skip to Main Content

Tutti i consigli green delle banche centrali. Report Ft

Inquinatori

Le maggiori banche centrali identificano nove modi per rendere le loro politiche più verdi. L’approfondimento del Financial Times

 

Le più grandi banche centrali del mondo hanno identificato nove modi in cui potrebbero usare la politica monetaria per affrontare i rischi del cambiamento climatico, compresi acquisti di beni più verdi e schemi di prestito legati al clima, secondo un nuovo rapporto.

Le opzioni sono state delineate dal Network for Greening the Financial System, un gruppo di 89 banche centrali e supervisori finanziari formato per sostenere gli obiettivi climatici di Parigi, in una ricerca pubblicata mercoledì.

Il rapporto consiglia ai banchieri centrali come proteggersi dai rischi del cambiamento climatico e sostenere le politiche verdi dei loro governi nazionali senza diluire i loro principali strumenti di politica monetaria. Ogni opzione è stata valutata per la sua efficacia nell’affrontare il rischio climatico e il suo impatto sulla politica monetaria – scrive il FT.

“Questa è una vera pietra miliare, una prima nel suo genere, che offre alle banche centrali di tutto il mondo nove opzioni per affrontare il cambiamento climatico”, ha detto Sabine Mauderer, un dirigente della Bundesbank che ha supervisionato il rapporto NGFS. “È un kit di strumenti, lasciando a ciascuna banca centrale il compito di decidere quale opzione si adatta meglio a loro a seconda del loro mandato, della loro giurisdizione e della loro esposizione ai rischi climatici”.

Il riscaldamento globale è balzato all’ordine del giorno delle principali banche centrali nell’ultimo anno. Per esempio, la Banca d’Inghilterra ha assunto un nuovo mandato per rendere la sua politica monetaria più verde e la Federal Reserve degli Stati Uniti ha recentemente deciso di aderire al NGFS. La Banca centrale europea ha fatto del tema una parte significativa della revisione della sua strategia.

Tuttavia, la questione se le banche centrali debbano usare i loro programmi multimiliardari di acquisto di obbligazioni per affrontare il rischio climatico, vendendo le obbligazioni dei grandi emettitori di carbonio e comprando più obbligazioni verdi, è una delle aree più controverse della politica monetaria.

Il rapporto NGFS ha proposto due modi per le banche centrali di rendere più verdi i loro acquisti di asset aziendali. Uno è quello di orientarli verso gli emittenti che si comportano meglio rispetto a una metrica climatica scelta, e un altro è quello di escludere le attività, gli emittenti o i settori che producono la maggior parte delle emissioni di carbonio, come le centrali a carbone.

Il NGFS definisce quattro modi in cui le banche centrali potrebbero cambiare le regole sul collaterale che accettano dalle banche – come tagliare il valore del collaterale delle attività a più alta intensità di carbonio – e ha esaminato tre modi in cui le banche centrali potrebbero rendere i propri prestiti più verdi.

Uno sarebbe quello di offrire un tasso di finanziamento più basso alle banche che soddisfano certi criteri di prestito legati al clima – come la banca centrale del Bangladesh sta facendo dal 2009. Un secondo è quello di abbassare il tasso di finanziamento per le banche che offrono garanzie con una minore impronta di carbonio. Infine, le banche centrali potrebbero subordinare l’accesso ai loro finanziamenti al raggiungimento di una soglia per i prestiti verdi o per la divulgazione del rischio climatico.

Mentre solo poche banche centrali, come la BoE, hanno tentato di quantificare l’impronta di carbonio delle loro azioni di politica monetaria, Mauderer ha detto che è importante che più di loro lo facciano, “perché è davvero dare l’esempio”.

Tuttavia, il rapporto ha detto che questo sarebbe stato “impegnativo” a causa di “problemi di copertura dei dati e questioni metodologiche”.

Ha fatto l’esempio delle obbligazioni coperte, che sono veicoli che riuniscono molti prestiti bancari individuali che le banche centrali acquistano e accettano come garanzia; i dati climatici per i prestiti sottostanti sono spesso non disponibili.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore