a una marea di Fondi/Banche di investimento appartenenti a Paesi esteri, l’Italia essendo – il più delle volte – rappresentata da banche a loro volta controllate da capitale straniero, come anche da questi pochi dati si evince: 1] prima banca: 24 soci stranieri e 6 italiani, di cui 3 nella particolare posizione indicata (di banche controllate dall’estero a loro volta); 2] 25 stranieri, 5 italiani (2); 3] su 25: 19 e 6 (1); 4] 24, 6 (1); 5] 24, 6 (2); 6] 25, 5 (4); 7] 24, 6 (1); 8] 27, 3 (22); 9] 26/ 4 (1); 10] 26/4 (1); 11] 29/1 (1).

Un insieme di cose, in sostanza, quanto meno imbarazzante per chi ritenga che vi sia ancora un sistema di banche davvero italiane, con tutto quello che ne consegue sul denaro che se ne va all’estero (in una nazione che perseguita, giustamente, chi sottrae soldi alla nostra economia reale per portarli all’estero e poi non si accorge – o fa finta di non accorgersi – della situazione delle sue banche).

Da allora ad oggi, le cose sono solo cambiate – dal punto di vista illustrato – in peggio. Si sono distrutte più banche territoriali che s’è potuto (fino al punto di anticipare – per decreto legge – un bail-inn camuffato), anche svendendole per pochi euro. Tutto, nella consapevolezza che sono proprio le banche locali (come sanno i territori che le hanno perse) che mantengono la concorrenza fra banche. Tutte le banche colpite dalla riforma contro le Popolari, sono ora (e si sapeva bene che sarebbe capitato così) in mano ai fondi speculativi esteri (che non tengono certo alla stabilità del sistema).

Ci sono stati – è vero – anche casi di malversazione, ma quando ciò ha riguardato una grossa banca da sempre governata dalla Sinistra, si sono subito trovati tanti soldi dello Stato (cioè dei contribuenti) per salvarla e, quasi quasi, non ci si è neppure accorti che (di fatto) fosse fallita.

Adesso, però, le cose sono cambiate. Improvvisamente, ma non per tornare a difendere le banche territoriali come nell’Italia liberale (solo le Popolari erano più di 200, trasformarono un Paese agricolo in un Paese dalle solide basi industriali). Sono cambiate per difendere le grosse banche, che hanno fatto strame di quelle più piccole di loro, che si sono cioè ingrandite solo facendo fuori altre banche e non, invece, crescendo per linee interne, come avviene nei Paesi più accorti, ed in Germania e negli Stati Uniti in particolare.

Insomma, ora che il monopolio (ricordate il titolo della mia pubblicazione? ) si è allargato a dismisura, che vi sono territori nei quali la concorrenza (ed il credito alle PMI) è completamente saltata, ora viene dunque cantata una messa del tutto diversa. La concorrenza ora va difesa (non, annullata) e l’invasione estera è – guarda un po’ – il peggiore dei mali. Curioso (ma neanche troppo, è solo logico a ben guardare), ma è così.

Ecco dunque che il Governo dichiara per decreto legge – urgente urgente e dato il Covid (ma nessun giornalone, ovvio, lo ha scritto) – il Governo, dicevo, ora dichiara che le banche sono diventate – quatte quatte – un “settore strategico”, alle quali si applica il golden power, istituito già 8 anni fa e che nessuno (dico, nessuno) ha mai neppur pensato si potesse estendere alla materia finanziaria e creditizia.

Ma non è tutto. Adesso, una grande banca (di quelle che han sempre detto che le piccole andavano eliminate e, possibilmente, comperate a 1 euro) è andata in audizione all’Antitrust a dire che l’acquisizione di una banca (una che aveva fatto fuori molte altre più piccole, fin che è venuto il suo turno) da parte di un’altra, sarebbe – udite udite – “dannosa per la concorrenza bancaria”.

Capito? Solo ora si valorizza la concorrenza, prima era cosa inutile. Prima, avanti tutta col “preciso disegno che punta ad eliminare le banche di territorio” (Zamagni), avanti tutta con il “bonapartismo economico” (Coltorti), lasciamo stare che si favoriscano “meccanismi collusivi” (Cappellin) e si dia un colpo mortale alla concorrenza (id.), proseguiamo ora “nell’aggressione incostituzionale” alle Popolari (Vitale), impediamo che possa funzionare “la capacità delle banche di comunità di avere un azionariato diffuso e quindi di mantenere uno stretto rapporto con gli investitori del territorio” (Masera).

Prima, era così. Ora, al contrario, bisogna aiutare la finanza internazionale che controlla le banche “italiane”, bisogna darle la possibilità di rafforzarsi ulteriormente. La concorrenza va bene solo tra amici (oligopolisti). Quanto all’argomento – di pretesi tecnici – che le Popolari non sarebbero scalabili, e che andavano soppresse per questo, rimandiamo all’ultima relazione del Presidente Consob, Savona: si scopre che neanche la gran parte delle quotate sono più scalabili!

Insomma, cambiati i padroni delle banche, tutto con loro è cambiato. Quello che prima non andava bene, adesso va benissimo. Paradossale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati