skip to Main Content
ads

Si avvicina il tapering?

Fed

“Mercato del lavoro Usa – Il miglioramento di luglio avvicina il tapering… ma senza fretta”, a cura di Antonio Cesarano, chief global strategist di Intermonte

I dati di luglio sul mercato del lavoro evidenziano un miglioramento omogeneo in tutti i principali settori e, inoltre, con incremento anche della forza lavoro, ossia di persone che stanno effettivamente ritornando almeno a ricercare attivamente lavoro

Con riferimento agli occupati, il settore maggiormente atteso per il possibile apporto positivo, era quello del comparto leisure/hospitality che non ha deluso con un incremento di 380.000 unità, poco meno della metà del totale dei nuovi occupati di luglio.

Questo comparto inoltre ha presentato incrementi dei salari tra i maggiori all’interno del dato.

 

Sul fronte forza lavoro, si registra inoltre un incremento di 261.000 unità, che ha contribuito al ridimensionamento del tasso di disoccupazione dal 5,9% al 5,4%.

IN SINTESI

I segnali di miglioramento che la Fed ha dichiarato di attendersi dal mercato del lavoro stanno iniziando ad emergere. Questo consente alla Fed di portare avanti il conto alla rovescia del tapering, senza accelerare però troppo il conteggio.

Questo consente alla banca centrale di riservarsi di intervenire tramite tapering per cercare di moderare l’inflazione in maniera non frettolosa, per tenere conto anche dell’impatto dei vari colli di bottiglia e della evoluzione della pandemia e attendere quindi ulteriori miglioramenti, soprattutto dal fronte del tasso di partecipazione che nel mese di luglio è salito marginalmente al 61,7%, ancora distante dal circa 63% della fase pre-pandemica.

La parola passa ora ai dati sull’inflazione di luglio in pubblicazione la prossima settimana

OPERATIVAMENTE

STRATEGIA: lo scenario per i prossimi 3-6 mesi rimane al momento improntato a tassi mediamente più bassi con curva in flattening, in vista dei rallentamenti prospettici che potrebbero derivare dall’effetto congiunto colli di bottiglia/convivenza con la variante in autunno, con particolare focus sul fatto che buona parte della catena di fornitura utilizza anche i lockdown per controllare il virus

TATTICA: il mese di agosto presenta la possibilità di un rimbalzo dei tassi (primo obiettivo area 1,40% del tasso decennale US) e conseguente steepening della curva, soprattutto se la prossima settimana i dati sull’inflazione confermeranno ancora un posizionamento su livelli elevati.

Lo scenario descritto si presenta mediamente supportivo per il comparto azionario in vista di tassi complessivamente contenuti e Fed che si avvicina al tapering senza fretta + Bce accomodante a lungo.

Nelle fasi di temporaneo rimbalzo dei tassi ritorna in auge il comparto value e quindi maggiormente l’area Euro. Su un orizzonte più lungo, o scenario delineato, è complessivamente più favorevole agli Usa, data la maggiore presenza di settori più sensibili al calo dei tassi.

Sul fronte cambio, confermato lo scenario di un’estate mediamente a favore del dollaro (obiettivo area 1,16, senza la pretesa di centrare con precisione il target) in vista di un diverso atteggiamento di Fed vs Bce, il che è anche benvenuto da un paese come gli Usa con forte disavanzo commerciale, per contenere almeno l’inflazione importata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore