skip to Main Content

Fed

Perché la Fed non taglierà i tassi. Report Economist

Non aspettatevi ancora un calo dei tassi d'interesse in America, il rischio di una seconda ondata di inflazione rimane troppo elevato. L'approfondimento del settimanale The Economist

 

L’inflazione è stata sconfitta o si sta riprendendo? La domanda, risponde l’Economist, attanaglia i mercati obbligazionari e condiziona le prospettive economiche mondiali. All’inizio dell’anno, dopo che la Federal Reserve aveva quasi dichiarato vittoria sull’eccessivo aumento dei prezzi in America, i rendimenti obbligazionari sono crollati in attesa di diversi tagli dei tassi di interesse. Oggi quella scommessa sembra prematura. Negli ultimi tre mesi i prezzi al consumo di base, che escludono i prodotti alimentari e l’energia, sono aumentati a un tasso annuo del 4%, rispetto al 2,6% dei tre mesi fino ad agosto. I prezzi alla produzione sono aumentati più del previsto e anche le aspettative dei consumatori sull’inflazione per il prossimo anno sono salite. L’inflazione è molto più bassa rispetto al suo picco, ma non è ancora stata sconfitta. Di conseguenza, i rendimenti dei Treasury sono tornati più o meno al punto in cui si trovavano prima della svolta negativa della Fed. I rendimenti delle obbligazioni a lunga scadenza sono ancora più alti.

Anche altrove l’inflazione si sta dimostrando più rigida. La zona euro ha registrato un forte aumento dei prezzi a gennaio, l’inflazione svedese è salita a gennaio e la Reserve Bank of Australia ha recentemente avvertito che l’inflazione richiederà tempo per diventare “durevolmente bassa e stabile”. Ovunque, e soprattutto in America, la ripresa dell’inflazione minaccia di ritardare i tagli ai tassi di interesse.

Per capire cosa sta succedendo, basta osservare l’andamento della domanda. La pandemia di Covid 19 ha portato a chiusure e generose elargizioni, che hanno alimentato la domanda di beni e travolto le catene di approvvigionamento. Nel 2021 in America il prezzo di una lavatrice è aumentato del 12%. Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, i prezzi dell’energia e dei generi alimentari sono saliti alle stelle. Oggi, invece, i prezzi globali dei beni sono in calo, nonostante le perturbazioni del trasporto marittimo nel Mar Rosso. I prezzi di cibo ed energia sono moderati. La fonte del problema odierno è l’aumento dei prezzi dei servizi globali.

L’inflazione dei servizi è strettamente legata alle condizioni locali.  Non sorprende quindi che il costo dei servizi stia aumentando in America. Negli ultimi tre mesi il boom del mercato del lavoro ha creato una media di 289.000 posti di lavoro al mese, più del doppio delle stime sul tasso sostenibile. I salari crescono a un ritmo annuo superiore al 4,5%. Il PIL è aumentato del 4,1% annualizzato nella seconda metà del 2023 e gli indicatori in tempo reale suggeriscono che l’espansione rimane sana. La forza dell’economia è tale che, anche se non ci fosse stata inflazione negli ultimi due anni, i previsori si aspetterebbero un’esplosione.

Altrove la situazione è più equilibrata. In Europa la disoccupazione è bassa, ma la crescita è meno forte. La Gran Bretagna è entrata in recessione alla fine del 2023. I sondaggi sulle imprese della zona euro sono cupi. I timori di inflazione sono limitati dal forte calo dei prezzi del gas naturale. Ciò ridurrà l’inflazione e aumenterà il tasso di crescita economica sostenibile e non inflazionistica. L’economia cinese è in crisi e i prezzi sono in calo. In Giappone i tassi di interesse sono ancora sotto lo zero. Sarebbe considerata una vittoria se le pressioni inflazionistiche rimanessero abbastanza forti da permettere alla banca centrale di alzare i tassi.

Se è probabile che una seconda ondata inflazionistica dirompente colpisca qualcuno, è in America. Ciò significa che è probabile che la politica monetaria diverga, con la Fed che mantiene alti i tassi di interesse mentre il resto del mondo ricco li riduce per rilanciare la crescita. Un simile schema farebbe aumentare il valore del dollaro, che sta già salendo. Quando i mercati monetari americani offrono alti rendimenti a fronte di un rischio limitato, a soffrirne sono soprattutto i molti Paesi più poveri che faticano a contrarre prestiti in dollari.

Se i tassi di interesse non scendono, potrebbero esserci brutte sorprese anche a Wall Street. Il mercato azionario sembra aver notato a malapena il pericolo che la politica monetaria rimanga rigida quest’anno. Al contrario, le aspettative di rialzo dei tassi nel 2022 e nel 2023 hanno spesso provocato vendite, in quanto gli investitori hanno corretto il valore scontato dei profitti futuri. Né vi sono molti segnali che le banche americane di piccole e medie dimensioni abbiano risolto le minacce che i tassi elevati rappresentano per i loro bilanci. Il problema dell’inflazione non è più quello di un anno fa, ma il mondo non è ancora libero dal pericolo.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top