skip to Main Content

Perché l’ascesa del dollaro non durerà. Report Economist

Dollaro

Il dollaro è in cattiva salute? L’approfondimento dell’Economist

C’è qualcosa di un po’ noioso riguardo alla cattiva salute del dollaro. Sembra inevitabile come i politici bugiardi e gli inverni tempestosi. Il dxy, un indicatore del dollaro contro una mezza dozzina di altre valute del mondo ricco, è aumentato di quasi il 7% dall’inizio dell’anno. L’ampio indice del dollaro, che misura il dollaro contro 26 partner commerciali dell’America, è anch’esso salito notevolmente da giugno. È difficile immaginare cosa potrebbe controllare il suo aumento. Ma vale comunque la pena provare. Potreste scoprire che il caso di un’inversione del dollaro nel 2022 è più plausibile di quanto non abbiate pensato – scrive The Economist.

L’attuale forza del dollaro è legata a una sorta di eccezionalismo americano. L’indice s&p 500 delle principali azioni supera costantemente i mercati azionari degli altri paesi. L’economia americana ha dimostrato di essere una fonte affidabile di crescita. È emersa dalla pandemia con più forza che in qualsiasi altro posto. Dopo una breve perdita di energia in estate, sta ora mostrando un rinnovato vigore.

Di conseguenza, l’inflazione è ostinatamente alta. Il presidente della Federal Reserve, Jay Powell, ha già detto che la Fed si muoverà più velocemente verso la fine dei suoi acquisti di obbligazioni, aprendo così la strada all’aumento dei tassi di interesse. Altrove le cose sono meno calde. La crescita del pil della Cina è fiacca. In Europa un’ondata di infezioni da covid-19 ha portato ad alcune restrizioni delle attività commerciali. E mentre le piene implicazioni della variante Omicron non sono certe, c’è una sensazione generale che si rivelerà essere più di un vento contrario all’economia fuori dall’America.

Una valuta che ha tenuto il passo del dollaro è lo yuan. Questo perché più denaro sta fluendo in Cina che fuori. Esportazioni massicce verso l’America hanno contribuito ad un enorme surplus commerciale. Il capitale di portafoglio si sta lavando dentro. Gli investitori stranieri stanno caricando su obbligazioni e azioni, che ora sono una parte maggiore dei loro benchmark. Nel frattempo, meno soldi stanno uscendo. La spesa all’estero dei turisti cinesi è quasi svanita, come conseguenza dei divieti di viaggio. Eppure, i rischi sembrano inclinati verso una caduta dello yuan contro il dollaro. La Cina si sta orientando verso un’impostazione monetaria più morbida, mentre i responsabili politici sono alle prese con le difficoltà del settore immobiliare. La riduzione dei requisiti di riserva di questa settimana potrebbe anche essere un indizio che Pechino preferirebbe uno yuan più debole.

Mettete tutto questo insieme, e l’argomento per un dollaro forte sembra a prova di bomba. Ma la situazione è fluida. C’è una buona probabilità che il dollaro raggiunga il picco nei prossimi mesi e poi si indebolisca. Perché questo accada, devono essere soddisfatte tre condizioni. In primo luogo, il divario di crescita globale deve ridursi. L’economia americana ha più che recuperato. Altri paesi devono ancora recuperare terreno. Alla fine lo faranno. Troppo della lentezza dell’Asia è attribuita al rallentamento della Cina e non abbastanza agli effetti persistenti della pandemia in tutta la regione. L’Europa non si è mai riaperta del tutto. E c’è uno stimolo fiscale dal fondo di recupero dell’UE in cantiere. L’America può ancora guidare il gruppo. Ma la corsa sarà più serrata.

Una seconda condizione è una minore inflazione. I prezzi del petrolio sono già scesi. Ci sono segni timidi che i colli di bottiglia si stanno allentando. I sondaggi aziendali nei centri di produzione di beni, come Taiwan e Vietnam, mostrano una ripresa dei tempi di consegna. Se questi sviluppi si traducono in un’inflazione più bassa, dice Mansoor Mohi-uddin della Bank of Singapore, ciò permetterà alla Fed di orientarsi verso una posizione meno da falco – una terza condizione per un dollaro più debole. È difficile essere una colomba dei tassi d’interesse quando l’inflazione è così alta. Ma se cade durante il 2022, e l’economia rallenta, l’attenzione della Fed potrebbe facilmente tornare alla parte “lavoro” del suo mandato. In primavera o all’inizio dell’estate, i mercati potrebbero trovarsi a prezzare più aumenti dei tassi di interesse di quanto la Fed sia disposta a fare.

È facile da dimenticare, ma anche altre banche centrali fanno politica monetaria. Una ripresa dell’economia della zona euro potrebbe facilmente smuovere i falchi della Banca Centrale Europea, dice Kit Juckes della Société Générale, una banca. Anche l’accenno di un aumento dei tassi di interesse nella zona euro potrebbe essere un game-changer per i mercati valutari.

Per i tori del dollaro, tutto questo potrebbe sembrare un po’ inverosimile. Molto del loro entusiasmo è legato all’alta inflazione e alle sue implicazioni per i tassi di interesse. Ma questo comporta dei pericoli. L’inflazione non è una ragione di alta qualità per sostenere una valuta, dice Steven Englander di Standard Chartered, un’altra banca. Proprio così. Se l’inflazione in America si dimostra ostinata nel medio termine, questo non è ovviamente buono per il dollaro. Per ora, il biglietto verde è una valuta vincente. Ma ci sono ancora alcuni modi in cui potrebbe perdere.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore