skip to Main Content

Sms Cingolani-Friedman, i Servizi di Meloni, le news di TeleCairo, ribaltone in Tim?

Arnese

Tim, Cairo, Meloni, Cingolani, Friedman, Ferrara, Salvini e non solo. Pillole di rassegna stampa nei tweet di Michele Arnese, direttore di Startmag

 

I SERVIZI DI GIORGIA MELONI

 

GLI SMS DI CINGOLANI A FRIEDMAN

 

IL DRAGHIANO CALENDA STRATTONA DRAGHI

 

DOSSIER ELETTRIZZANTI

 

DOSSIER PEPPA PIG

 

LE NEWS DI TELECAIRO

 

LE INEDITE SINTONIE SALVINI-FERRARA

 

LA BCE VISTA DALL’ECONOMISTA BOCCONIANO DONATO MASCIANDARO

 

CARTOLINA DALL’ARGENTINA

 

TIM, RIBALTONE ALLA FRANCESE?

 

QUISQUILIE E PINZILLACCHERE TV

+++

ESTRATTO DI UN ARTICOLO DI REPUBBLICA SU TIM PUBBLICATO IL 9 SETTEMBRE:

Un’altra giornata di passione per il titolo Telecom Italia in Borsa. La quotazione a fine seduta segnava 0,192, il 5,15% in meno del giorno precedente. Calcolando anche le azioni di risparmio che non danno diritto di voto e che ieri hanno perso il 4,04% ora la società telefonica a Piazza Affari vale solo 4,2 miliardi. Le ragioni di un simile scivolone sono sostanzialmente tre: l’aumento dei tassi di interesse dello 0,75% deciso ieri dalla Bce che penalizza le società altamente indebitate come Telecom; gli screzi tra i due principali soci, Vivendi e Cdp, che non riescono a mettersi d’accordo sulle modalità con cui portare avanti il progetto di rete unica; un management che evidentemente non gode della fiducia degli investitori nel realizzare quanto promesso. Questi tre fattori, al momento, stanno portando Telecom in avvitamento, nel senso che un valore dell’equity (patrimonio) espresso dalla Borsa sempre più basso crea preoccupazione tra i detentori di bond, che vedono affievolirsi sempre più il cuscinetto che li separa da eventuali erosioni del capitale. Inoltre, a questi livelli di prezzo, il mercato sta dicendo esplicitamente che non sarebbe in grado di seguire eventuali aumenti di capitale. Alla fine del secondo trimestre Telecom dichiarava un debito finanziario lordo di 30,188 miliardi, di cui il 60% circa in obbligazioni, con una scadenza media di 6,78 anni a un costo medio del 4%. Quando la società dovrà andare sul mercato a rifinanziarsi le condizioni potrebbero essere molto peggiorate. Le agenzie di rating, tra cui in particolare S&P, stanno monitorando da vicino la situazione. Dopo aver abbassato il rating a BBcon outlook negativo lo scorso 23 marzo, S&P ha emesso una nota il 12 luglio scorso – a valle del Capital market day in cui l’ad Pietro Labriola ha illustrato le modalità di separazione delle varie attività di Telecom – in cui scriveva: «Continuiamo a focalizzarci sulle attività integrate senza tener conto del piano strategico di divisione delle attività in una ServiceCo, che il gruppo manterrebbe, e una NetCo da vendere e i cui proventi servirebbero a ridurre i debiti della ServiceCo». In pratica l’agenzia di rating ha sospeso il giudizio perché, «a questo stadio, il piano rimane un tentativo». E in effetti è così visto che il management non riesce ad imprimere un’accelerazione e i soci faticano a trovare un accordo sulla valutazione della NetCo. Il percorso seguito da Vivendi per cercare di ottenere un prezzo soddisfacente dalla vendita della rete a Cdp non sembra dare i suoi frutti. La discesa in campo del suo advisor Rothschild che scrive al cda e mette in guardia i consiglieri su eventuali svendite, e le due lettere successive di Arnaud de Puyfontaine che denunciano il conflitto di interessi di Cdp, seduta da due parti del tavolo, non hanno certo facilitato l’inizio della trattativa. E instillano nel mercato il dubbio che la trattativa sia su un binario morto anche nel caso arrivasse da Cdp un’offerta intorno ai 20-21 miliardi, contro i 31-34 chiesti dai francesi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore