Economia

Tutte le sfide del Recovery Plan

di

Recovery Plan

Il Recovery Plan: a luglio la prova di fuoco coi partiti. L’intervento di  Giovanna Ferrara, Presidente di Unimpresa


I sì al governo per il Recovery Plan arrivati da Camera e Senato hanno diverse ambiguità. Perché bisognerà chiedersi cosa accadrà quando si discuteranno, a maggio e giugno, tutti i dettagli dei vari capitoli di spesa. Bisognerà analizzare e capire bene quali contrasti emergeranno fra forze politiche della maggioranza perché si troveranno di fronte riforme strutturali per il nostro Paese, la giustizia e la pubblica amministrazione, oppure quelle economiche come la concorrenza e il fisco, dove le posizioni fra i partiti sono radicalmente diverse e difficilmente cambieranno. Si tratta di temi e argomenti che accenderanno la conflittualità fra i partiti e all’interno degli stessi partiti. Luglio, insomma, diventa il mese determinante: il premier, Mario Draghi, presenterà le leggi delega che rappresentano il primo passo delle varie riforme e in quel momento potrebbero esplodere tutte le contraddizioni della maggioranza. È in gioco la rappresentanza sociale dei partiti, che per gli stessi partiti rappresenta una questione vitale. Centro-destra e centro-sinistra hanno mondi di riferimento estremamente diversi ed è complicato che su determinati argomenti, che spostano, possano trovare un punto di mediazione. E, in quel momento, cioè luglio, potrebbe essere messo in discussione il carattere di “neutralità” che è virtualmente scritto nell’atto di nascita del governo Draghi.

In ogni caso, la valutazione sul Recovery Plan è positiva, soprattutto su alcune cose fondamentali: digitale, transizione ecologica e istruzione. C’è da dire che è solo un pezzo di un piano di rilancio del nostro Paese. Il Pnrr (Piano nazionale di riprese e resilienza) è un tassello, nei prossimi cinque, sei anni l’Italia potrà investire il doppio o il triplo se consideriamo tutti gli investimenti pubblici statali e i fondi europei. Le sfide sono: la regia unica, la trasparenza, la realizzazione, la semplificazione. E poi sarà fondamentale difendere le decisioni che spesso vengono bloccate o impugnate, da soggetti pubblici e privati. Poi bisognerà scatenare le energie della pubblica amministrazione e dei privati. La pubblica amministrazione deve essere uno stimolo fondamentale, ma molto possono fare le imprese e il no-profit: le leggi in questo senso già ci sono, ma le vere riforme vanno finanziate e spinte.

La ripartizione dei soldi del Recovery Fund è destinata comunque a creare polemiche, a dividere perché alla base di molti partiti e comunque gli scontenti ci saranno sempre. Dal punto di vista della quantità, insomma, i fondi non sono pochi. La differenza, rispetto agli sprechi del passato, la farà la qualità dell’investimento e la rapidità e l’esecuzione dei progetti. Ciò vale in tutti gli ambiti: il Sud, la scuola, la sanità, la transizione digitale, l’ambiente e le infrastrutture.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati