Economia

Sorpresa, la Bce ha schiaffeggiato il governo sul contante. Ecco perché

di

contante contanti pagamenti

L’approfondimento di Tino Oldani sulla lettera della Bce al governo Conte in materia di uso del contante. Articolo tratto dal quotidiano Italia Oggi


La Bce non ha dubbi: limitare l’uso del contante per contrastare il riciclaggio dei capitali sporchi e il finanziamento del terrorismo va bene per pagamenti pari o superiori a diecimila euro. Ma altrettanto non si può dire quando si riduca tale importo a mille euro per combattere l’evasione fiscale, come ha deciso il governo di Giuseppe Conte con un recente decreto legge. Il motivo? «La dichiarata finalità pubblica della lotta all’evasione fiscale è tutta da dimostrare».

Questi, e non solo questi, i punti chiave di una lunga lettera inviata dalla Banca centrale europea (Bce) al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, e ai presidenti di Senato e Camera, Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico. In buona sostanza, una stroncatura clamorosa del decreto legge con cui, in ottobre, il governo di Giuseppe Conte ha imposto una riduzione della soglia per i pagamenti in contanti dagli attuali 3 mila euro a 2 mila a partire dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021, per poi scendere a mille euro.

La lettera, firmata da Yves Mersch, membro del Comitato esecutivo della Bce, è datata 16 dicembre, ma in Italia se ne è avuta notizia solo pochi giorni fa, quando il senatore della Lega, Alberto Bagnai, ne ha pubblicato l’intero testo su Twitter, con un commento ironico: «La Bce sì, ma solo quando fa comodo. Altrimenti non c’è fretta».

Dopo avere fatto notare che la Bce non è stata consultata dal governo italiano in merito a questo decreto legge, la lettera di Mersch afferma che l’uso del contante, in quanto moneta legale, deve essere consentito sempre e comunque a qualsiasi gruppo sociale, senza dover pagare commissioni.

L’utilizzo del contante legale, sottolinea la lettera, «non consente legalmente di imporre tariffe per il suo utilizzo. Inoltre, i pagamenti in contanti non richiedono un’infrastruttura tecnica funzionale con i relativi investimenti, e sono sempre disponibili; ciò riveste particolare importanza in caso di indisponibilità dei pagamenti elettronici».

La frequente sottolineatura del contante come «moneta legale» serve, nella lettera della Bce, per distinguere la moneta emessa dalla Banca centrale europea dalla cosiddetta «moneta bancaria», che è una forma di moneta privata, emessa dalle banche commerciali e accettata da tutti perché convertibile in moneta legale.

Ma, a differenza della Bce, le banche commerciali offrono a famiglie e imprese strumenti di pagamento, elettronici o meno, come bonifici, assegni e carte, per i quali si deve pagare una commissione.

Anche se la lettera si ferma qui e non lo dice, pare evidente che la forte limitazione dell’uso del contante decisa dal governo Conte finirà per essere un enorme regalo alle banche: infatti la moneta legale emessa dalla Bce è appena il 5% della massa monetaria totale d’Europa, mentre il resto è costituito interamente da moneta bancaria, basata fiduciariamente sull’aumento esponenziale del debito contratto attraverso mutui e prestiti.

L’unica limitazione che la Bce considera accettabile nell’uso del contante riguarda i pagamenti di importo elevati, «che espongono al pericolo del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo», come indicato da una direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio Ue. In questo caso sono giustificate le verifiche sulla clientela per pagamenti pari o superiori a diecimila euro. Estendere invece tali controlli a tutta la popolazione, come se tutti fossero criminali o terroristi potenziali, non è accettabile.

In definitiva, una tirata d’orecchi e una stroncatura del governo italiano e della sua vocazione illiberale e manettara come non si ricordava da tempo. E Gualtieri, il ministro «suggerito» da Bruxelles per il suo europeismo, non ha nulla da dire?

(Articolo pubblicato su Italia Oggi, qui la versione integrale)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati