skip to Main Content

La finanza sostenibile è piena di Greenwashing. Report Economist

Obbligazioni Verdi

I fondi presumibilmente verdi nascondo qualcosa? L’approfondimenti del settimanale The Economist 

Gli investitori conoscono fin troppo bene l’ascesa di Tesla. Le azioni del produttore di veicoli elettrici ora valgono quasi nove volte quello che erano all’inizio del 2019. Ma non è un’eccezione. Mentre i leader politici di tutto il mondo iniziano a inviare segnali più chiari sulla loro volontà di affrontare il cambiamento climatico, anche il settore privato si sta entusiasmando, e un boom verde è in corso.
Oltre 40 aziende verdi hanno visto i loro prezzi azionari triplicare dall’inizio del 2019. Sei hanno superato Tesla. I beneficiari includono tutti i tipi di aziende che risparmiano emissioni, dalle aziende di pannelli solari ai produttori di celle a combustibile a idrogeno.

Nel frattempo molte grandi aziende in altri settori hanno iniziato a fregiarsi delle loro credenziali verdi. Le azioni delle energie rinnovabili si sono fermate nelle ultime settimane, in parte perché gli investitori si preoccupano della prospettiva di un aumento dei tassi di interesse, ma altre attività sono decollate. In Europa il prezzo del carbonio è salito a un livello record. Anche i prezzi dei metalli, come il rame e il litio, che sono usati nelle auto elettriche, stanno aumentando.

Il boom riflette l’impennata della domanda da parte degli investitori. Tutti, dalle major del petrolio ai day-trader di WallStreetBets, stanno spendendo su progetti e titoli rispettosi del clima. Nel frattempo l’industria dell’asset management sta commercializzando uno stile di investimento che pretende di prendere in considerazione i fattori ambientali, sociali e di governance (esg). Finora quest’anno, gli afflussi nei fondi esg hanno rappresentato circa un quarto del totale, rispetto a un decimo nel 2018. In media, ogni giorno vengono lanciati due nuovi fondi esg.

Purtroppo il boom è stato accompagnato da un dilagante “greenwashing”. Questa settimana The Economist snocciola i numeri sui 20 più grandi fondi esg del mondo. In media, ognuno di loro detiene investimenti in 17 produttori di combustibili fossili. Sei hanno investito in ExxonMobil, la più grande azienda petrolifera americana. Due possiedono partecipazioni in Saudi Aramco, il più grande produttore di petrolio del mondo. Un fondo detiene una società cinese di estrazione del carbone. Anche l’investimento esg non è certo un campione di virtù sociale. I fondi che abbiamo esaminato investono in gioco d’azzardo, alcool e tabacco.

I governi stanno iniziando a prestare attenzione. Sotto Donald Trump, i regolatori americani hanno cercato di ostacolare l’esg investing, che la Casa Bianca vedeva come una cospirazione di sinistra. Al contrario, l’amministrazione del presidente Joe Biden lo vede come un’arma potenzialmente utile per combattere il cambiamento climatico. La Securities and Exchange Commission, il regolatore di Wall Street, si preoccupa che i fondi esg ingannino gli investitori.

Cosa dovrebbero fare i governi? Una possibilità è quella di seguire l’approccio dell’Unione Europea. Il suo ultimo Green Deal include molte nuove regole sulla finanza sostenibile. Alla base c’è un’elaborata tassonomia diretta dallo stato che copre circa 70 diverse attività e mira a dire agli investitori cosa è verde e cosa non lo è. Inevitabilmente, lo sforzo ha incontrato dei problemi. I paesi hanno fatto furiosamente pressione sulla Commissione europea per assicurarsi che la loro fonte di energia preferita sia etichettata come verde. Polonia e Romania, tra gli altri, vogliono che il gas naturale sia aggiunto alla lista verde, perché stanno progettando di usarlo per sostituire il carbone.

Piuttosto che l’UE che gioca a fare Dio, gli investitori possono decidere da soli cosa è verde. Ma hanno bisogno di un grande miglioramento nella divulgazione aziendale. L’attuale sistema di reporting in gran parte volontario è pieno di problemi. Le aziende rivelano una marea di sciocchezze irrilevanti, mentre spesso non riescono a rivelare le poche cose che contano. Idealmente, un asset manager sarebbe in grado di calcolare l’impronta di carbonio del suo portafoglio e come potrebbe cambiare nel tempo. Ma molte aziende non riescono a divulgare rigorosamente le loro emissioni e spesso le misure rese pubbliche dalle singole aziende si sovrappongono, portando a un doppio conteggio quando si sommano tutte.

Un sistema migliore costringerebbe le aziende a rivelare la loro impronta di carbonio completa, comprese le emissioni dei prodotti che vendono e dei beni e servizi che comprano. Sarebbe d’aiuto se i grandi inquinatori rivelassero anche come si aspettano che la loro impronta cambi e l’ammontare delle spese di capitale che vanno verso investimenti a bassa emissione di carbonio. In questo modo un investitore potrebbe capire di quanto inquinamento è responsabile il suo portafoglio oggi e come potrebbe essere domani.

I risultati di tale divulgazione potrebbero essere una sorpresa. Stimiamo che le aziende quotate che non sono controllate dallo Stato rappresentano solo il 14-32% delle emissioni mondiali – quindi gli investimenti verdi possono essere solo una parte della risposta. Circa il 5% di queste aziende rappresenta oltre l’80% delle emissioni totali. Sono per lo più produttori di petrolio, servizi pubblici, cementifici e compagnie minerarie. Una migliore divulgazione mostrerebbe anche che solo un piccolo numero di aziende sta investendo pesantemente in energie rinnovabili o tecnologie innovative.

L’effetto combinato sarebbe quello di smascherare l’idea che vasti settori del mondo aziendale e dell’industria della gestione patrimoniale siano eroi del risparmio del pianeta. E aiuterebbe gli investitori a mettere i loro soldi in aziende veramente verdi, assicurando una migliore allocazione del capitale e una transizione energetica più veloce.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore