Economia

Vi racconto come vanno le trattative sindacali su Conad-Auchan. L’approfondimento di Sassi

di

Tutti i dettagli sull’accordo in corso fra azienda e sindacati sulla vicenda Conad-Auchan. L’approfondimento di Mario Sassi tratto dal suo blog

 

Gli incontri per trovare un accordo nella complessa vicenda Conad/Auchan procedono ad un ritmo serrato a testimonianza che l’obiettivo è raggiungere un’intesa equilibrata. Così come procede il dibattito in rete e sui media sulle preoccupazioni delle persone coinvolte, gli sbocchi occupazionali possibili e il futuro di quello che è stato uno dei gruppi più importanti della GDO.

La responsabilità che si deve assumere il sindacato di categoria è decisiva. Da qui le mie riflessioni sulla capacità o meno di comprensione di un’operazione di queste dimensioni. Emanuele Scarci, giornalista e grande esperto del settore ha giustamente sottolineato i meriti di Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL nell‘aver saputo accompagnare l’evoluzione e il declino dell’intero settore e quindi l’ineluttabilità dell’accordo finale, anche in un caso così complesso e diverso da tutti gli altri come quello sul quale ci stiamo confrontando.

È vero, nel sindacato di categoria sono passati dirigenti di grande livello che hanno affrontato la crescita e l’innovazione organizzativa con grande professionalità e disponibilità. Questo resta un settore dove gli accordi sulle partenze dei nuovi punti vendita, sui sistemi degli orari, sulle aperture e sul welfare contrattuale hanno fatto scuola.

Nella vicenda Conad/Auchan ci sono però degli elementi di discontinuità che se non compresi determinano una semplice reazione pavloviana che potrebbe far ritenere un’operazione dalle caratteristiche completamente diverse dal passato una semplice ristrutturazione/riorganizzazione aziendale a seguito di un normalissima acquisizione. Innanzitutto la resa della grande multinazionale francese e la conseguente (s)vendita di Auchan Italia.

Per i francesi, maestri non solo a casa loro, non c’era più nulla da fare. Qualsiasi progetto di rilancio si sarebbe rilevato inutile e presto si sarebbero trovati con diciottomila occupati da gestire in una situazione pressoché disastrosa sul piano sociale. La portaerei era alla deriva in mezzo al mare con i motori spenti e tutte le armi spuntate. E scialuppe disponibili, al massimo, per meno di un terzo di chi era a bordo.

Se non si parte da qui si rischia solo di prolungare un’agonia estendendo l’infezione, e questo sarebbe gravissimo, anche a parti Conad oggi relativamente sane. Inutile girarci intorno. Ogni analisi e ogni terapia individuata non può non considerare questo punto di partenza. Invito chi ha dubbi a girare per alcune filiali di Milano per rendersi conto del crollo dei clienti e delle conseguenti preoccupazioni del personale addetto.

Conad, da parte sua, ha colto l’opportunità che gli si è parata davanti. C’è un vecchio proverbio arabo che recita: “tra morto e morto e sepolto c’è un’enorme differenza”. Credo sia questo il saggio punto di partenza. Non è una sfida per tutti. Il gruppo dirigente di Conad si è assunto una grande responsabilità. Sempre Emanuele Scarci ha sottolineato: “Concordo che l’impresa di Conad sia ciclopica. E lo stesso management, che questa operazione l’ha voluta, rischia grosso”. Era facile individuarne i limiti complessivi. E credo che molti imprenditori associati li hanno sicuramente sottolineati. Ma chi ha individuato le potenzialità e i punti forti ha vinto. E la scelta, alla fine, è stata condivisa da tutti.

Conad non ha comprato la fontana di Trevi da un modesto “tricheur” d’oltre confine. Ha deciso di crescere e di misurarsi al massimo delle sue possibilità. L’entusiasmo, la determinazione e la convinzione che ho registrato mi hanno convinto che, se tutti faranno la loro parte, l’impresa è realizzabile e cambierà profondamente gli assetti del comparto, i rapporti nella filiera agroindustriale italiana e quindi è un’operazione anche nell’interesse del Paese.

Questa determinazione necessita uno sforzo congiunto che porti a mettere sotto controllo i costi (affitti, prodotti e lavoro), che costruisca un clima di collaborazione tra le due realtà e che consenta al piano industriale il tempo necessario alla sua implementazione.

Per il sindacato dovrebbe essere centrale la salvaguardia dell’occupazione. Non altro. Proprio perché questa operazione non è assimilabile alle tradizionali ristrutturazioni con cui si è misurato fino ad ora. E l’occupazione si salvaguardia mettendo sotto controllo i costi, allineando Auchan a Conad e non viceversa e costruendo, insieme, un progetto di politiche attive con il supporto dell’Anpal e del Ministero del Lavoro. Soprattutto se parliamo di professionalità presenti nelle sedi.

Occorre riflettere sugli incentivi, che non possono essere a pioggia, quindi sulla loro destinazione, su come metterli a disposizione di chi si impegna ad assumere e non semplicemente di chi si dimette, sulla formazione necessaria e su come coinvolgere con una norma specifica, l’intero settore, creando un serbatoio di professionalità disponibili a costi competitivi per le imprese che si dichiarassero disponibili ad ingaggiare gli esuberi e che potrebbe essere allargata all’intero comparto della GDO.

E questa operazione potrebbe essere finanziata dai residui degli ammortizzatori, dai fondi interprofessionali ma anche dall’azienda che ha lasciato e da quella che è subentrata. E. In un secondo tempo allargata all’intera GDO proprio per gestire le crisi di formato del settore. Certo occorre innovare strumenti e comportamenti. Non certo temere le proteste della pseudo concorrenza sindacale.

 

(estratto dal blog di Mario Sassi)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati