skip to Main Content
ads

Il rally del grano tra clima e guerra in Ucraina

Grano Guerra Ucraina

L’analisi di Ole Hansen, Head of Commodity Strategy per BG SAXO sull’inflazione globale dei prezzi dei prodotti alimentari

 

L’inflazione globale dei prezzi dei prodotti alimentari rimane una preoccupazione fondamentale con le forniture che diventano sempre più limitate. Le condizioni meteorologiche e guerra in Ucraina sono i due elementi che stanno determinando la riduzione delle forniture in vista del prossimo inverno nell’emisfero settentrionale.

La tabella in basso mostra che gli oli di grano e commestibili sono sotto stress e vedono un costante aumento dei prezzi. Entrambi sono stati colpiti dalla guerra decisa da Putin in Ucraina che ha dovuto ridurre drasticamente la capacità dell’Ucraina di esportare la sua produzione attraverso il principale hub di esportazione sulla costa del Mar Nero. L’American Farm Bureau ha scritto in un recente aggiornamento: “L’Ucraina ha sei prodotti primari con oltre un miliardo di dollari di vendite all’esportazione: mais ($ 5,8 miliardi), semi di girasole ($ 5,7 miliardi), grano ($ 5,1 miliardi), colza ($ 1,7 miliardi), orzo ($ 1,3 miliardi) e farina di girasole ($ 1,2 miliardi)”.

A causa delle condizioni di mercato rigide e dell’aumento dei prezzi, sempre più spesso i governi intervengono per proteggere le forniture interne e frenare l’inflazione dei prezzi alimentari. Più recentemente un divieto di esportazione indonesiano di olio di palma, in parte causato dall’aumento dei prezzi dell’olio di girasole, è stato seguito da un freno a sorpresa dell’India alle esportazioni di grano.

Questo poche settimane dopo che gli analisti avevano previsto un quasi raddoppio delle esportazioni di grano dell’India da un livello già record nel 2021. Tuttavia, un’ondata di caldo lo scorso mese ha drasticamente ridotto le recenti previsioni per un’esportazione eccezionale di grano. In più, è subito arrivato un annuncio da parte della stessa India che ha in programma di limitare le esportazioni di zucchero a dieci milioni di tonnellate per la stagione in corso. Una misura vista come molto precauzionale date le attuali proiezioni sulla produzione e sui livelli delle scorte disponibili.

Dall’altra parte del mondo, l’aggiornamento settimanale di lunedì del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti ha evidenziato lo stato precario del mercato del grano statunitense. Mentre la semina di mais e soia ha preso slancio, le prospettive per la semina primaverile del grano sono sfavorevoli con solo il 49% del grano nel terreno rispetto al 93% di un anno fa: il ritmo più lento in 20 anni. Inoltre, la siccità ha danneggiato la qualità del grano invernale statunitense.

Il North Dakota coltiva metà del frumento primaverile degli Stati Uniti ricco di proteine ​​e, dopo il secondo aprile più piovoso e l’otto più freddo della storia, i campi hanno ricevuto dosi regolari di acqua che non hanno permesso ai campi di essere adeguatamente attrezzati per la semina.

Nella settimana fino al 17 maggio, gli speculatori o i conti con denaro gestito hanno aumentato le scommesse rialziste sul grano di Chicago al massimo di 14 mesi, ma a “soli” 26.586 lotti, l’impatto sui prezzi rimane relativamente contenuto. Complessivamente, tuttavia, l’esposizione sui sei principali futures sul grano scambiati a Chicago rimane elevata a 683.000 lotti, per un valore nominale di $ 37 miliardi, con la maggior parte detenuta in mais (340.000 lotti) e soia (147.000 lotti). Negli ultimi 20 anni il net long ha superato gli 800.000 lotti solo in quattro occasioni, le ultime due a gennaio dello scorso anno e solo cinque settimane fa. Nelle prime tre occasioni, i prezzi sono crollati a tal punto che la lunghezza netta in due occasioni è tornata a zero mentre l’anno scorso ha innescato una riduzione del 60%.

Il fatto che la storia possa ripetersi dipende tutto dagli sviluppi meteorologici a breve termine, non solo negli Stati Uniti ma anche in Europa, dove diversi grandi produttori guidati dalla Francia stanno lottando con il clima caldo e secco. La fine della guerra in Ucraina potrebbe rappresentare una correzione di soccorso attraverso il mercato dei raccolti ma i danni già arrecati al raccolto di quest’anno sono una certezza: la prospettiva di prezzi alimentari elevati per un lungo periodo purtroppo rimane un rischio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore