skip to Main Content

Intelligenza Artificiale Aziende

Quando ci sarà la vera rivoluzione dell’intelligenza artificiale per le aziende. Report Economist

A parte le big tech - che comunque stanno spendendo soprattutto per sviluppare prodotti di IA per altri, piuttosto che per aumentare la propria produttività - la maggior parte delle aziende non sta investendo nell'intelligenza artificiale. Ecco perché. L'articolo dell'Economist

 

Se ci si sposta a San Francisco è difficile non essere travolti dalla mania per l’intelligenza artificiale (IA). Le pubblicità raccontano di come questa tecnologia rivoluzionerà il vostro posto di lavoro. Nei bar si specula su quando le macchine diventeranno più avanzate degli esseri umani. Le cinque grandi aziende tecnologiche – Alphabet, Amazon, Apple, Meta e Microsoft, tutte con sedi o avamposti nelle vicinanze – stanno investendo ingenti somme. Quest’anno si stima che abbiano stanziato 400 miliardi di dollari per le spese di capitale, soprattutto per l’hardware legato all’IA e per la ricerca e lo sviluppo – scrive The Economist.

GRANDI INVESTIMENTI PER PICCOLI RISULTATI

Nella capitale mondiale della tecnologia si dà per scontato che l’IA trasformerà l’economia globale. Ma perché questa possa esprimere il suo potenziale, le aziende di tutto il mondo devono acquistare l’IA delle big tech, adattarla alle loro esigenze e diventare di conseguenza più produttive. Nell’ultimo anno gli investitori hanno aggiunto 2 trilioni di dollari al valore di mercato delle cinque grandi aziende tecnologiche, proiettando di fatto 300-400 miliardi di dollari in più di ricavi annuali, secondo le nostre stime approssimative, circa quanto un’altra Apple in termini di vendite annuali. Per ora, però, i titani della tecnologia sono lontani da questi risultati. Persino gli analisti più ottimisti pensano che quest’anno Microsoft guadagnerà solo circa 10 miliardi di dollari dalle vendite legate alle tecnologie di intelligenza artificiale generativa (IAg). Al di là della costa occidentale americana, ci sono pochi segni che l’IA stia avendo un grande effetto su qualcosa.

[…]

LE AZIENDE NON USANO (DAVVERO) L’IA

E in un certo senso lo sono. Quasi tutti usano l’IA quando cercano qualcosa su Google o scelgono una canzone su Spotify. Ma l’incorporazione dell’IA nei processi aziendali rimane un’attività di nicchia. Le agenzie statistiche ufficiali pongono domande relative all’IA alle aziende di tutti i tipi e in una gamma più ampia di settori rispetto a Microsoft e LinkedIn. Il Census Bureau americano produce le stime migliori. Scopre che solo il 5% delle aziende ha utilizzato l’IA negli ultimi quindici giorni. Persino a San Francisco molti tecnici ammettono, se sollecitati, di non sborsare 20 dollari al mese per la versione migliore di ChatGpt.

La storia è simile anche altrove. Secondo i dati ufficiali canadesi, negli ultimi 12 mesi il 6% delle aziende del Paese ha utilizzato l’intelligenza artificiale per produrre beni e fornire servizi. I sondaggi britannici suggeriscono che l’uso è più elevato (20% di tutte le imprese a marzo), anche se le domande sono poste in modo diverso. E anche in Gran Bretagna l’uso sta crescendo lentamente. La stessa percentuale la utilizzava lo scorso settembre.

[…]

L’IA PER ORA NON FA AUMENTARE GLI UTILI

Goldman Sachs ha costruito un indice borsistico che tiene conto delle aziende che, secondo la banca, hanno “la maggiore variazione potenziale stimata degli utili di base derivante dall’adozione dell’IA attraverso l’aumento della produttività”. L’indice comprende aziende come Walmart, un negozio di alimentari, e H&R Block, un’azienda che si occupa della preparazione delle tasse. Dalla fine del 2022 i prezzi delle azioni di queste società non sono riusciti a sovraperformare il mercato azionario più ampio. In altre parole, gli investitori non vedono prospettive di profitti aggiuntivi. La tecnologia potrebbe addirittura distrarre i dirigenti da questioni più urgenti.

KLARNA SULL’IA NON LA RACCONTA GIUSTA

Che dire degli aneddoti secondo cui alcune aziende stanno utilizzando l’IA per trasformare le loro attività? Klarna è un esempio spesso citato. L’azienda di servizi finanziari online ha recentemente dichiarato che il suo assistente IA svolgeva il lavoro di 700 agenti a tempo pieno del servizio clienti. Il suo capo afferma che, grazie alla tecnologia, l’occupazione presso l’azienda sta diminuendo di un quinto ogni anno. Ma questo è, nella migliore delle ipotesi, un quadro incompleto. Klarna sta cercando di quotarsi in borsa tra non molto: parlare del suo utilizzo dell’IA attira la stampa. Secondo i dati della società di consulenza CB Insights, l’organico di Klarna ha iniziato a diminuire molto prima che l’IA entrasse in scena. L’azienda vale forse la metà di quanto valeva nel 2021. Se ora sta tagliando i dipendenti, la colpa è delle assunzioni eccessive durante la pandemia, così come il merito è dell’IA.

L’IA È UNO TSUNAMI O UNA MANNA DA CIELO?

In effetti, i dati macroeconomici non indicano un’impennata dei licenziamenti. Kristalina Georgieva, capo dell’Fmi, ha recentemente avvertito che l’IA avrebbe colpito il mercato del lavoro come “uno tsunami”. Per ora, tuttavia, la disoccupazione nel mondo ricco è inferiore al 5%, vicino al minimo storico. La percentuale di lavoratori del mondo ricco che ha un lavoro è vicina ai massimi storici. Anche la crescita dei salari rimane forte, il che è difficile da conciliare con un contesto in cui il potere contrattuale dei lavoratori si sta presumibilmente affievolendo.

[…]

Alcuni economisti ritengono che l’IA trasformerà l’economia globale senza eliminare i posti di lavoro. La collaborazione con un assistente virtuale può migliorare le prestazioni. Un nuovo studio di Anders Humlum dell’Università di Chicago e di Emilie Vestergaard dell’Università di Copenhagen ha condotto un’indagine su 100.000 lavoratori danesi. L’intervistato medio ritiene che ChatGpt possa dimezzare il tempo dedicato a circa un terzo delle attività lavorative, in teoria una grande spinta all’efficienza.

[…]

LE AZIENDE NON VEDONO ANCORA IL POTENZIALE DELL’IA

Per un tale incremento, le imprese devono investire in IA. A parte le big tech – che comunque stanno spendendo soprattutto per sviluppare prodotti di IA per altri, piuttosto che per aumentare la propria produttività – la maggior parte delle aziende non lo sta facendo. Gli investimenti nel resto dell’indice S&P 500, composto dalle maggiori aziende americane, probabilmente diminuiranno quest’anno in termini reali. Nell’economia americana nel suo complesso, non sta aumentando. Gli investimenti complessivi delle imprese in attrezzature informatiche e software stanno aumentando del 5% su base annua in termini reali, ben al di sotto della media di lungo periodo. In tutto il mondo ricco, gli investimenti stanno aumentando più lentamente rispetto agli anni 2010.

Con il tempo, le imprese potrebbero accorgersi del vero potenziale dell’IA. La maggior parte delle ondate tecnologiche, dal trattore e dall’elettricità al personal computer, richiede un certo tempo per diffondersi nell’economia. In effetti, ipotizzando che i ricavi delle big tech dall’IA crescano in media del 20% all’anno, gli investitori prevedono che quasi tutti i guadagni delle big tech dall’IA arriveranno dopo il 2032, secondo la nostra analisi.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top