Economia

Vi racconto i Bengodi (non solo sulle pensioni) dei commissari europei

di

Europa

Il commento di Riccardo Ruggeri, già manager, ora analista, imprenditore e saggista

«Firmato il bail-in sotto ricatto tedesco. Tria accusa poi ritratta, gelo in Europa». In questo impeccabile titolo di giornale (La Stampa) c’è la perfetta descrizione di una persona perbene, inidonea a fare il Ministro ai tempi del Ceo capitalism, ma neppure a fare il tecnico imprestato alla politica. Fare politica significa, inutile girarci intorno, fare e ricevere ricatti. Inutile fingere di essere verginelle, cari colleghi delle élite, siamo uomini di panza, noi campiamo, manteniamo il nostro posto nella tavola imbandita del potere, facendo e ricevendo ricatti. Ricatti mostruosi, medi, miserabili, a seconda del peso del nostro ruolo. Ripeto, vale non solo in politica, ma nel business, nel management di vertice, nelle Università, negli Ospedali, nell’Editoria, e ovunque ci siano lotte di potere. E dove ci sono uomini e quattrini ci sono lotte di potere, quindi ricatti. In fondo cos’è il mitico mercato se non un foro boario ove si stringono o si rompono accordi e alleanze in base ai rapporti di forza? Infatti, si dice «È il mercato, bellezza», sotto intendendo «E’ il ricatto, bellezza«. Per questo ho creato Zafferano, intoccabile fino a quanto avrà il bilancio in pareggio: ricavi zero, costi zero. Con Zafferano, il ricatto è impraticabile.

Ci arrivo persino io, un ex Ceo di multinazionali, ex uomo di mondo a sapere che senza ombra di dubbio il «bail-in sia stato firmato sotto ricatto tedesco», e così tutti gli atti di grande spessore politico ed economico. Il fatto che Giovanni Tria l’abbia, prima detto, poi goffamente smentito, è la prova lampante come lui sia una persona perbene, se così non fosse sarebbe stato zitto. È sufficiente visitare, da estraneo, i palazzi di Bruxelles, della Bce, del Fmi, per avere la percezione che il «ricatto» (reciproco) è nell’aria, lo si respira, perché è la cifra di queste organizzazioni. Due piccole notazioni a margine.

1. Un Commissario europeo ha una retribuzione mensile di 30 mila , va in pensione a 58 anni, in cambio però deve inorridire, stigmatizzare, punire i cittadini che vorrebbero andarci, non a 67 ma a 64, pur avendo un trentesimo del suo compenso. Per questo l’hanno eletto Commissario.

2. Perché credete che Donald Trump faccia il cascamorto con uno come Kim Jong-un? Perché Kim ha l’atomica, è un tiranno, forse un pazzo, e sarebbe pronto a sganciarla. E Trump lo sa (così come Barack Obama), per cui subisce il ricatto. Se l’atomica l’avesse Nicolas Maduro farebbe lo stesso.

Lo stesso avviene, ed è sempre avvenuto nel business. Faccio un esempio a caso degli infiniti che potrei raccontare (execution in purezza). Il nuovo Ceo di un’azienda in drammatica crisi, quindi disperato, appena arrivato, si è fatto la convinzione psicologica (nel mio linguaggio «certezza assoluta in assoluta assenza di prove») che i tre fornitori di un componente strategico avessero corrotto il capo degli acquisti e fatto cartello fra loro. Che fare? Licenziare immediatamente il capo degli acquisti. Poi chiamare i tre fornitori insieme, informarli che il Ceo avrebbe assunto quel ruolo e pretendeva da subito uno sconto importante sul prezzo in essere, aumentando i volumi di approvvigionamento ai soli due fornitori con la miglior offerta economica, il terzo sarebbe stato eliminato d’imperio. Mossa diabolica che costringeva i tre fornitori a rompere l’insano accordo che avevano, «uccidere» uno dei tre compari.

Caro Ministro Tria, ora tocca a lei decidere, se vuole diventare come i suoi colleghi che lo criticano resti, e in futuro, taccia, se non ce la fa, si dimetta. Un caro saluto.

 

Articolo pubblicato su ItaliaOggi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati