skip to Main Content

Commercio Russia

Le nuove rotte del commercio di Mosca. Report Nyt

Da Mosca a Mumbai passando per Teheran. Un tempo dipendente dall'Europa per il commercio, la Russia sta progettando nuove rotte per aggirare le restrizioni occidentali. Tra queste, una ferrovia attraverso l'Iran da 1,7 miliardi di dollari. L'articolo del New York Times

 

Un tempo dipendente dall’Europa per il commercio, la Russia sta forgiando nuove rotte che le permetteranno di aggirare le restrizioni occidentali. Una ferrovia pianificata attraverso l’Iran potrebbe essere la chiave per queste ambizioni. Scrive il New York Times.

PER IL COMMERCIO LA RUSSIA GUARDA A SUD

Per secoli, il commercio con l’Europa è stato il pilastro principale dell’economia russa. La guerra in Ucraina ha messo fine a questa situazione e le sanzioni occidentali e le altre restrizioni hanno sempre più tagliato fuori la Russia dai mercati europei. In risposta, Mosca ha ampliato i legami con i Paesi più disposti a fare affari con lei: la Cina a est e, attraverso una rotta meridionale, l’India e i Paesi del Golfo Persico.

La rotta meridionale è ora al centro dell’attenzione dei politici russi, che cercano di costruire le infrastrutture per il loro piano di allontanamento definitivo dall’Occidente. Lo sforzo si scontra con alcune sfide, tra cui i problemi di finanziamento, i dubbi sull’affidabilità dei nuovi partner russi e le minacce di sanzioni occidentali contro i Paesi che commerciano con la Russia.

Una parte fondamentale del piano per il sud è una ferrovia da 1,7 miliardi di dollari, la cui costruzione dovrebbe iniziare quest’anno, che costituirebbe l’ultimo anello di un percorso tra la Russia e i porti iraniani sul Golfo Persico, fornendo un facile accesso a destinazioni come Mumbai, la capitale commerciale dell’India. La Russia ha accettato di prestare all’Iran 1,4 miliardi di dollari per finanziare il progetto.

“Dato che le rotte commerciali tradizionali della Russia erano in gran parte bloccate, ha dovuto considerare altre opzioni”, ha dichiarato Rauf Agamirzayev, esperto di trasporti e logistica con sede a Baku, in Azerbaigian, riferendosi alla rotta meridionale.

GLI ESCAMOTAGE DI MOSCA ALLE RESTRIZIONI

La Russia ha trovato numerosi modi per aggirare le restrizioni commerciali dell’Occidente, facendo entrare macchinari dall’India e armi dall’Iran, oltre a una serie di beni di consumo – spesso attraverso i Paesi del Golfo e la Turchia – che il governo considera fondamentali per dimostrare ai russi la capacità di mantenere il tenore di vita in un periodo di guerra.

Mentre alcuni beni di consumo entrano ancora legalmente dall’Europa, tutta una serie di articoli soggetti a restrizioni o difficili da ottenere sono ampiamente disponibili anche in Russia. Le ostriche provenienti dalla Francia, portate in aereo con una deviazione in qualche località terza, sono disponibili in un ristorante di Mosca, mentre i tartufi italiani e lo champagne francese, la cui esportazione è stata vietata dall’Unione europea, si possono trovare in una catena di negozi di alimentari di lusso.

UNA FERROVIA PER COMPETERE CON IL CANALE DI SUEZ…

Il governo russo considera il progetto ferroviario attraverso l’Iran – e un’altra linea che spera di ripristinare e che fornirebbe accesso alla Turchia – come essenziale per bloccare e accelerare il flusso di tutte queste importazioni nel Paese. È anche considerato fondamentale per incrementare le esportazioni delle risorse naturali russe che sono fondamentali per l’economia.

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la nuova rotta ridurrà il tempo di viaggio delle merci da San Pietroburgo a Mumbai a soli 10 giorni, dagli attuali 30-45 giorni. I funzionari russi lo definiscono un “progetto rivoluzionario” che farà concorrenza al Canale di Suez.

… E AVVICINARSI ANCORA DI PIÙ A CINA, INDIA E NON SOLO

Inoltre, integrerà le rotte commerciali della Russia verso la Cina, attualmente il suo principale partner commerciale, in quanto queste raggiungono la sovracapacità. Dal 2021, poco prima dell’invasione su larga scala dell’Ucraina nel febbraio 2022, il commercio russo con la Cina è aumentato del 61%, fino a superare i 240 miliardi di dollari nel 2023, secondo i dati cinesi.

Anche il commercio con l’India sta aumentando, raggiungendo i 65 miliardi di dollari, più di quattro volte rispetto al 2021. Il commercio della Russia con entrambi i Paesi nel 2023 supererà quello dell’anteguerra con l’Unione europea, che nel 2021 era di 282 miliardi di dollari.

La nuova ferrovia collegherà due città iraniane, Astara e Rasht, collegando i binari tra l’Iran e l’Azerbaigian a nord, e poi alla rete ferroviaria russa. Una volta terminato – il completamento del nuovo collegamento è previsto per il 2028 – il “corridoio di trasporto nord-sud” che ne risulterà si estenderà ininterrottamente per oltre 4.300 miglia, fuori dalla portata delle sanzioni occidentali.

Dalle strutture iraniane sul Golfo Persico, i commercianti russi avranno facile accesso all’India e a destinazioni come l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Pakistan e oltre.

LA ROTTA COMEMRCIALE TRA CAUCASO, ASIA CENTRALE E MAR CASPIO

Una rotta commerciale attraverso il Caucaso e l’Asia centrale e attraverso il Mar Caspio verso l’Iran è già stata significativa per la Russia negli ultimi mesi, secondo Lloyds List, specializzata in notizie e informazioni marittime. La Russia ha anche spedito petrolio e prodotti come carbone da coke e fertilizzanti nella direzione opposta.

Gagik Aghajanyan, a capo di Apaven, la più grande società di spedizioni in Armenia, ha dichiarato che la sua flotta di camion spesso raccoglie carichi di beni di consumo, consegnati per ferrovia dai porti della Georgia sul Mar Nero, per poi trasferirli a nord attraverso il confine terrestre verso la Russia. Altri beni più sensibili, come quelli vietati dagli Stati occidentali, possono essere spediti attraverso l’Iran, che confina con l’Armenia. Dai porti iraniani, le merci possono poi raggiungere la Russia attraverso il Caspio.

I georgiani dicono: “Queste sono merci sanzionate; non vi lasceremo passare in Russia”, ha detto Aghajanyan in un’intervista. “E gli iraniani dicono: “Non ci interessa”.

Secondo Andrei R. Belousov, vice primo ministro russo per l’economia, nel 2023 il volume degli scambi attraverso la rotta è aumentato del 38% rispetto al 2021 e potrebbe triplicare entro il 2030.

LA FERROVIA ABBANDONATA TRA ARMENIA E AZERBAIGIAN

Oltre alla linea che attraversa l’Iran, la Russia vuole anche ripristinare una vecchia ferrovia sovietica che collegava Mosca con l’Iran e la Turchia attraverso l’Armenia e l’enclave azera di Nakhichevan. La ferrovia è stata abbandonata all’inizio degli anni ’90 quando è scoppiata la guerra tra Armenia e Azerbaigian.

La Russia spera di rendere operativa la ferrovia entro pochi anni, ma il progetto è rimasto invischiato nella complicata geopolitica della regione.

L’Azerbaigian è ansioso di competere con il collegamento, ma l’Armenia è stata riluttante a impegnarsi nel progetto a causa delle preoccupazioni su chi avrebbe controllato i binari attraverso il suo territorio. In epoca sovietica appartenevano alle ferrovie azere. Nel 2020, l’Armenia ha firmato un accordo che ne cede il controllo ai servizi di sicurezza russi.

Ma la Russia, che un tempo era strettamente alleata dell’Armenia, è diventata sempre più amica dell’Azerbaigian, rimanendo sostanzialmente a guardare mentre quest’ultimo assumeva il pieno controllo della regione separata del Nagorno-Karabakh, che era stata sotto il controllo dei separatisti armeni per più di tre decenni. Ora, gli armeni vogliono controllare la propria parte del collegamento ferroviario, incentrato sulla città di Meghri, situata in posizione strategica al confine con l’Iran.

Per ora, la stazione ferroviaria di Meghri rimane una reliquia del passato sovietico, con le sue stanze piene di vecchie mappe ferroviarie e biglietti nascosti sotto foglie appassite e polvere. I suoi binari, costruiti più di un secolo fa dalla Russia zarista, sono stati da tempo sostituiti da orti.

La compagnia ferroviaria azera sta per terminare il suo tratto di binari verso l’Armenia attraverso i territori che aveva occupato prima della guerra del 2020. Da lì, può passare per l’Armenia o per l’Iran, se l’Armenia decide di non seguire il percorso.

“La Russia può ottenere un percorso ferroviario verso il Golfo Persico e la Turchia”, ha dichiarato Nikita Smagin, esperto di politica russa in Medio Oriente presso il think tank Russian International Affairs Council. “Può farlo abbastanza rapidamente, in un massimo di due anni”.

I PIANI DI BAKU

Rovshan Rustamov, capo della compagnia ferroviaria azera, ha dichiarato che la parte azera del progetto dovrebbe essere completata entro la fine del 2024. La logistica, ha detto, potrebbe addirittura sostituire il petrolio come principale motore dell’economia dell’Azerbaigian.

L’Azerbaigian spera anche che il porto di Baku possa trarre vantaggio dalla nuova posizione del Paese come hub strategico per le merci che viaggiano tra la Russia e il mondo esterno, nonché tra l’Asia e l’Europa, aggirando comodamente la Russia.

Dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, le autorità di Baku hanno accelerato i piani di sviluppo di una seconda fase del porto per far fronte all’aumento previsto del traffico merci.

“Lo studio di fattibilità che avevamo prima ha dimostrato che non dovevamo affrettare l’espansione”, ha dichiarato Taleh Ziyadov, direttore generale del porto di Baku. “Dopo la guerra, abbiamo fatto un nuovo studio che ha dimostrato che dovevamo anticipare la data, forse al 2024”.

Mentre i funzionari russi hanno lodato le nuove rotte commerciali, alcuni leader commerciali non ne sono così sicuri.
“Sembra una decisione forzata che non è stata presa per motivi oggettivi”, ha dichiarato Ivan Fedyakov, che gestisce InfoLine, una società di consulenza sul mercato russo che consiglia alle aziende come sopravvivere alle attuali restrizioni.

“Ciò che si sta creando, in sostanza, è una via commerciale per i paria”, ha dichiarato Ram Ben Tzion, la cui società Publican analizza l’elusione delle restrizioni commerciali.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top