skip to Main Content

La politica monetaria non è la soluzione alla disuguaglianza. Parola di Bri

Politica Monetaria

Che cosa sostiene la Bri (Banca dei regolamenti internazionali) sulla politica monetaria

Le banche centrali dovrebbero fare qualcosa per la disuguaglianza e, se sì, cosa?
Questo è diventato un tema caldo, che ha convinto la Banca dei Regolamenti Internazionali a concentrarsi su di esso nel suo ultimo rapporto annuale.
Le conclusioni sono quelle che ci si aspetterebbe: la politica monetaria non è né la causa principale della disuguaglianza né una cura per essa. In linea di massima, questo è corretto. Ma in un mondo in cui i banchieri centrali sono diventati attori così influenti, potrebbe non essere sufficiente – scrive il FT.

Un fatto sorprendente notato dalla BRI è che da quella che chiama la “Grande Crisi Finanziaria”, la proporzione di discorsi dei banchieri centrali che menzionano la disuguaglianza è aumentata. Questo riflette in parte la crescente preoccupazione politica sulla disuguaglianza. Ma riflette anche una critica specifica. Questa è, nelle parole del rapporto, che “le banche centrali hanno dispiegato politiche caratterizzate da tassi di interesse eccezionalmente bassi e da un ampio uso dei bilanci per sostenere l’attività economica e abbassare la disoccupazione. Tali misure hanno alimentato le preoccupazioni che le azioni delle banche centrali, aumentando i prezzi delle attività, hanno favorito soprattutto i ricchi”. Questa critica è popolare tra i conservatori che detestano le banche centrali attiviste.

Ma c’è anche una critica opposta da parte di persone che rimproverano alle banche centrali di non essere abbastanza attiviste. Le persone in questo campo sostengono che il fallimento è stato quello di essere troppo passivi, lasciando che l’inflazione rimanesse troppo bassa e i mercati del lavoro troppo deboli. Al momento, le banche centrali, anche la Banca Centrale Europea, sono molto più vicine a questa posizione che a quella più conservatrice. Le banche centrali, si potrebbe affermare, sono diventate più che un po’ “sveglie”.
Questo è un dibattito importante, che riguarda la legittimità e le conseguenze di ciò che le banche centrali stanno facendo, specialmente in quest’epoca di crisi. Il punto di vista della BRI stessa è triplice. Primo, l’aumento della disuguaglianza dal 1980 è “in gran parte dovuto a fattori strutturali, ben al di fuori della portata della politica monetaria, ed è meglio affrontato da politiche fiscali e strutturali”. In secondo luogo, adempiendo ai loro mandati monetari, le banche centrali possono ridurre l’impatto degli shock a breve termine sul benessere economico causati da inflazione, crisi finanziarie e, senza dubbio, shock reali (come le pandemie). Infine, le banche centrali possono anche fare qualcosa per la disuguaglianza con una buona regolamentazione prudenziale, promuovendo lo sviluppo e l’inclusione finanziaria e garantendo pagamenti sicuri ed efficaci.

Tutto questo è ragionevole, nella misura in cui lo è. È chiaro, per esempio, che il calo dei tassi di interesse reali e le politiche monetarie facili hanno avuto la tendenza ad aumentare i prezzi delle attività, a beneficio dei più ricchi. Ma, curiosamente, l’impatto misurato sulla disuguaglianza della ricchezza non è stato così drammatico come ci si sarebbe potuto aspettare. Più importante, non avrebbe avuto senso adottare una politica monetaria deliberatamente più restrittiva al solo scopo di abbassare i prezzi degli asset. Questo avrebbe ridotto l’attività e aumentato la disoccupazione. Questa è la cosa peggiore che potrebbe accadere a persone che dipendono dai loro salari per il loro sostentamento. Nel frattempo, in che modo la maggioranza della gente, che non possiede quasi nessun bene, starebbe meglio perché i miliardari sono un po’ più poveri? Sarebbe folle per le banche centrali provocare crolli per abbassare i prezzi dei beni.

Una preoccupazione più rilevante è sollevata dalla dominante richiesta contemporanea di “far girare l’economia a caldo”. Questo solleva due pericoli reali (e possibilmente correlati): inflazione e instabilità finanziaria.

Per quanto riguarda il primo, i sostenitori di questo approccio sostengono che non si può sapere dove si trova il rischio di un’inflazione significativa senza spingere l’economia non solo fino al limite, ma oltre. Ma questo potrebbe anche rivelarsi costoso se, come alcuni temono, l’inflazione salisse alle stelle e questo superamento si rivelasse molto costoso da invertire.

Su quest’ultimo punto, si spera che una regolamentazione sofisticata possa contenere l’instabilità finanziaria, anche nell’ambiente monetario più facile da immaginare. Questo potrebbe essere vero, sotto una regolamentazione ideale. Ma la regolamentazione non è mai ideale. Inoltre, è già facile identificare le vulnerabilità, in particolare nel settore finanziario non bancario. C’è semplicemente così tanto debito. Questo può andare bene se i tassi di interesse rimangono bassi. Ma lo faranno? Concentrarsi sui risultati, non sulle previsioni, rende questo meno probabile.

Dove la BIS ha chiaramente ragione è che le politiche fiscali e strutturali sono il modo principale per affrontare la disuguaglianza. Infatti, alcuni paesi ad alto reddito sono abbastanza efficaci nell’usare le prime in questo modo. Il grande contrasto tra gli Stati Uniti e altri paesi ad alto reddito nella disuguaglianza del reddito, per esempio, è nella relativa assenza di redistribuzione nei primi. In alcune grandi economie emergenti, c’è poca redistribuzione, specialmente nella presunta Cina socialista.

La politica strutturale è una questione ancora più complessa. Troppo spesso è solo un sinonimo di liberalizzazione del mercato. Ma la liberalizzazione finanziaria ha sicuramente aumentato l’ineguaglianza e l’instabilità finanziaria. Quindi, una buona riforma strutturale cercherebbe quasi certamente di limitare la finanza. Allo stesso modo, nei mercati del lavoro con monopoli significativi, la deregolamentazione del mercato del lavoro potrebbe essere un male per l’occupazione e l’ineguaglianza. Inoltre, l’aumento della disuguaglianza è quasi certamente un fattore nella creazione della domanda strutturalmente debole che spiega il calo dei tassi di interesse reali e l’aumento dell’indebitamento caratteristico della nostra era di “stagnazione secolare”. Per tutte queste ragioni, le riforme strutturali a cui dovremmo pensare sono più difficili di quanto la saggezza convenzionale immagini.

La BRI ha ragione sul fatto che la politica monetaria non può risolvere la disuguaglianza. Può solo mirare ad un’ampia stabilità macroeconomica. Anche questo è difficile da raggiungere, data la nostra cronica dipendenza dalla politica monetaria espansiva. In questo contesto, l’eccesso finanziario è sicuro di riemergere, rendendo la regolamentazione un gioco senza fine di “colpire la talpa”. La BRI ha ragione a chiedere riforme strutturali radicali. Ma devono essere il giusto tipo di riforme strutturali.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore