skip to Main Content

Energia, metalli e materie prime al gran ballo della Variante Delta

Materie Prime

È tornato forte il tema del timore per la variante Delta, con le materie prime scambiate in ribasso, mentre l’oro è alle prese con una serie di altalene che preannunciano tempesta. L’analisi di Ole Hansen, Head of Commodity Strategy per BG Saxo

MATERIE PRIME

L’indice Bloomberg Spot ha perso lo 0,5% durante i primi giorni di agosto, dal momento che la rapida diffusione della variante Delta coronavirus in Asia e in alcune parti degli Stati Uniti ha sollevato preoccupazioni sulla domanda di materie prime chiave come petrolio greggio e rame. Questi sviluppi sono stati in qualche modo compensati dai guadagni dei metalli preziosi poiché sia ​​il dollaro che i rendimenti si sono indeboliti prima della brusca inversione di venerdì. Il mercato dei cereali ha visto un forte balzo dei prezzi del grano legato alle condizioni meteorologiche avverse.

Nel complesso, queste evoluzioni non hanno portato a cambiamenti importanti nell’esposizione complessiva alle materie prime detenuta dai fondi, con la vendita di petrolio greggio, soia, gas naturale e rame compensata dall’acquisto di grano, mais, zucchero e argento.

ENERGIA

Il rally di fine luglio del petrolio greggio si è esaurito dopo che l’attenzione del mercato si è spostata sempre più dall’OPEC all’Asia, e in particolare alla Cina, dove la variante delta del coronavirus ha continuato a diffondersi, alimentando dubbi sulle prospettive della domanda a breve termine. Di conseguenza, la posizione lunga netta nel WTI e nel Brent è stata ridotta di 18,4k lotti combinati a 614k lotti, invertendo così un terzo di quanto aggiunto nelle scorse settimane. La maggior parte del cambiamento è stata condizionata da una lunga liquidazione senza segni di aumento dell’attività di vendita allo scoperto. Il gas naturale lungo è stato, nonostante l’aumento dei prezzi, ridotto del 4% a 312k lotti. Questa quarta settimana consecutiva di vendite nette si è verificata mentre il prezzo ha continuato a salire e ha chiuso la settimana a $ 4,14, il più alto da dicembre 2018 in risposta al clima caldo e alla robusta esportazione di GN, sollevando preoccupazioni per le scorte insufficienti per il prossimo inverno.

Dopo la peggiore settimana per il petrolio greggio in dieci mesi, il mercato segue da vicino il rapporto mensile dell’OPEC di domani per eventuali segnali di cambiamento nelle prospettive della domanda. Da rilevare comunque che la rapida diffusione della variante delta coronavirus in Asia e in alcune parti degli Stati Uniti ha visto l’attenzione del mercato tornare alle preoccupazioni sulla domanda derivanti dalla capacità dell’OPEC di mantenere i prezzi sostenuti mantenendo le forniture sufficientemente limitate.

METALLI

In questo inizio di settimana l’oro (XAUUSD) e l’argento (XAGUSD), già sotto pressione a seguito del rapporto sull’occupazione statunitense più forte del previsto del 6 agosto, hanno subito un flash crash durante le prime parti della sessione asiatica. Dopo la chiusura debole di venerdì, entrambi i metalli erano rimasti vulnerabili all’apertura e, con Singapore e Giappone in vacanza, l’apertura asiatica ha offerto ancora meno liquidità del solito. In pochi minuti l’oro è sceso di oltre il 4% mentre l’argento è crollato del 7%, prima di accoppiare le perdite in vista dell’apertura europea. I trader sono stati sorpresi dallo strano comportamento dell’oro nelle ultime settimane quando i rendimenti in calo non sono riusciti ad aumentare il prezzo, mentre la piccola inversione di tendenza dei rendimenti della scorsa settimana ha innescato una risposta negativa immediata e forte. Questo tipo di capitolazione può spesso coincidere con un minimo significativo nel mercato ma, perché ciò accada, sono necessari che i dati economici diventino più favorevoli all’oro. Attenzione anche al rame che viene venduto a causa delle preoccupazioni per il virus che compensano il rischio di un'interruzione della fornitura legata allo sciopero in Cile, il produttore numero uno al mondo.

AGRICOLTURA

La vendita di semi di soia è stata più che compensata dal forte acquisto di mais e da entrambi i contratti di grano su KCB e CBOT. I futures sul grano CBOT sono stati scambiati vicino al massimo di maggio con sviluppi meteorologici avversi che puntano sempre più a forniture globali più limitate a causa delle aspettative di una produzione inferiore da parte dei principali esportatori Russia e Stati Uniti. Le piogge hanno danneggiato la qualità del grano in alcune parti dell’Europa e della Cina, mentre il caldo e la siccità hanno ridotto le prospettive di produzione in Russia e Nord America. Oltre agli sviluppi meteorologici in corso, giovedì il mercato guarderà anche un rapporto mensile su domanda e offerta del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

FOREX

La leggera debolezza del dollaro nella settimana fino a martedì scorso ha visto gli speculatori ridurre le scommesse rialziste sul dollaro da un massimo di 17 mesi del 18% a $ 3,6 miliardi. Questo prima del commento “da falco” di Clarida, vicepresidente della Fed, e del forte rapporto sull’occupazione a livello generale che hanno portato a far salire il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni all'1,3% e a rafforzare il dollaro contro i suoi principali pari, non ultimo l'euro che ha chiuso la settimana a un minimo da quattro mesi.

Il cambiamento menzionato è stato principalmente guidato dall’acquisto di GBP e JPY. La posizione sulla sterlina è tornata neutrale mentre lo yen short è stato ridotto al minimo di sei settimane. Nel complesso, e proprio come la settimana precedente, il tema dominante è stato la riduzione delle posizioni, sia lunghe che corte, poiché il periodo di picco delle vacanze estive continua a ridurre la propensione al rischio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore