Economia

Unicredit, Mps, Creval e Popolare Bari, ecco come (non) vanno i recuperi dei crediti Npl

di

Tutti gli andamenti dei recuperi crediti nei progetti che hanno visto al centro banche come Unicredit, Mps, Creval, Popolare Bari e non solo

 

I servicer sono in media in ritardo, seppur lieve, rispetto ai recuperi previsti nei business plan nelle cartolarizzazioni di crediti deteriorati. È quanto emerge dalla prima ricerca di Moody’s sul tema, pubblicata ieri.

«Delle otto transazioni italiane con alle spalle un periodo sufficiente per analizzarne l’andamento, sei stanno mostrando recuperi lordi cumulati intorno o inferiori a quelli previsti dai business plan dei servicer», ha osservato l’agenzia di rating.

IL REPORT SUGLI NPL DI CREVAL, UNICREDIT, MPS, POPOLARE BARI

«La performance inferiore nei periodi iniziali può essere attribuita a una sottostima da parte degli special servicer per le operazioni in cui hanno preso il portafoglio solo al momento del closing. In altre parole, potrebbe essere solo un effetto temporaneo. Seguiremo da vicino l’evoluzione delle transazioni nei prossimi mesi per capire se è così».

L’ANALISI DI MOODY’S

In sostanza secondo Moody’s in alcuni casi potrebbe aver pesato il poco tempo a disposizione nell’analisi preliminare dei portafogli di crediti deteriorati, legato all’esigenza di chiudere le operazioni con rapidità. In un’altra cartolarizzazione in Portogallo analizzata dall’agenzia i recuperi sono stati superiori alle attese dei piani.

CHE COSA SUCCEDE AI PROGETTI CREVAL, UNICREDIT, MPS, POPOLARE BARI

Nel dettaglio per il progetto Elrond di Creval (servicer Cerved) sono stati recuperati 141 milioni lordi invece dei 189 previsti finora, per Fino1 di Unicredit (servicer doBank) 330 milioni su 345, per Siena Npl di Mps (Juliet, Italfondiario, Credito Fondiario e Prelios) 1.326 milioni su 1.360, per Popolare Bari 2016 (Prelios) 40 milioni su 46, per Popolare Bari 2017 (Prelios) 10 milioni su 15, per Bcc Npl di Iccrea (Prelios) 20 milioni su 22.

LE BUONE PERFORMANCE

I risultati sono stati invece superiori alle attese nel caso di Brisca di Carige (Prelios) con recuperi per 94 milioni invece di 69 e per Red Sea di Banco Bpm (Prelios) con 260 milioni invece di 216. I confronti tra operazioni sono comunque difficili perché ogni portafoglio ha caratteristiche diverse.

NIENTE PREOCCUPAZIONI

Moody’s non è preoccupata per l’andamento dei recuperi. Se in futuro in alcuni casi i dati dovessero peggiorare, è possibile in teoria una revisione dei rating delle tranche delle operazioni. L’agenzia comunque ha già utilizzato nei giudizi attuali previsioni più prudenti rispetto a quelle dei business plan dei servicer, quindi uno scostamento ridotto come quello attuale non produce conseguenze. «I servicer italiani stanno generalmente recuperando a un ritmo più lento di quanto avevano inizialmente previsto».

I RECUPERI LORDI

Tuttavia, hanno aggiunto gli analisti di Moody’s, «i recuperi lordi effettivi sono stati superiori alle nostre aspettative, che ipotizzano un determinato scenario dei futuri prezzi immobiliari, per tutte le operazioni ad eccezione di Popolare Bari 2017, che è solo leggermente indietro».

(articolo pubblicato su Mf/Milano Finanza)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati