skip to Main Content

Perché il Wall Street Journal sbuffa sulla tassa minima globale

Tassa Minima Globale

Come una tassa minima globale potrebbe influenzare i mercati, secondo il Wall Street Journal

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti vuole un’aliquota fiscale minima globale del 15%, una richiesta ridotta dal livello del 21% che aveva precedentemente suggerito. Se la politica dovesse mai passare, questo potrebbe comunque avere un impatto marcato sui mercati internazionali – scrive il WSJ.

Su una base nominale, la tassa del 15% sposterebbe diversi paesi non considerati tipicamente paradisi fiscali – Thailandia, Regno Unito e Vietnam, per esempio – verso il margine positivo della situazione.

Sia a Hong Kong che a Singapore, le aliquote dell’imposta sulle società sono comprese tra il 15% e il 21%. Ma in realtà, come notato dagli economisti asiatici di Citi, le loro aliquote effettive sono rese considerevolmente più basse da varie agevolazioni e incentivi e un livello del 15% probabilmente causerebbe ancora problemi. L’Irlanda e Macao, con aliquote d’imposta societarie rispettivamente al 12,5% e al 12%, sarebbero entrambe colpite anche senza considerare alcuna agevolazione o incentivo.

Un certo numero di grandi aziende americane fanno più del 50% del loro reddito a livello internazionale, e hanno sia aliquote fiscali effettive estere che aliquote fiscali effettive di consenso 2022 inferiori al 15%, secondo un’analisi di Goldman Sachs. Questa lista include NVIDIA Corp. Broadcom Inc., Las Vegas Sands Corp. e Microchip Technology Inc. Gli analisti vedono meno impatti in Europa, dove la stragrande maggioranza delle aziende paga già oltre il 21%.

Paradossalmente, più basso è il minimo proposto, maggiore è la minaccia per i paradisi più ovvi come Jersey, le Isole Cayman e le Isole Vergini Britanniche. Poiché questi territori hanno aliquote d’imposta sulle società dello 0%, saranno colpiti da un accordo su qualsiasi livello e una proposta più bassa è più probabile che raccolga un ampio sostegno internazionale.

I settori relativamente meno tassati del mercato azionario hanno sovraperformato considerevolmente dalla crisi finanziaria globale, cosa che non è passata inosservata ai politici. Anche se lasciamo da parte l’idea di una tassa minima globale, l’amministrazione Biden prevede di raddoppiare la tassa sul reddito globale intangibile a bassa tassazione rimpatriato dall’estero, noto come Gilti.

Una possibilità interessante sollevata dagli analisti di credito della Danske Bank è che una tassa minima globale – e tassi più alti in generale – potrebbe aumentare i livelli di debito aziendale al margine, esacerbando il pregiudizio verso il finanziamento del debito che è già incorporato nella maggior parte dei sistemi fiscali.

Mentre non è ancora chiaro se una tassa minima globale passerà mai, il tarlo sembra aver girato sui livelli di imposte societarie in generale. Le aziende che pagano tasse societarie molto basse – e i loro investitori – dovrebbero prepararsi all’impatto.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore