Economia

Che cosa succede in Germania?

di

euro

Il post di Alessandra Servidori


Il Vice Presidente Di Maio accusa la Germania di essere il capofila del declino economico dell’Eurozona: il dato del PIL tedesco segna oggettivamente una frenata rispetto le precedenti stime dovute al settore auto (- 1,9%) compensato in parte dal rialzo del settore delle costruzioni (+ 3,5%).

Di Maio dimentica che la Germania è ancora la prima economia dell’UE che produce, con un PIL pari a 3.388,2 miliardi di euro, circa il 29% del PIL dell’Eurozona ed il 25% di quello dell’Europa a 27. Nel 2018 la crescita del prodotto interno lordo è stata dell’1,5%, decelerata rispetto a quella registrata l’anno precedente (+2,2%). Il PIL tedesco l’anno scorso si e’ contratto nel terzo trimestre dello 0,2% e non è più cresciuto nel quarto trimestre. Il segno comunque positivo dell’andamento del PIL è fino alla fine del 2018 dovuto, tra l’altro, alla domanda interna e ai consumi (+1% dei consumi privati; +1,1% dei consumi pubblici), determinati dal clima favorevole all’interno del mercato del lavoro che ha registrato un aumento dell’occupazione del +1,3% rispetto l’anno precedente (nel 2017 era +1,4%). Il mercato del lavoro tedesco, infatti, continua a dare segnali di buona salute: il numero degli occupati ha raggiunto il valore più alto dalla riunificazione ad oggi, pari a 44,8  milioni di unità e un tasso di disoccupazione (armonizzato) del 3,2%. Il commercio estero ha leggermente contribuito al rallentamento della crescita del PIL nel 2018 (-0,2%), con un con un aumento maggiore delle importazioni (+3,3%) rispetto alle esportazioni (+2,4%) .Poi sul fronte delle finanze pubbliche, il 2018 si è concluso con un avanzo di bilancio pari a 59,2 miliardi di euro (1,7% del PIL). Si è trattato del quinto anno consecutivo in cui il bilancio pubblico si è chiuso con un avanzo. Ultima considerazione senza infierire per amor di patria sui nostri numeri: il debito tedesco è sceso nel 2018 sotto il 60% del pil, da noi è il 132% con previsione del 135,2% nel 2020. Ancora una volta la Germania saprà dimostrare al resto dell’Ue e del mondo di saper ripartire senza eccessi di autosufficienza pur essendo un paese complesso.

In nessuna democrazia che abbia avuto anche recentemente leader con forti consensi si sono mai azzardati a non cercare e costruire coalizioni. Alle europee il partito di Merkel non ha avuto consensi rafforzati, i populisti non hanno sfondato, nel centro nord Europa cresce una socialdemocrazia pragmatica e nel pieno della Brexit, con Polonia ed Ungheria che mettono pesantemente in discussione gli standard europei di legalità, l’Italia balbetta minacce e porta in dote la nostra crisi di bilancio. Non mancano di certo nella UE fattori di crisi e in pochi sembrano avere idee concrete di come rivitalizzare l’Unione con un predatore Usa che insidia e un autoritarismo cinese che incombe. Il rischio maggiore per l’Italia e l’Europa sarà un’offerta di programmi sbiaditi di fronte al radicalismo e limitarsi ad aggiustamenti incrementali o di compromessi tra veti incrociati perché non può che condurre a una catastrofe e se vogliamo salvarci dobbiamo, sia in Italia che nella Ue, rafforzare la protezione dei suoi cittadini contro i predatori internazionali sia pubblici che privati e mettere in campo politiche di sviluppo, solidarietà fiscali per la convergenza delle aliquote d’imposta delle società in particolare quelle multinazionali e non limitarsi di tentare di ridurre le disuguaglianze tramite la redistribuzione perché non è sufficiente,cercando invece di ritrovare quello Stato regolatore che garantisce stabilità sociale e macroeconomica, riposizionando le basi per l’investimento, l’innovazione e la crescita.

Le sfide sono chiare: portare a termine l’unione monetaria, riaprire il cantiere del welfare europeo, costruire una politica comune per la coesione territoriale e gli investimenti, allargare la difesa comune, difendere la libera circolazione delle persone e delle idee. Se già stiamo andando male in Italia senza effetto Germania, il nostro export comincerà a scendere quindi rischiamo di continuare i trimestri negativi e con Borghi –lega- che non vuole ridurre l’uso del contante, stampa mini bot definiti dai più carta straccia ma vuole la flat tax e uscire dall’euro.

Intanto Di Maio non sa come gestire Whirpool, Knorr, Ilva, Mercatone, Alitalia ecc e per fortuna che ancora a Francoforte c’è Draghi che ha lanciato la forward guidance -strategia di spinta monetaria alla crescita- prolungando i tassi fermi fino alla metà del 2020 e le aste Tltro- aste di liquidità a lungo termine per prestiti alle imprese che sono uno strumento fondamentale. La BCE è pronta ad agire in caso di emergenza. Noi italiani come ci organizziamo?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati