skip to Main Content

Come va la recessione? Report Wsj

Recessione

C’è incertezza sull’andamento dell’economia globale, ma secondo gli analisti la recessione sarà breve in Europa e negli Usa. L’approfondimento del Wall Street Journal

L’economia globale ha continuato a deteriorarsi al termine del 2022, ma non così gravemente come gli economisti temevano in precedenza, aumentando la possibilità che il mondo possa evitare un crollo pesante l’anno prossimo.

Le indagini congiunturali pubblicate mercoledì hanno evidenziato un calo della produzione nelle maggiori economie statunitensi ed europee nel mese di novembre. Tuttavia, i dati e le altre letture economiche indicano prospettive contrastanti, con alcune parti di entrambe le economie che continuano a mostrare una certa resistenza nonostante l’inflazione elevata e l’aumento dei tassi di interesse.

In Cina, la seconda economia mondiale, le prospettive sono molto incerte, dato che il Paese sta affrontando un’impennata di casi di Covid-19. Gli economisti si aspettano una ripresa della crescita e un aumento dei tassi di interesse. Gli economisti prevedono una ripresa della crescita l’anno prossimo, grazie al tentativo di Pechino di allentare le severe politiche contro la pandemia.

La tenuta del mercato del lavoro statunitense e la solidità dei bilanci delle famiglie sostengono la spesa dei consumatori, principale motore dell’economia. Un consumo sano ha contribuito ad alimentare le vendite al dettaglio in ottobre e potrebbe far crescere l’economia più grande del mondo alla fine di quest’anno. Le prospettive degli Stati Uniti dipendono in parte dal modo in cui supereranno gli aumenti dei tassi d’interesse della Federal Reserve, volti a raffreddare l’inflazione, che si sta avvicinando ai massimi da 40 anni a questa parte.

L’Europa sta subendo meno perturbazioni economiche dalla decisione della Russia di limitare le forniture di energia rispetto a quanto temuto dagli analisti. Molte famiglie e imprese della regione si stanno adattando, ad esempio riducendo il consumo di energia, ha dichiarato Adam Posen, presidente del Peterson Institute for International Economics. I governi europei hanno anche distribuito alle famiglie aiuti fiscali più consistenti del previsto per far fronte all’aumento dei costi energetici e alimentari, ha aggiunto.

“Alla fine più del 75% dell’economia mondiale se la caverà piuttosto bene”, ha detto Posen. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea “probabilmente avranno recessioni relativamente brevi e non terribili e torneranno a crescere forse già nel quarto trimestre del 2023”.

Tuttavia, molti Paesi in via di sviluppo sono in ritardo. David Malpass, capo della Banca Mondiale, ha avvertito in precedenza che i Paesi in via di sviluppo devono affrontare un ulteriore rischio economico: le politiche adottate dalle economie avanzate per affrontare l’inflazione e il rallentamento economico potrebbero lasciare capitali insufficienti per i Paesi più poveri.

S&P Global ha dichiarato che il suo indice di produzione composito per gli Stati Uniti, che include i servizi e l’attività manifatturiera, è sceso a 46,3 a novembre da 48,2 del mese precedente, tra le contrazioni più rapide dal 2009. Un indice inferiore a 50 indica una contrazione dell’attività economica, mentre un indice superiore a 50 indica una crescita.

“Le aziende segnalano crescenti difficoltà dovute all’aumento del costo della vita, all’inasprimento delle condizioni finanziarie – in particolare all’aumento dei costi di finanziamento – e all’indebolimento della domanda sia nei mercati nazionali che in quelli di esportazione”, ha dichiarato Chris Williamson, capo economista aziendale di S&P Global Market Intelligence.

Le imprese statunitensi hanno tuttavia riferito che le pressioni inflazionistiche si sono attenuate a novembre, con un raffreddamento dei prezzi dei materiali e dei costi di trasporto.

Il costo economico dell’aumento dei prezzi dell’energia è stato evidente nelle indagini dei responsabili degli acquisti delle imprese europee, che hanno registrato un altro mese di calo dell’attività a novembre. S&P Global ha dichiarato che il suo indice di produzione composito per la zona euro è salito a 47,8 a novembre da 47,3 a ottobre, ma è rimasto al di sotto della soglia di 50 che distingue una contrazione da un’espansione.

Le prospettive economiche globali rimangono molto incerte. Un grande interrogativo negli Stati Uniti è la rapidità con cui l’inflazione scenderà. Il ritmo con cui lo farà contribuirà a determinare il livello di rialzo dei tassi di interesse da parte della Fed e la durata del loro mantenimento. Quest’anno la banca centrale ha aumentato i tassi al ritmo più veloce dagli anni Ottanta. Molti economisti si aspettano che l’aumento dei costi di indebitamento possa danneggiare la spesa con maggiore forza nei prossimi mesi, minacciando la crescita degli Stati Uniti.

All’inizio di questo mese, secondo i verbali della riunione dei policy maker dell’1-2 novembre, pubblicati mercoledì, la recessione degli Stati Uniti per il prossimo anno era “quasi altrettanto probabile” della loro proiezione di base di una crescita debole. Ciò ha rappresentato un declassamento delle prospettive economiche a causa dell’inasprimento delle condizioni finanziarie verificatosi in autunno.

Le economie europee dovranno affrontare i venti più forti nei prossimi mesi. Martedì il gigante russo del gas naturale Gazprom PJSC ha minacciato di ridurre ulteriormente le esportazioni verso l’Europa attraverso l’Ucraina a partire dalla prossima settimana, mettendo in discussione una delle ultime vie di trasporto del gas russo verso l’Europa.

La riduzione delle restrizioni di Covid-19 in Cina è fondamentale per la ripresa della crescita prevista per l’anno prossimo, ma la recente impennata delle infezioni ha sollevato dubbi sulla rapidità con cui ciò potrà avvenire.

“La messa a punto della politica sul Covid-19 è ora messa alla prova dal continuo aumento dei casi, soprattutto nel polo produttivo di Guangzhou”, ha dichiarato Magdalene Teo, responsabile della ricerca sul reddito fisso in Asia per Julius Baer. “La Cina si sta rendendo conto che riaprire questo inverno non sarà facile”.

Molti previsori vedono la produzione globale in crescita di circa il 2% l’anno prossimo. Si tratterebbe di una brusca decelerazione rispetto a quest’anno e ben al di sotto della media del 3,3% registrata nel decennio precedente l’inizio della pandemia di Covid-19, ma che comunque produrrebbe un piccolo aumento della produzione pro capite.

Anche se si prevede un inizio debole per il 2023 in molti dei Paesi più ricchi del mondo, gli economisti sono cauti nel prevedere una recessione globale.

“Anche se non prevediamo formalmente una recessione globale da un punto di vista strettamente tecnico, per gran parte dell’economia mondiale sembrerà una recessione”, ha dichiarato Marcelo Carvalho, responsabile globale dell’economia di BNP Paribas.

In termini pratici, ciò significa che le difficoltà che molte nazioni, imprese e consumatori di tutto il mondo hanno sperimentato quest’anno – con forti variazioni regionali – non sono finite.

Per l’anno prossimo si prevede che gli Stati Uniti guadagnino poco. L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico prevede che la produzione economica statunitense crescerà a un tasso annuo dello 0,5% nel 2023, in calo rispetto all’1,8% stimato per il 2022. Gli economisti intervistati dal Wall Street Journal ritengono che il prodotto interno lordo degli Stati Uniti crescerà a un tasso annuo dello 0,4% nel 2023 e vedono una crescente possibilità di recessione nel prossimo anno.

L’Europa sembra in grado di evitare gli esiti peggiori delle interruzioni energetiche. Un ottobre mite e alti livelli di stoccaggio del gas rendono meno probabile che le fabbriche europee debbano affrontare un razionamento dell’energia. Di conseguenza, gli economisti di Barclays prevedono un calo dell’1,3% del prodotto interno lordo, inferiore allo scenario peggiore che prevedeva un calo del 5%.

Anche se le condizioni potrebbero iniziare a migliorare l’anno prossimo, gli economisti hanno avvertito che l’economia globale rimane in una posizione precaria.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore