Advertisement skip to Main Content

Ucraina

Il Foglio manda all’ospedale il Pd sui tagli alla sanità

Quanto sono fondate le accuse al governo Meloni di voler disinvestire e smantellare la sanità pubblica? Quasi per nulla. L'analisi del Foglio

Il Foglio sbugiarda la campagna di giornaloni e opposizioni sui tagli alla spesa sanitaria.

Luciano Capone del quotidiano fondato da Giuliano Ferrara mette alla berlina i grandi giornali e il centrosinistra che insufflano l’idea di drastici tagli decisi dal governo alla spesa sanitaria.

Questa battaglia di Pd e M5s si basa su una narrazione mistificatoria, scrive Il Foglio: “Quella secondo cui quando al governo c’era Speranza la spesa sanitaria in rapporto al pil aveva superato il 7 per cento, mentre poi con l’arrivo della destra cala verso il 6 per cento. Ma l’incremento in rapporto al pil della spesa sanitaria dei governi Conte è dovuto essenzialmente a due fattori: il primo, più marginale, le spese straordinarie per l’emergenza Covid; il secondo, ben più influente, il crollo del pil a causa dei lockdown. Sono entrambi fattori contingenti e reversibili, infatti le spese straordinarie sono finite e il pil è tornato ai livelli pre pandemia. Ciò non toglie che la sanità avrebbe bisogno di un rafforzamento”.

Il Foglio parte dai numeri: “Il presunto “taglio da 2 miliardi” si riferisce ai numeri della Nadef, appena approvata dal governo, che nel conto tendenziale della Pa prevede un calo della spesa sanitaria da 134,7 miliardi nel 2023 a 132,9 miliardi nel 2024 (-1,3 per cento), con un passaggio della spesa in rapporto al pil dal 6,6 per cento al 6,2 per cento. Ma si tratta, appunto, di una proiezione della spesa tendenziale, ovvero a legislazione vigente: non si tratta del quadro programmatico, che verrà definito dal governo con la prossima legge di Bilancio. Non esiste quindi, a ora, alcun “taglio””.

Con la Nadef – ricorda Capone – il governo ha alzato il deficit programmatico per il 2024 dal 3,6 al 4,3 per cento, ricavando uno spazio fiscale per la manovra di circa 14 miliardi. Bisognerà vedere quante di queste risorse saranno destinate alla sanità, se si arriverà ai 4 miliardi richiesti dal ministro della Salute Orazio Schillaci, ma affermare che nella Nadef il governo ha già stabilito un taglio delle risorse è falso o quantomeno fuorviante. Soprattutto perché, se si vogliono considerare le proiezioni tendenziali, la sinistra non ne esce meglio dal confronto.

Il Foglio mette a confronto le ultime Note di aggiornamento al documento di economia e finanza: “Secondo la Nadef del 23 settembre 2022, l’ultimo documento approvato dal governo Draghi, quando al ministero della Salute c’era Roberto Speranza la proiezione tendenziale della spesa sanitaria era 131,7 miliardi nel 2023 (6,7 per cento del pil), 128,7 miliardi nel 2024 (6,2 per cento) e 129,4 miliardi nel 2025 (6,1 per cento). Un anno dopo, la Nadef appena approvata dal governo Meloni nel quadro a legislazione vigente prevede una spesa di 134,7 miliardi nel 2023 (6,6 per cento del pil), 132,9 miliardi nel 2024 (6,2 per cento) e 136,7 miliardi nel 2025 (6,2 per cento). C’è insomma, con il governo Meloni, già a legislazione vigente una proiezione di spesa sanitaria di circa 14 miliardi in più sul triennio (in rapporto al pil la spesa è più o meno analoga perché nel frattempo c’è stata una revisione al rialzo del pil da parte dell’Istat)”.

In sostanza, se pure il ministro Schillaci non riuscisse a ottenere l’aumento di risorse richiesto, la spesa sanitaria nei prossimi anni sarebbe comunque ben superiore a quella che aveva previsto il ministro Speranza. Questa differenza nel trend della spesa sanitaria è molto più chiaro confrontando le previsioni triennali contenute rispettivamente nel Def 2022 di Draghi/Speranza e nel Def 2023 di Meloni/Schillaci. Nel primo, quando cioè il ministero della Salute era in mano alla sinistra, le proiezioni erano queste: “Nel triennio 2023-25, la spesa sanitaria è prevista decrescere a un tasso medio annuo dello 0,6 per cento; nel medesimo arco temporale il pil nominale crescerebbe in media del 3,8 per cento. Conseguentemente, il rapporto fra la spesa sanitaria e il pil decresce e si attesta, alla fine dell’arco temporale considerato, a un livello pari al 6,2 per cento”.

Nel secondo Def, quando il ministero della Salute è passato in mano alla destra, le previsioni sono queste: “Nel triennio 2024-2026, la spesa sanitaria è prevista crescere a un tasso medio annuo dello 0,6 per cento; nel medesimo arco temporale il pil nominale crescerebbe in media del 3,6 per cento. Conseguentemente, il rapporto fra la spesa sanitaria e il pil, pari al 6,3 per cento nel 2024, si stabilizza al 6,2 per cento”. “In pratica, a parità di crescita nominale, con la sinistra la spesa era prevista calare dello 0,6 per cento mentre con la destra aumentare dello 0,6 per cento”, chiosa il quotidiano diretto da Claudio Cerasa peraltro vicino al Pd e ai partiti centristi di Matteo Renzi e Carlo Calenda.

Back To Top