skip to Main Content

Golfo

Perché gli Stati del Golfo vogliono sfondare nel Fondo monetario internazionale. Report Le Monde

La regione del Golfo vuole influenzare le raccomandazioni del FMI sul cambiamento climatico e sulla tassazione del carbonio. L'articolo di Le Monde.

All’ultima riunione annuale del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e della Banca Mondiale, tenutasi a Marrakech in ottobre e alla quale hanno partecipato ministri e leader economici di tutto il mondo, i rappresentanti degli Stati del Golfo sono stati al centro della scena. Alla tavola rotonda dedicata al Qatar, il ministro delle Finanze Ali Bin Ahmed Al Kuwari ha ribadito l’impegno del suo Paese per la stabilità finanziaria globale e il suo ruolo nell’aiutare l’Argentina a rispettare gli impegni presi con il FMI.

Il ministro delle Finanze saudita, Mohammed Al-Jadaan, è stato invitato ad esprimere il suo punto di vista sulla crisi del debito nei Paesi poveri, insieme a Kristalina Georgieva e Ajay Banga, responsabili del FMI e della Banca Mondiale. Riyadh, la capitale dell’Arabia Saudita, sarà presto sede del primo ufficio del FMI nella regione, a seguito di un accordo firmato nell’ottobre 2022.

I Paesi del Golfo stanno inoltre intensificando i loro impegni nei confronti dell’istituzione attraverso contributi finanziari a fondi come la Resilience and Sustainability Facility e la Food Shocks Window, progettati per aiutare i Paesi a basso reddito. “La regione sta incanalando sempre più i suoi aiuti internazionali attraverso il FMI, mentre vuole essere più visibile e presente sulle principali questioni internazionali”, ammette Jihad Azour, responsabile dell’istituzione per l’Asia centrale e il Medio Oriente.

Questa nuova strategia è stata formulata a gennaio da Mohammed Al-Jadaan al Forum economico di Davos (Svizzera): “Mentre prima concedevamo sovvenzioni e prestiti senza vincoli, ora stiamo cambiando la nostra politica lavorando con le istituzioni multilaterali e dicendo ai Paesi beneficiari che vogliamo che facciano le riforme”.

Un aiuto finanziario cruciale

Essendo l’unica regione al mondo a generare avanzi di bilancio grazie ai proventi del petrolio, gli aiuti finanziari sono fondamentali in un momento in cui la metà dei Paesi a basso reddito è minacciata dal debito. L’Arabia Saudita, ad esempio, ha stanziato l’1,01% e lo 0,74% del suo reddito nazionale lordo per gli aiuti allo sviluppo nel 2021 e nel 2022, rispetto a una media dello 0,33% e dello 0,36% nei Paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

“Gli aiuti bilaterali danno molta visibilità al Paese donatore, ma sono più efficaci attraverso il FMI, perché si avvalgono della sua esperienza e sono accompagnati da raccomandazioni sulla politica economica”, sottolinea Tim Callen, ricercatore presso il think tank americano Arab Gulf States Institute di Washington. Gli Stati del Golfo hanno contribuito con miliardi di dollari in aiuti all’Egitto, al Pakistan e alla Giordania. “Probabilmente si rendono conto che finanziare un Paese senza un programma di riforme è inefficiente”, afferma Clemence Landers, ricercatrice presso il think tank americano Center for Global Development.

Questo impegno segna anche il desiderio di influenzare l’agenda di un’istituzione che ha una notevole influenza. Non solo fa raccomandazioni a quasi tutti i Paesi del pianeta, ma richiede anche determinate riforme in cambio della sua assistenza finanziaria e forma alti funzionari di tutto il mondo. Il FMI è anche il luogo in cui vengono discusse alcune delle nuove regole di ristrutturazione del debito. Gli Stati del Golfo sono tra i nuovi creditori che, insieme a Cina, Brasile e India, hanno aumentato i loro prestiti ai Paesi a basso reddito e devono ora negoziare la rinegoziazione per evitare una cascata di default.

Investimenti adeguati in tutte le fonti energetiche

Infine, non è sfuggito agli Stati del Golfo che, nei prossimi anni, le entrate derivanti dalla produzione di petrolio dipenderanno sempre più dalle politiche fiscali dei Paesi consumatori, e quindi in parte dalle raccomandazioni del FMI. Le tasse sugli idrocarburi costituiranno una parte sempre più importante del prezzo. Aumenteranno per compensare il calo del prezzo al barile, legato alla contrazione della domanda, e per non rallentare la transizione verso l’energia pulita. Ishac Diwan, direttore di ricerca del Finance for Development Lab, un centro di ricerca collegato alla Paris School of Economics, aggiunge: “Dato che solo i Paesi in cui l’estrazione è più economica, come quelli del Golfo, continueranno a produrre petrolio, le tasse dovranno aumentare ulteriormente per mantenere i prezzi alti”.

I Paesi del Golfo vogliono anche influenzare la politica nella lotta al riscaldamento globale. Il FMI, ad esempio, sostiene la tassazione del carbonio, mentre l’Arabia Saudita vi si oppone, osserva Tim Callen. Nell’ottobre 2022, l’Arabia Saudita, uno dei ventiquattro Paesi che fanno parte del Comitato monetario e finanziario internazionale (IMFC), che formula raccomandazioni al Consiglio dei governatori del FMI, ha chiesto di promuovere le tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio, sostenute dai gruppi petroliferi e del gas, ma la cui efficacia è tutt’altro che unanime.

“Per soddisfare l’attuale domanda di energia saranno necessarie tutte le fonti energetiche affidabili, accessibili e sostenibili”, ha ribadito Riyadh, aggiungendo che “saranno necessari investimenti adeguati in tutte le fonti energetiche, compresi gli idrocarburi puliti”. Soprattutto, la petro-monarchia vorrebbe che il FMI prestasse meno attenzione a questo tema. “L’aggiornamento del mandato della Banca Mondiale, che include il cambiamento climatico nella sua visione e missione, dovrebbe consentire al FMI di concentrarsi sulle sue attività principali”, ha dichiarato Riyadh all’IMFC in ottobre.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top