Advertisement skip to Main Content

Fmi

Perché il Fondo monetario prevede prospettive “molto dolorose” per l’economia globale. Report Ft

Il Fondo monetario internazionale prevede una crescita mondiale di appena il 2,7% l'anno prossimo, mentre il responsabile dell’economia avverte che si prospetta "l'ora più buia". L'articolo del Financial Times

 

Il FMI ha dichiarato che c’è un rischio crescente che l’economia globale scivoli in recessione il prossimo anno, poiché le famiglie e le imprese della maggior parte dei Paesi si trovano ad affrontare “acque tempestose”. Scrive il Financial Times.

Secondo le previsioni del Fondo, la politica cinese dello zero coupon e il fragile mercato immobiliare, la necessità di aumentare i tassi di interesse per controllare l’inflazione nelle economie avanzate e l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia faranno scendere la crescita economica mondiale dal 3,2% del 2022 al 2,7% del prossimo anno.

La previsione di crescita per il 2023 è la più bassa per l’anno successivo che il FMI abbia pubblicato dal 2001, ad eccezione degli anni della pandemia di coronavirus e della crisi finanziaria globale.

Gli economisti del fondo ritengono che ci sia una probabilità superiore alla pari che l’economia mondiale faccia peggio delle sue previsioni centrali e una probabilità del 25% che la crescita scenda sotto il 2%. Ciò rappresenterebbe una debolezza economica globale riscontrata solo un anno su dieci e solo nel 1973, 1981, 1982, 2009 e 2020 nell’ultimo mezzo secolo.

In un’intervista al Financial Times, Pierre Olivier Gourinchas, capo economista del FMI, ha dichiarato che c’è una probabilità del 15% che la crescita globale possa scendere sotto l’1%. Questo livello raggiungerebbe probabilmente la soglia di una recessione e sarebbe “molto, molto doloroso per molte persone”.

“Non siamo ancora in una crisi, ma le cose non si mettono bene”, ha detto, aggiungendo che il 2023 sarà “l’ora più buia” per l’economia globale.

Le turbolenze finanziarie, innescate dal passaggio agli asset in dollari, rischiano di aggravare la minaccia economica.

“Mentre l’economia globale si dirige verso acque tempestose, le turbolenze finanziarie potrebbero esplodere, spingendo gli investitori a cercare la protezione degli investimenti rifugio, come i Treasury statunitensi, e spingendo il dollaro ancora più in alto”, ha aggiunto Gourinchas nella sua dichiarazione che accompagna il rapporto.

Sebbene i forti aumenti dei tassi di interesse in tutto il mondo stiano pesando sulla crescita, il FMI ha affermato che sono necessari per garantire che l’inflazione torni sotto controllo e per riportare l’economia globale su una base più stabile.

Il Fondo prevede che l’inflazione nelle economie avanzate raggiungerà il 7,2% quest’anno e il 4,4% l’anno prossimo, superando di oltre un punto percentuale le precedenti previsioni di aprile per il 2023. Per quanto riguarda le economie emergenti e in via di sviluppo, la crescita dei prezzi al consumo raggiungerà un picco annuale di quasi il 10% quest’anno prima di moderarsi all’8,1% nel 2023.

“In prima linea ci sono le banche centrali. Questo è il loro lavoro, questo è il loro mandato [e] la loro intera reputazione è in gioco”, ha detto Gourinchas. Il Fondo ha affermato che le autorità monetarie devono “mantenere la rotta” piuttosto che ripetere gli errori degli anni ’70, quando la maggior parte dei responsabili della politica monetaria non aveva il coraggio di continuare ad aumentare i tassi di interesse quando le loro economie rallentavano o si bloccavano.

Il FMI ha ammesso che esiste la possibilità di inasprire troppo la politica monetaria, ma ha affermato che i rischi di un’azione eccessiva non sono così gravi come quelli di lasciare che l’inflazione si normalizzi e si radichi nella vita quotidiana.

Per quanto riguarda in particolare la Federal Reserve statunitense, Gourinchas ha avvertito che è troppo presto per fare marcia indietro rispetto alla sua aggressiva campagna di inasprimento della politica monetaria.

“Siamo ben lontani dall’aver vinto questa battaglia”, ha detto il capo economista, aggiungendo che qualsiasi segnale che la Fed non alzerà ulteriormente i tassi potrebbe, a questo punto, essere interpretato dai mercati finanziari come un segno che i responsabili politici non sono disposti “a fare il necessario”.

“Le aspettative di inflazione potrebbero sgonfiarsi e potremmo avere un processo più persistente”, ha affermato.

Il FMI ha ampliato le sue recenti critiche alla politica economica del Regno Unito, consigliando a tutti i Paesi di non adottare politiche fiscali e di spesa pubblica fortemente espansive, nonostante l’impennata dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari.

Secondo Gourinchas, è necessario ridurre i deficit e ricostruire i buffer fiscali. “Fare altrimenti non farà altro che prolungare la lotta per far scendere l’inflazione, rischiando di de-ancorare le aspettative inflazionistiche, di aumentare i costi di finanziamento e di alimentare ulteriore instabilità finanziaria, complicando il compito delle autorità fiscali, monetarie e finanziarie, come hanno dimostrato i recenti eventi”, ha affermato nella sua dichiarazione.

Paragonando la situazione a quella di due conducenti, ciascuno con il proprio volante, Gourinchas ha dichiarato al FT che politiche fiscali e monetarie opposte hanno spinto i mercati finanziari a chiedersi “da che parte sta andando la macchina? Stiamo davvero combattendo l’inflazione o stiamo davvero stimolando l’attività economica?”.

Nelle previsioni riviste, il 93% dei Paesi ha subito un declassamento delle prospettive di crescita.

La previsione di crescita globale per il 2022 è scesa dal 4,9% del rapporto del Fondo di un anno fa al 3,2% attuale. La stima di crescita per il 2023 è stata tagliata dal 3,6% di un anno fa al 2,3%, con una riduzione concentrata nelle economie avanzate piuttosto che nei paesi emergenti.

In quello che sarà un rapporto difficile per il governo di Pechino in vista del 20° congresso nazionale del Partito Comunista, si prevede che l’economia cinese crescerà solo del 4,4% quest’anno, ben al di sotto dell’obiettivo di crescita del 5,5% fissato dal governo. Il FMI prevede che questo tasso di crescita annuale migliorerà solo fino al 4,6% nei prossimi cinque anni.

Si prevede che l’economia statunitense ristagni nei quattro trimestri del 2022 per poi mantenere un tasso di crescita dell’1% nel 2023. Secondo le previsioni del FMI, molti Paesi europei cadranno in recessione, poiché le famiglie e le imprese dovranno far fronte a prezzi del gas naturale cinque volte superiori ai livelli del 2021.

Il Fondo non era più ottimista sul futuro. I declassamenti saranno probabilmente permanenti. Le conseguenze della pandemia e della guerra in Ucraina lasceranno l’economia globale del 4,3% più piccola nel 2024 rispetto a quanto previsto nel gennaio 2020, quando il coronavirus ha iniziato a diffondersi a livello globale.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top