skip to Main Content

Perché l’inflazione trotterà. Report Wsj

Inflazione

Un’inflazione più alta è destinata a rimanere per anni, prevedono gli economisti. L’approfondimento del Wall Street Journal

Gli americani dovrebbero prepararsi a diversi anni di inflazione più alta di quella che hanno visto negli ultimi decenni, secondo gli economisti che si aspettano che la robusta ripresa economica post-pandemia alimenti un forte aumento dei prezzi per un po’.

Gli economisti intervistati questo mese dal Wall Street Journal hanno aumentato le loro previsioni su quanto alta sarà l’inflazione e per quanto tempo, rispetto alle loro precedenti aspettative di aprile.

Gli intervistati in media ora si aspettano che un’inflazione, escludendo le componenti volatili di cibo ed energia, sia in aumento del 3,2% nel quarto trimestre del 2021 rispetto a un anno prima. Prevedono che l’aumento annuale si ridurrà a poco meno del 2,3% all’anno nel 2022 e 2023.

Questo significherebbe un aumento medio annuo del 2,58% dal 2021 al 2023, mettendo l’inflazione ai livelli visti l’ultima volta nel 1993.

“Siamo in una fase di transizione in questo momento”, ha detto Joel Naroff, capo economista della Naroff Economics LLC. “Stiamo passando a un periodo di inflazione e tassi di interesse più alti di quelli che abbiamo avuto negli ultimi 20 anni”.

La misura dell’inflazione – l’indice dei prezzi di base del Dipartimento del Commercio per le spese di consumo personale – è salito del 3,4% a maggio da un anno prima, il più grande aumento dai primi anni ’90.
Quello che il signor Naroff e gli altri intervistati descrivono è uno spostamento generazionale dalla bassa inflazione degli ultimi due decenni, uno spostamento che potrebbe creare nuove problematiche per le famiglie, i politici e gli investitori che si aspettavano un’inflazione più vicina o inferiore al 2%.

Se le previsioni degli economisti si dimostrano corrette, i funzionari della Federal Reserve potrebbero dover alzare i tassi prima o più di quanto si aspettino per tenere l’inflazione sotto controllo.

L’indicatore d’inflazione preferito dalla Fed – l’indice PCE generale, che include i prezzi di cibo ed energia – è aumentato del 3,9% a maggio, quasi il doppio dell’obiettivo del 2% della banca centrale. La Fed, in un rapporto pubblicato venerdì, ha ripetuto la sua opinione che l’inflazione è aumentata quest’anno a causa di strozzature, difficoltà di assunzione e altri “fattori largamente transitori” legati al rimbalzo dell’economia dagli effetti della pandemia. La maggior parte dei funzionari, nelle proiezioni rilasciate il mese scorso, credeva che l’inflazione sarebbe scesa a circa il 2% nei prossimi due anni, anche se c’era una maggiore incertezza su quanto velocemente potrebbe essere necessario aumentare i tassi di interesse per ottenere l’inflazione.

Alla riunione politica di giugno della Fed, la maggior parte dei funzionari ha previsto di alzare i tassi di interesse da quasi zero entro il 2023. Molti si aspettavano di alzare i tassi l’anno prossimo. A marzo, la maggior parte dei funzionari si aspettava di mantenere i tassi fermi fino al 2023.

Circa il 58% degli economisti intervistati non vede la Fed aumentare i tassi di interesse fino alla seconda metà del 2022 o più tardi.
“Ci si aspetta che l’inflazione aumenti più a lungo e più a lungo di quanto la Fed abbia pensato in precedenza”, ha detto Diane Swonk, capo economista di Grant Thornton. “La Fed ora probabilmente alzerà i tassi nella prima metà del 2023, anche se alcuni presidenti della Fed faranno pressione per muoversi prima”.

Alcuni intervistati temono che la Fed possa muoversi troppo lentamente. “Il pericolo è che le autorità monetarie siano dietro la curva”, ha detto Kevin Swift, capo economista dell’American Chemistry Council. “Non sto dicendo che l’iperinflazione è dietro l’angolo, solo che un sacco di cose si sono riunite nell’ultimo anno, e la tendenza generale dei costi su tutta la linea sta crescendo più velocemente che negli ultimi cinque o 10 anni”.
L’inflazione core PCE è cresciuta solo dell’1,7% all’anno, in media, tra il 1995 e il 2019. Ora la Fed vuole che l’inflazione superi il 2% per un po’ di tempo per compensare quel deficit.

Un’altra misura chiave dell’inflazione, l’indice dei prezzi al consumo del Dipartimento del Lavoro, che tende ad essere più caldo dell’indice PCE, è balzato del 5% a maggio rispetto a un anno prima, il massimo in quasi 13 anni. Gli intervistati si aspettano che il dipartimento riferisca martedì che il CPI è aumentato del 4,7% a giugno rispetto a un anno prima. Si aspettano che il tasso scenda al 4,1% entro la fine dell’anno. Le loro previsioni dell’IPC per il prossimo anno e il 2023 oscillano tra il 2,4% e il 2,7%.

Le strozzature della catena di approvvigionamento, i costi di spedizione più alti e le carenze di manodopera potrebbero rivelarsi temporanei mentre il mercato si adatta alle interruzioni. Tuttavia, la combinazione di abbondanti finanziamenti federali di stimolo, una riserva senza precedenti di risparmi delle famiglie e il lancio di vaccini sta guidando un’impennata nella domanda dei consumatori, permettendo a molte aziende di aumentare i prezzi in modo significativo per la prima volta in decenni. Se le famiglie e le imprese iniziano ad aspettarsi un aumento dei prezzi, questa dinamica può diventare auto-realizzante.

Ci sono segni che i consumatori stanno iniziando ad anticipare un’inflazione più alta. Le aspettative di inflazione dei consumatori – il tasso di inflazione che il consumatore mediano si aspetta tra cinque e dieci anni – sono salite al 2,8% a giugno, circa lo stesso tasso del 2014, secondo l’indagine dell’Università del Michigan sui consumatori.

Un’inflazione più alta per diversi anni si ripercuoterebbe sull’economia in vari modi. I consumatori potrebbero trovare i loro bilanci familiari schiacciati. L’aumento dei costi di prestito potrebbe pesare sul valore delle azioni e potrebbe ridurre la crescita nei settori sensibili ai tassi d’interesse come l’edilizia. Un’inflazione più alta può anche rendere più difficile per le imprese pianificare investimenti a lungo termine.

“È dirompente: non puoi essere sicuro di quali siano i tuoi costi, se puoi ottenere forniture o quali saranno i costi tra sei mesi”, ha detto il signor Swift. “Non vorrei essere nel settore delle costruzioni e cercare di fare un’offerta per un lavoro quando non si sa quale sarà il costo dell’acciaio tra 18 mesi”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore