skip to Main Content

Prodotti Biologici

Vale la pena spendere di più per comprare prodotti biologici?

Mangiare prodotti biologici non salverà il pianeta ma sicuramente ha alcuni lati positivi nonostante siano molto più costosi dei prodotti convenzionali. L'articolo del New York Times

 

Nel 2022, i prodotti biologici hanno rappresentato il 15% di tutte le vendite di frutta e verdura negli Stati Uniti, nonostante siano molto più costosi dei prodotti convenzionali. Ma con i costi elevati della spesa di oggi, anche alcuni acquirenti biologici convinti si chiedono quali mirtilli comprare: il biologico vale davvero il costo? Ci sono alcuni dati che aiutano a capire cosa è giusto per voi e per il vostro budget. Scrive il New York Times. […]

COSA SIGNIFICA “BIOLOGICO CERTIFICATO”?

A differenza dei termini “naturale” o “sostenibile”, il marchio biologico del Dipartimento dell’agricoltura statunitense è altamente regolamentato (anche se non del tutto a prova di frode).

Quando si legge la dicitura “prodotto biologico”, si può generalmente presumere che sia stato coltivato senza l’uso di fertilizzanti sintetici, organismi geneticamente modificati e la maggior parte dei pesticidi sintetici. La sua produzione può aver coinvolto anche tecniche di agricoltura biologica, come la rotazione delle colture e la semina di colture di copertura.

Vale la pena notare che non tutti gli agricoltori biologici hanno il tempo, il denaro o il desiderio di ottenere una certificazione ufficiale. Si può sempre chiedere al mercato contadino come è stato coltivato il cibo.

I PRODOTTI BIOLOGICI SONO MIGLIORI PER IL CLIMA?

A prima vista, l’agricoltura biologica sembra un chiaro vantaggio per il clima, perché non utilizza fertilizzanti sintetici, che richiedono molta energia e quindi molti combustibili fossili per essere prodotti. (Sia i fertilizzanti sintetici che quelli naturali rilasciano anche protossido di azoto, un potente gas serra, dopo l’applicazione).

Ma se si scava un po’ più a fondo, la scienza diventa più complicata. Poiché non utilizzano fertilizzanti sintetici, le aziende agricole biologiche hanno di solito rese inferiori rispetto a quelle convenzionali. Ciò significa che spesso hanno bisogno del 10-30% di terra in più per produrre la stessa quantità di cibo, ha dichiarato Michael Clark, ricercatore sui sistemi alimentari dell’Università di Oxford.

Se tutti iniziassero a mangiare biologico da un giorno all’altro, ha detto Clark, “sarebbe necessaria molta più terra per soddisfare la nostra domanda di cibo”. La conversione dei terreni e la deforestazione che ne deriverebbero danneggerebbero il clima.

Timothy Bowles, direttore del Laboratorio di Agroecologia dell’Università della California, Berkeley, ha convenuto che le emissioni causate dalla coltivazione di una mela biologica potrebbero essere abbastanza simili a quelle di una mela convenzionale. Ma ha detto che questo è il parametro sbagliato su cui concentrarsi. “In fin dei conti, non è importante la quantità di gas serra prodotta per unità di prodotto”, ha spiegato. “È la quantità totale di gas serra prodotta nel sistema alimentare”.

E PER IL SUOLO?

Sebbene alcuni studi dimostrino che il suolo delle aziende agricole biologiche immagazzini più carbonio rispetto a quello delle aziende agricole convenzionali, la quantità e la durata del carbonio sono oggetto di un acceso dibattito.

Detto questo, un suolo sano è fondamentale per la sicurezza alimentare a lungo termine. Verena Seufert, scienziata della sostenibilità che si occupa di agricoltura presso l’Università di Hohenheim a Stoccarda, ipotizza che i terreni biologici siano più resistenti al clima, ma ha detto che non ci sono ancora abbastanza ricerche per trarre “conclusioni solide e sicure”.

[…]

L’ESPOSIZIONE AI PESTICIDI

Quindi, qual è la conclusione? Se la vostra unica preoccupazione è il cambiamento climatico, gli scienziati concordano sul fatto che le scelte alimentari più impattanti che potete fare sono ridurre il consumo di prodotti animali e sprecare meno cibo.

Tutti gli scienziati hanno dichiarato di acquistare prodotti biologici. Ma hanno indicato le persone, piuttosto che il pianeta, come la loro motivazione numero uno: nelle aziende agricole biologiche, i lavoratori sono esposti a meno pesticidi. “Per me questa è la chiave”, ha detto la dottoressa Bowles. “L’esposizione alle sostanze chimiche che l’agricoltura convenzionale comporta è molto, molto reale per le persone che sono coinvolte nella coltivazione. Ed è qui che penso che il biologico abbia un vantaggio molto chiaro”.

[…]

L’IMPATTO DEL BIOLOGICO SUL CLIMA E SULLA SALUTE

Il cibo biologico potrebbe essere migliore anche per le persone che lo mangiano. Uno studio del 2018 ha suggerito che gli alimenti biologici possono ridurre il rischio di cancro, anche se l’American Institute for Cancer Research sostiene che la cosa più importante sia mangiare frutta e verdura, biologica o meno.

La dottoressa Seufert ha inoltre sottolineato che l’agricoltura biologica può apportare benefici all’ambiente in modi importanti, come il miglioramento della biodiversità e della qualità dell’acqua. In definitiva, la dottoressa spera che l’ascesa del biologico spinga il sistema alimentare industriale a considerare l’impatto sull’ambiente e sull’uomo, piuttosto che la resa e il profitto.

“Non credo che si possa salvare il pianeta mangiando biologico”, ha detto. “Ma credo che sia una parte importante della soluzione”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top