skip to Main Content

Global tax: luci, ombre e incognite. Report Wsj

Global Tax

A che punto è la Global tax secondo il Wall Street Journal

 

Venerdì scorso, quando i funzionari di 136 paesi si sono accordati su nuove regole per la tassazione delle multinazionali, la lobby delle super tasse ha raggiunto un accordo fortemente voluto. L’attenzione ora si sposta sui governi nazionali responsabili dell’attuazione di questo accordo, e il Congresso degli Stati Uniti in particolare dovrebbe cercare di capire in cosa si sta facendo trascinare.

L’accordo sulla Global tax segue più o meno le versioni precedentemente elaborate quest’anno dai ministri delle Finanze del G7 e poi da circa 130 governi attraverso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Il piano si basa su due pilastri. Il primo è una grande revisione delle regole centenarie per la tassazione delle grandi aziende, che guarda soprattutto alle aziende tecnologiche. Il secondo è una nuova aliquota d’imposta minima globale del 15%, che dovrebbe limitare la concorrenza tra i governi in materia di politica fiscale – scrive il WSJ nel suo editoriale.

L’accordo è stato possibile perché l’amministrazione Biden ha rotto col consenso bipartisan di lunga data a Washington sul fatto che un tale accordo sarebbe negativo per il business americano. I Democratici vogliono imporre tasse americane molto più alte sui profitti delle aziende americane in patria e all’estero, e pensano che la pillola sarà più facile da far digerire se i legislatori pensano che altri paesi stiano procedendo con aumenti delle loro tasse.

La dichiarazione della segretaria al Tesoro Janet Yellen, che ha sbandierato l’accordo dell’OCSE, includeva un appello al Congresso per far passare i propri aumenti fiscali “rapidamente” ora che un patto globale è in vigore.

Prima di seguire questo cattivo consiglio, i legislatori potrebbero voler sapere come questo accordo globale ha tagliato il traguardo. Riassunto veloce: altri governi hanno bloccato l’aliquota fiscale minima più bassa che potevano, e poi hanno cercato di ritardare la piena attuazione il più a lungo possibile.

L’Irlanda è un caso esemplare. La tigre celtica non ha potuto resistere all’immensa pressione dei suoi vicini e degli Stati Uniti per abbandonare la sua aliquota del 12,5%, e questa settimana ha accettato la richiesta dell’OCSE del 15%, ma alle sue condizioni. In estate, le proposte dell’OCSE parlavano di un tasso di “almeno il 15%” e, per volere dell’Irlanda (e della Svizzera), quell'”almeno” è ora sparito.

Dublino ha anche ottenuto un impegno separato, ovvero che l’Unione Europea (di cui l’Irlanda fa parte) non espanderà le sue regole fiscali oltre l’accordo OCSE quando Bruxelles legifererà per implementare il patto globale. Questo garantisce a Dublino di poter mantenere la sua aliquota fiscale del 12,5% per le aziende con entrate annuali inferiori alla soglia OCSE di 750 milioni di euro e impedisce a Francia e Germania di usare l’accordo OCSE come scusa per aumentare le tasse europee.

Il messaggio di tutto questo per il Congresso è che il resto del mondo non permetterà facilmente che un’aliquota fiscale minima globale vada alla deriva verso l’alto per eguagliare un’aliquota statunitense non competitiva, e non importa cosa spera Yellen.

Ci sono stati anche altri cambiamenti per ottenere l’accordo finale. La Svizzera ha insistito su esenzioni più generose per i costi del libro paga e gli investimenti fissi rispetto alla proposta iniziale dell’OCSE. L’Ungheria ha chiesto un’eliminazione graduale più lunga per quelle esenzioni (10 anni, invece che 5), e l’Estonia ha firmato solo dopo aver determinato che l’accordo non avrebbe aumentato le tasse sulle aziende estoni.

Anche dopo questo mercanteggiamento, i paesi che partecipano al processo dell’OCSE sono lontani anni dall’implementazione di tutto questo. Una volta firmato il testo finale di un patto, ognuno dei 136 governi dovrà rivedere la sua legge fiscale nazionale in linea con l’accordo globale.

Ma non date per scontato che alla fine tutti lo faranno. La tassa tecnologica che lo accompagna richiede anche cambiamenti ai trattati fiscali bilaterali che potrebbero richiedere anni per essere ratificati.

Yellen e i progressisti sperano che l’accordo fiscale globale dell’OCSE fornisca una copertura politica per imporre tasse molto più severe negli Stati Uniti, ma c’è un limite a quanto gli altri governi ostacoleranno le loro aziende con tasse più alte. I Democratici vogliono aumentare le tasse negli Stati Uniti ora, mentre gli aumenti delle tasse all’estero sono molto lontani.

Il progetto fiscale globale è una cattiva politica che ridurrà la concorrenza fiscale che ha aiutato paesi come l’Irlanda ad attrarre più investimenti e a crescere più velocemente. Serve gli interessi della classe politica, non dei lavoratori. Ma il Congresso non dovrebbe aggravare il danno rendendo le tasse americane ancora più onerose di quanto non faccia l’incauta Global tax di Yellen.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore