Economia

Unicredit: numeri, obiettivi, dubbi e sportellate sul piano di Mustier

di

Unicredit alitalia

Che cosa prevede il nuovo piano industriale di Unicredit illustrato dal capo azienda Mustier e le prime reazioni di sindacati, esperti e analisti

CHE COSA HA DETTO MUSTIER SUL NUOVO PIANO UNICREDIT

L’ad Mustier, nel corso di una conference call, ha detto: “Lo ripeto: noi preferiamo il riacquisto di azioni, piuttosto che l’M&A. Al massimo, potremmo valutare qualche piccola acquisizione aggiuntiva. Ma in definitiva, non c’è alcuna operazione di M&A in programma”. Parola dell’amministratore delegato di Unicredit, Jean-Pierre Mustier, ieri presentando il nuovo piano industriale di Unicredit.

I SUBBUGLI SINDACALI IN UNICREDIT

Nel piano sono stimati risparmi per un miliardo da realizzare in Europa occidentale con 8mila tagli e la chiusura di 500 filiali. E a essere colpita in particolare sarà l’Italia, dove la banca ha intenzione di chiudere 450 agenzie e far uscire 5.500 persone, a cui si aggiungo altri 500 esuberi dal piano precedente. Totale: 6mila tagli. Sul tema «stiamo iniziando ora le trattative con i sindacati», ha detto Mustier. Che non ha dato dettagli su dove sono previste le uscite in Europa ma ha ricordato che «nel piano precedente abbiamo agito in modo socialmente responsabile e continueremo a farlo». La reazione dei sindacati non si è fatta attendere (qui il commento del leader della Fabi, Lando Maria Sileoni).

COME UNICREDIT STRIZZA L’OCCHIO AL MERCATO

UniCredit strizza l’occhio al mercato e mette sul tavolo 16 miliardi di creazione di valore dal 2020 al 2023, ha sintetizzato oggi il Sole 24 Ore: “Ma per riuscire a raggiungere questo risultato – non banale, visto un contesto di tassi negativi che mettono a dura prova la redditività -, la banca interviene con decisione sull’occupazione e annuncia 8mila tagli, tutti in Europa occidentale, di cui circa 6mila solo in Italia. È un piano strategico «pragmatico», come lo definisce la banca, quello presentato ieri a Londra dal ceo Jean Pierre Mustier. Il nuovo piano quadriennale “Team23” punta a centrare i target anche con ipotesi di mercato ultra-conservative, ovvero un Euribor a 3 mesi di -0,5% da qua fino al 2022 con un “rialzo” al -0,4% nel 2023”.

GLI OBIETTIVI DI MUSTIER PER UNICREDIT

Fra gli obiettivi principali, la distribuzione nell’arco di quattro anni di 8 miliardi di euro, alzando il payout al 40% già quest’anno grazie al 30% di dividendi pagati in contanti e al 10% di buyback. La distribuzione di capitale prevista sarà pari al 40% dell’utile netto dal 30% di oggi nel periodo 2020-2022, che salirà al 50% nel 2023, sempre con un mix tra dividendi cash e riacquisti di azioni, ha scritto Mf/Milano Finanza: “Nello specifico, 8 miliardi di capitale saranno girati ai soci nel periodo 2020-2023, inclusi 2 miliardi di buyback, mentre è prevista la crescita di 8 miliardi del patrimonio netto tangibile.Il gruppo guidato dal ceo Jean Pierre Mustier mira a un utile netto di 4,3 miliardi nel 2020 per salire a 5 miliardi nel 2023”.

I NUMERI DEL PIANO DI UNICREDIT

Il piano stima che “la crescita e il rafforzamento della base paneuropea di clienti produrranno ricavi resilienti, malgrado il contesto di tassi d’interesse negativi”, per 19,3 miliardi nel 2023, con una crescita annua composta (Cagr) del +0,8% dal 2018 al 2023.Fra gli obiettivi vi sono inoltre le esposizioni creditizie deteriorate (Npe) non core sotto 9 miliardi entro fine anno e sotto 5 miliardi entro fine 2020, un costo del rischio di 40 punti base nel 2023, con un rapporto tra esposizioni deteriorate lorde e totale crediti lordi inferiore al 3,8% nel 2023.

LA SINTESI DI MILANO FINANZA

La banca punta anche a un allineamento graduale dei portafogli di titoli sovrani nazionali (Btp) e a rivedere la struttura del gruppo grazie anche alla creazione di una subholding, con sede in Italia e non quotata, per le attività internazionali, ha aggiunto Mf: “La società andrà a racchiudere alcune attività di gruppo all’estero per ottimizzare nel medio termine i requisiti Mrel, i nuovi vincoli sul passivo delle banche introdotti qualche anno fa dalla direttiva europea sul risanamento e la risoluzione degli istituti di credito (Brrd). La nuova struttura dovrà inoltre servire a ridurre le esposizioni infragruppo e accorperà le attività di alcuni Paesi esteri, come le corporate bank in Austria e Germania e nell’area Central and Eastern Europe (Cee).

L’ANALISI DEL SOLE 24 ORE

Ha commentato oggi Alessandro Graziani del Sole 24 Ore: “Vista dalla prospettiva degli investitori, dall’arrivo di Mustier la banca è senz’altro più «bella» agli occhi del mercato, anche se la lunga serie di cessione di asset avvenuta nel frattempo ha ridotto il perimetro della grande banca paneuropea che è stata e che doveva essere. Il percorso intrapreso da Mustier pareva portare dritto a un merger europeo, che però ufficialmente il ceo ha sempre negato di cercare (anche se nei mesi scorsi tutti i media anglosassoni hanno dato conto di trattative riservate e fallite con SocGen e Commerzbank). Incertezza strategica? Forse. Il vero limite della nuova UniCredit, più che strategico, pare di identità. Rinuncia a diventare un colosso paneuropeo, senza però essere percepita come banca di riferimento in nessuno dei grandi Paesi in cui è presente. Una banca certamente più bella per trader e investitori. Ma senza un’anima. Non è detto che sia un difetto, ma per l’Italia è una novità”.

L’ARTICOLO DI BORZI SUL FATTO QUOTIDIANO

“La riduzione del personale è stata dovuta in parte anche alle cessioni: sotto la gestione Mustier UniCredit ha ceduto Fineco, la polacca Bank Pekao, è uscita dalla banca turca Yapi Kredi e dall’ucraina Ukrsotsbank, ha venduto l’asset manager Pioneer e le attività nelle carte in Italia, Germania e Austria, ha liquidato la quota in Mediobanca – ha scritto Nicola Borzi oggi sul Fatto Quotidiano – Il tutto per sostenere la redditività languente delle attività core e saziare gli inestinguibili appetiti degli azionisti”.

IL TWEET DI PAOLO MADRON, DIRETTORE DI LETTERA 43

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati