Economia

Ecco come la Bce ha aiutato Deutsche Bank. Parola di Mediobanca

di

Bce

Che cosa si legge in un report di Mediobanca Securities su Deutsche Bank

 

“Una grande mano da parte del regolatore è stata di aiuto: la concessione di 50 basis points di CET1 è stata vitale perché Deutsche abbia evitato grazie a un’efficace azione di lobbying con i regolatori di ridurre il target di CET1 ratio di 50 punti al 12.5%”.

Parola di Adam Terelak, analista di Mediobanca Securities. Il report del braccio di Mediobanca non ricorre a eufemismi: in sostanza la Bce ha accolto un’azione di lobbyng da parte di Deutsche Bank fornendo al gruppo bancario tedesco in difficoltà un aiutino per evitare un aumento di capitale che sarebbe stato ferale per l’istituto teutonico. Questa nella sostanza la tesi suffragata da numeri e analisi del report di Mediobanca Securities.

Sintetizza oggi il Sole 24 Ore dando conto del report firmato da Terelak: “Il maxi-piano di ristrutturazione di Deutsche Bank non sarebbe potuto partire senza un aumento di capitale se non ci fosse stato l’aiuto della Vigilanza Bce che, temporaneamente, consentirà al gruppo tedesco di «navigare» con un livello di Cet1 (capitale primario) scontato dello 0,5%. Deutsche Bank si era finora impegnata con la Vigilanza a mantenere un livello del 13% di Cet1, mentre nei prossimi tre anni il target è stato ribassato al 12,5%. Pochi centesimi in più del livello minimo di capitale definito a livello individuale di Srep 2019, che era fissato all’11,8%. Gli stessi vertici di Deutsche Bank, nel comunicato di annuncio ufficiale del piano, hanno specificato – seppure genericamente – che «dopo una consultazione con i regolatori, la banca intende operare con un livello minimo di Cet1 ratio del 12,5». Nessun cenno al precedente 13%, nè allo sconto dello 0,5% che gli analisti stimano abbia un valore compreso tra gli 1,5 e i 2 miliardi”.

Se il piano Deutsche ha ricevuto un’accoglienza benevola da parte del regolatore, probabilmente per evitare che il caso Deutsche si avvitasse destabilizzando il sistema bancario europeo, bisognerà vedere se gli investitori globali si fideranno dei target di capitale indicati da Deutsche e accettati da Bce. «La questione chiave da capire è se il mercato si sentirà tutelato nel medio termine da un buffer minimo di capitale sopra l’11,8% di Srep – scrive ancora Terelak, evidenziando l’anello debole dell’impalcatura del piano Deutsche Bank colta anche da altri sector analist del settore bancario. Dubbi che si sommano con quelli che riguardano l’intenzione di Deutsche Bank di assegnare agli azionisti dal 2022 ben 5 miliardi di euro dalla progressiva liquidazione della Cru (la cosiddetta “bad bank”). Rimborso di capitale agli azionisti che, secondo gli analisti, non potrà avvenire senza ulteriori «concessioni da parte dei regolatori» nella riduzione dei rischi operativi che «pesano per circa metà degli asset ponedrati per il rischio (Rwa) nella nuova Cru.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati