Economia

Remdesivir, ecco l’accordo governo Usa-Gilead sul prezzo del farmaco anti Covid per gli americani

di

fondazione Gimbe covid-19 pandemia rt r0

Remdesivir, il primo farmaco che si è dimostrato efficace contro il coronavirus, sarà distribuito in base a un inusuale accordo tra Gilead e governo Usa che stabilisce prezzi non negoziabili e dà priorità ai pazienti americani, scrive il New York Times.

Remdesivir-Gilead, ecco tutte le novità dagli Stati Uniti.

Remdesivir, il primo farmaco che si è dimostrato efficace contro il coronavirus, sarà distribuito in base a un inusuale accordo con il governo federale che stabilisce prezzi non negoziabili e dà priorità ai pazienti americani, hanno annunciato i funzionari sanitari, scrive il New York Times.

L’accordo può servire come modello per la distribuzione di nuovi trattamenti e vaccini in caso di pandemia, ha detto Ernst Berndt, un economista sanitario presso il Massachusetts Institute of Technology Sloan School of Management.

Remdesivir sarà venduto a 520 dollari a fiala, o 3.120 dollari a cicli di trattamento, agli ospedali per il trattamento di pazienti con assicurazione privata.

Il prezzo sarà fissato a 390 dollari per fiala, o 2.340 dollari per ciclo di trattamento, per i pazienti con assicurazione sponsorizzata dal governo e per quelli di altri paesi con sistemi sanitari nazionali.

Il farmaco sarà venduto solo negli Stati Uniti fino a settembre, il che significa che i pazienti americani riceveranno quasi tutta la produzione di Gilead, più di 500.000 cicli di trattamento.

Il Servizio sanitario nazionale e i dipartimenti sanitari statali hanno assegnato il farmaco agli ospedali di tutto il paese in base alle necessità.

Dopo settembre, non avranno più un ruolo nel determinare dove il farmaco viene inviato. Il costo finale del farmaco è sempre stato incerto. “Non c’è un manuale su come valutare un nuovo farmaco in caso di pandemia”, ha detto Daniel O’Day, amministratore delegato di Gilead, in una dichiarazione.

Il nuovo prezzo non è esorbitante, hanno detto molti esperti. Altri farmaci promettenti ora in fase avanzata di sperimentazione sono già sul mercato per altri scopi e costano diverse volte di più del remdesivir.

L’Institute for Clinical and Economic Review, un gruppo no-profit che calcola prezzi equi per i farmaci, ha stimato che Gilead avrebbe dovuto addebitare 1.600 dollari a regime per recuperare i costi. Ma fino a 5.080 dollari per ciclo di trattamento sarebbe comunque un prezzo conveniente per gli assicuratori, dato che i pazienti potrebbero lasciare l’ospedale prima. I critici hanno a lungo accusato Gilead di aver fatto pagare troppo per farmaci innovativi, tra cui le prime cure per l’epatite C e Truvada, una pillola quotidiana per prevenire l’infezione da HIV.

In una dichiarazione di lunedì, l’Institute for Clinical and Economic Review ha messo in guardia: “Gilead ha il potere di prezzare il remdesivir a piacimento negli Stati Uniti, e nessun assicuratore governativo o privato potrebbe mai prendere in considerazione l’idea di allontanarsi dal tavolo delle trattative”.

Ma poiché molti analisti di Wall Street si aspettavano che il farmaco costasse circa 5.000 dollari per un ciclo di trattamento, il prezzo più basso “può essere visto come una decisione responsabile da parte di Gilead”, ha aggiunto l’istituto.

Public Citizen, il gruppo di difesa dei consumatori, ha descritto il nuovo prezzo come offensivo, osservando che il remdesivir è stato sviluppato con più di 70 milioni di dollari di denaro pubblico.

Ma Jalpa Doshi, della University of Pennsylvania, ha osservato che un vantaggio del remdesivir potrebbe essere intangibile. “Questo trattamento e altri, così come i vaccini, possono aiutare a ridurre la paura del virus, un fattore importante per renderne conto del suo valore”, ha detto.

Altrettanto inusuale quanto il prezzo del Remdesivir sarà la sua distribuzione.

Il piano è che Gilead spedisca il farmaco ad AmerisourceBergen, uno dei diversi grossisti di farmaci che soddisfano gli ordini dei singoli fornitori di assistenza sanitaria come gli ospedali. Fino alla fine di settembre, AmerisourceBergen fornirà il remdesivir agli ospedali in base alle necessità, come descritto dai dipartimenti sanitari statali e dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani.

Dopo settembre, “una volta che le forniture saranno meno vincolate, l’H.H.S. non gestirà più l’assegnazione”, ha detto Gilead. Non è chiaro come le esigenze dei pazienti saranno prese in considerazione nelle decisioni di distribuzione a quel punto.

(articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati