skip to Main Content

Inflazione

Perché l’inflazione è il problema politico più spinoso per Biden. Report Wsj

L'economia, in particolare l'inflazione, è stata a lungo la principale debolezza di Biden rispetto a Trump. Ma non c'è molto che la Casa Bianca possa fare per risolvere il problema. L'approfondimento del Wall Street Journal.

L’inflazione è emersa come il problema di politica interna più ostico per il Presidente Biden a meno di sette mesi dalle elezioni, ma non c’è molto che la Casa Bianca possa fare per risolverlo.

Il problema è tornato in auge questa settimana, vanificando una serie di sviluppi economici e politici positivi che avevano contribuito a migliorare la posizione di Biden nei sondaggi recenti. L’indice dei prezzi al consumo, una misura dei prezzi di beni e servizi in tutta l’economia, è aumentato del 3,5% a marzo rispetto a un anno prima, una lettura dell’inflazione più forte del previsto che è stata accolta con esasperazione da molti consiglieri del presidente.

LA RISPOSTA DI BIDEN

La Casa Bianca si è mossa rapidamente per rispondere, rilasciando una dichiarazione del Presidente che riconosceva che il governo federale ha “ancora molto da fare per ridurre i costi per le famiglie che lavorano duramente”. Dietro le quinte, i funzionari dell’amministrazione hanno detto che non esiste una pallottola magica per rallentare immediatamente l’aumento dei prezzi, un problema che tormenta il presidente da anni – scrive il WSJ.

Per il momento, hanno detto i funzionari, Biden e i suoi assistenti senior non hanno in programma grandi cambiamenti politici o retorici. Hanno intenzione di continuare a parlare delle proposte del Presidente per ridurre il costo degli alloggi e dei farmaci da prescrizione, riducendo il debito degli studenti ed eliminando i sovrapprezzi applicati a tutto, dai biglietti per i concerti ai servizi bancari.

“Il nostro programma di riduzione dei costi per conto delle famiglie lavoratrici è urgente oggi come ieri”, ha dichiarato Jared Bernstein, presidente del Consiglio dei consulenti economici della Casa Bianca. “Continueremo a testa bassa e a lottare per ridurre i costi”. Sebbene un funzionario della Casa Bianca abbia affermato che l’inflazione non diminuisce in modo lineare e che ci saranno sempre delle asperità sulla strada, l’amministrazione ritiene che la traiettoria si stia muovendo nella giusta direzione.

Alcuni dei piani di riduzione dei costi di Biden richiederanno mesi per essere realizzati e faranno poco nel breve termine per rallentare il tasso di aumento dei prezzi. Alcuni prezzi ostinatamente alti, come il costo dei generi alimentari, sono per lo più fuori dal controllo dell’amministrazione Biden. Il presidente ha chiesto ai rivenditori di generi alimentari e ad altre aziende di abbassare i prezzi, citando i loro alti profitti. Ma non può obbligare le aziende ad agire.

I recenti sondaggi nazionali mostrano Biden sostanzialmente in parità con l’ex presidente Donald Trump, il probabile candidato del GOP, anche se il presidente in carica è in svantaggio in molti Stati in bilico. La maggior parte dei sondaggi mostra che Biden riceve voti bassi dagli elettori sulla sua gestione dell’immigrazione, della guerra tra Israele e Hamas e su alcune altre questioni, mentre Trump è in svantaggio sull’aborto.

LE DEBOLEZZE DI BIDEN: L’ECONOMIA E L’INFLAZIONE

L’economia, in particolare l’inflazione, è stata a lungo la principale debolezza di Biden rispetto al suo predecessore, la cui presidenza è ricordata da molti elettori come un periodo di prezzi stabili. L’economia ha subito un colpo significativo durante la pandemia di Covid-19 nel 2020, ma i prezzi non sono aumentati significativamente fino al primo anno di mandato di Biden.

La maggior parte degli economisti non crede che Biden possa fare molto a questo punto per ridurre l’inflazione, a meno di importanti aumenti delle tasse o tagli alla spesa che potrebbero frenare la spesa dei consumatori. Anche queste politiche, che non vengono prese seriamente in considerazione a Washington, richiederebbero del tempo per farsi strada nell’economia.

I consiglieri di Biden hanno esaminato i sondaggi che mostrano come le critiche ai repubblicani per il taglio delle tasse ai ricchi americani e alle aziende abbiano una certa risonanza tra gli elettori, e intendono intensificare questo attacco nei prossimi giorni e settimane. Inoltre, faranno notare che le proposte di Trump, compreso il suo piano di imporre una serie di nuove tariffe doganali se dovesse vincere un secondo mandato, aumenterebbero i costi per i consumatori statunitensi.

Il presidente e i suoi consiglieri hanno talvolta lottato per bilanciare due priorità in competizione: empatizzare con le preoccupazioni degli elettori per i prezzi elevati e spiegare al pubblico come l’economia stia andando bene secondo diverse misure chiave.

LA CRESCITA SALE, L’AUMENTO DEI PREZZI AL CONSUMO RALLENTA

Per quanto gli elettori siano frustrati dall’inflazione, il ritmo annuale dell’aumento dei prezzi al consumo è diminuito significativamente dalla metà del 2022, quando ha raggiunto un picco di circa il 9%. Con sorpresa di molti economisti, ciò è avvenuto nonostante una crescita economica più forte del previsto e un mercato del lavoro resistente. Proprio la scorsa settimana, i nuovi dati hanno mostrato che l’economia ha aggiunto 303.000 posti di lavoro destagionalizzati a marzo, molto più di quanto previsto dagli economisti.

Alcuni alla Casa Bianca lamentano che Biden non riceve abbastanza credito per questi sviluppi. In effetti, gli elettori rimangono ampiamente pessimisti sull’economia. In un sondaggio condotto il mese scorso dal Wall Street Journal tra gli elettori di sette Stati in bilico, il 74% degli intervistati ha dichiarato che l’inflazione si è mossa nella direzione sbagliata nell’ultimo anno, nonostante l’inflazione sia scesa in quel periodo, anche se a un tasso ancora superiore a quello precedente la pandemia. Un’inflazione più bassa significa che i prezzi stanno ancora aumentando, solo più lentamente.

I democratici hanno incoraggiato la Casa Bianca a mantenere un focus laser sull’inflazione, sostenendo che gli sforzi dell’amministrazione per convincere l’opinione pubblica dei trilioni di dollari che sta investendo in infrastrutture, semiconduttori e cambiamenti climatici nei prossimi decenni non hanno risonanza tra gli elettori.

Ron Klain, ex capo dello staff di Biden, ha criticato il presidente perché, a suo avviso, si è concentrato troppo sugli sforzi per sistemare le infrastrutture della nazione e non abbastanza sui prezzi, secondo quanto riportato da Politico, che ha ottenuto l’audio delle sue osservazioni durante un recente evento.

Il perdurare di un’inflazione più alta del previsto potrebbe far deragliare i piani della Federal Reserve di iniziare a ridurre i tassi di interesse a giugno e sollevare dubbi sulla possibilità di effettuare tagli quest’anno senza segnali di rallentamento dell’economia.

COSA HA DETTO BIDEN

Mercoledì, Biden ha previsto che la Fed taglierà i tassi entro la fine dell’anno, pur riconoscendo che i recenti dati sull’inflazione potrebbero ritardare lo sforzo. E ha cercato di scaricare la colpa sui repubblicani.

“Siamo in una situazione migliore rispetto a quando siamo entrati in carica, quando l’inflazione era alle stelle, e abbiamo un piano per affrontarla”, ha detto Biden durante una conferenza stampa alla Casa Bianca. “Loro non hanno un piano. Il nostro è un piano che credo sia ancora sostenibile”.

Il Comitato nazionale repubblicano, da parte sua, ha dichiarato mercoledì che i dati sull’inflazione di questa settimana dimostrano che Biden sta cercando di “gassare il popolo americano” sostenendo che i prezzi sono sotto controllo e che le sue politiche economiche sono “un disastro per le famiglie di tutto il Paese”.

COSA DICONO I SONDAGGI

In un sondaggio condotto dal 5 al 9 aprile dal Journal tra economisti aziendali e accademici, il 49% degli intervistati ha dichiarato che Biden beneficerà più degli altri candidati se la Fed taglierà i tassi prima delle elezioni. Solo il 7% ha detto Trump, mentre il 44% non ha detto nessuno dei due.

Il 46% degli intervistati ha detto che le politiche di Biden sarebbero migliori per l’economia, rispetto al 27% che ha detto che le politiche di Trump sarebbero migliori. Poco più della metà ha dichiarato che la Fed inizierà a tagliare i tassi a giugno, anche se il sondaggio è stato completato prima del rapporto sull’inflazione di mercoledì.

I futures sui tassi di interesse hanno suggerito mercoledì pomeriggio che gli investitori vedono meno del 20% di possibilità che la Fed tagli i tassi a giugno. Gli investitori si aspettano che la Fed inizi a tagliare i tassi nella riunione di settembre. Un ulteriore taglio è previsto prima della fine dell’anno, lasciando il tasso di riferimento della Fed sui fondi federali in una fascia compresa tra il 4,75% e il 5%, rispetto all’attuale 5,25% e 5,5%.

L’INFLAZIONE E LA FED

Prima del rapporto sull’inflazione di mercoledì, molti analisti ritenevano che Biden avrebbe tratto un chiaro vantaggio dal taglio dei tassi. Due o tre tagli da parte della Fed potrebbero non fare molto per abbassare i tassi ipotecari medi, che, intorno al 7%, hanno impedito a molti americani di acquistare una casa. Ma sarebbero almeno un passo nella giusta direzione. Trump ha accusato il presidente della Fed Jerome Powell di voler abbassare i tassi per aiutare Biden nelle prossime elezioni.

Tuttavia, il vantaggio politico di un taglio dei tassi era un po’ meno evidente dopo i dati sui prezzi, dato che una politica monetaria più facile potrebbe potenzialmente far salire l’inflazione.

A parte i tassi ipotecari, Biden spera di far risparmiare alcuni proprietari di case attraverso diverse iniziative, tra cui un programma pilota in cui il gigante dei mutui Fannie Mae, controllato dal governo, rinuncerà al requisito dell’assicurazione sul titolo di proprietà per i rifinanziamenti acquistati da alcuni prestatori. L’assicurazione sul titolo di proprietà costa in genere ai mutuatari circa lo 0,5% dell’importo del prestito.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top