Economia

Ecco i settori che frenano la produzione industriale

di

aziende produzione industriale Piemonte

Il commento di Paolo Mameli, senior economist Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, sul dato produzione industriale ad aprile

La produzione industriale è calata più del previsto ad aprile, di -1,2% m/m (esattamente quanto guadagnato a marzo). La tendenza annua ha perso terreno a +1,9% (corretto per gli effetti di calendario) da un precedente +3,5%: è un minimo nell’ultimo anno; tuttavia, si tratta del ventunesimo mese consecutivo di espansione, la striscia positiva più lunga da quella a cavallo tra fine 2005 e fine 2007.

In sintesi, il calo congiunturale della produzione industriale ad aprile è in linea con quanto registrato negli altri principali Paesi dell’eurozona, e appare dovuto a effetti di calendario (la Pasqua a inizio mese, il ponte festivo di fine mese). In tal senso, ci aspettiamo un recupero a maggio.

Tuttavia, a meno di un rimbalzo spettacolare a maggio e giugno, difficilmente la produzione registrerà un incremento significativo nel trimestre in corso. Ciò aumenta i rischi di un rallentamento su base congiunturale del PIL nel trimestre in corso rispetto allo 0,3% t/t visto nei sei mesi precedenti.

Ecco l’approfondimento completo:

La produzione industriale è calata più del previsto ad aprile, di -1,2% m/m (esattamente quanto guadagnato a marzo).

Il calo è dovuto all’energia (-4,8% m/m), ai beni di consumo (-1,3% m/m) e ai beni intermedi (-1,1% m/m), mentre i beni strumentali hanno registrato un moderato incremento (+0,7% m/m). Per via del contributo rilevante di energia e attività estrattive, il calo della produzione manifatturiera è stato pari alla metà di quello dell’indice generale (-0,6% da +1,2% m/m precedente).

La tendenza annua ha perso terreno a +1,9% (corretto per gli effetti di calendario) da un precedente +3,5%. Si tratta di un minimo nell’ultimo anno. In ogni caso, è il ventunesimo mese consecutivo di espansione, la striscia positiva più lunga da quella a cavallo tra fine 2005 e fine 2007.

Tra i comparti manifatturieri, l’unico a mantenere una crescita annua a due cifre è il farmaceutico (+11,1%). La tendenza resta più che positiva per apparecchiature elettriche, macchinari e altre industrie manifatturiere. Viceversa, ben 4 comparti manifatturieri mostrano un calo su base annua: legno, carta e stampa (-4,1%), gomma e plastica (-4%), alimentari (-1,7%) e computer, elettronica e ottica (-0,7%).

In sintesi, il calo congiunturale della produzione industriale ad aprile è in linea con quanto registrato negli altri principali Paesi europei (Germania -1,7%, Francia -0,5%, Spagna -1,8% m/m, media eurozona -0,7% m/m), e appare dovuto a effetti di calendario (la Pasqua a inizio mese, il ponte festivo di fine mese). In tal senso, ci aspettiamo un recupero a maggio.

Tuttavia, a meno di un rimbalzo spettacolare a maggio e giugno, difficilmente la produzione registrerà un incremento significativo nel trimestre in corso. Ciò significa che il settore industriale potrebbe non contribuire alla crescita del PIL nel secondo trimestre, come già accaduto a inizio anno.

Ciò aggiunge rischi al ribasso sulla nostra stima di una crescita del PIL stabile a 0,3% t/t nel trimestre primaverile. Dato che difficilmente l’industria tornerà a contribuire in misura apprezzabile, tenuto conto del ruolo decisivo che hanno avuto le scorte sui dati di contabilità di inizio anno, e visto il minor vigore registrato nei mesi più recenti dalle indagini di fiducia delle imprese, il rischio di un rallentamento su base congiunturale del PIL è concreto.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati