skip to Main Content

Simest, ecco i settori trainanti per le pmi che esportano

Simest

Nel primo semestre 2021 Simest (gruppo Sace-Cdp) ha sostenuto l’export di 30 Pmi e MidCap italiane per oltre 200 milioni. Ecco Paesi di destinazione e settori trainanti

 

I settori trainanti si confermano quelli dei macchinari tessili, delle macchine agricole, della lavorazione dei metalli, della produzione della carta e gli impianti per la produzione di tensioattivi, settori nei quali, nonostante il difficile momento storico, le imprese italiane hanno saputo mantenere le loro posizioni di mercato.

E’ quanto sottolinea Simest, la società controllata da Sace che sostiene la crescita delle imprese italiane attraverso l’internazionalizzazione della loro attività.

Nel primo semestre 2021 Simest ha supportato più di 30 imprese italiane – principalmente PMI – produttrici di beni strumentali consentendo loro di esportare in quasi 30 Paesi ed incassare circa 210 milioni di euro.

Il sostegno di Simest è avvenuto su operazioni di Credito fornitore attraverso il “Contributo Export”, un contributo a fondo perduto a parziale o totale riduzione del costo dello smobilizzo di titoli di pagamento che vengono normalmente emessi dall’acquirente estero a fronte delle dilazioni a medio e lungo termine concesse nei contratti di vendita. Alcune delle operazioni hanno beneficiato anche della copertura della Sace.

Tra i Paesi di destinazione delle forniture non solo Brasile, Cina e Pakistan – che hanno visto il maggior numero delle transazioni del primo semestre – ma anche mercati come Colombia, Messico e Ucraina hanno consentito a tante imprese italiane di rafforzare il proprio posizionamento.

Di seguito solo alcune tra le imprese italiane supportate da Simest, come si legge in una nota della società del gruppo Cdp:

  • Celli Papers. La Pmi lucchese esporterà in Cina e Ucraina due impianti per la produzione di carta per oltre 12 milioni di euro;
  • Marzoli Machine Textile. La Pmi bresciana che produce macchinari per la preparazione e la filatura di fibre a taglio cotoniero per i settori “tessuti” e “tessuti non tessuti”. Grazie al supporto di Simest ne esporterà 5 in Pakistan e 1 in Bangladesh per un totale di circa 11,5 milioni di euro;
  • Desmet Ballestra, società con sede produttiva a Busto Arsizio, leader mondiale nella progettazione e fornitura di impianti per la produzione di detergenti, tensioattivi e sapone si è aggiudicata, grazie al contributo di Simest, contratti in Angola, Colombia, Iraq, Malaysia e Pakistan per circa 7,5 milioni di euro;
  • Faresin Formwork, MidCap vicentina, leader mondiale nella progettazione, produzione e messa in opera di casseformi per l’edilizia. Ha ottenuto il supporto di Simest per forniture in USA per circa 0,5 milioni di euro complessivi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore