skip to Main Content

La distruzione creativa è il risvolto positivo della crisi da Covid? Report Ft

Distruzione Creatrice

Durante la crisi pandemica molte imprese hanno saputo trasformarsi in modi inaspettati, e prosperare. L’approfondimento del Financial Times

Se c’è un lato positivo nella crisi del Covid-19, è la notevole creatività dimostrata dalle molte imprese che hanno prosperato trasformandosi in modi inaspettati durante la pandemia.

Gli esempi che ho incontrato sono numerosi. C’è l’azienda di sicurezza aeroportuale che ha fatto piani per lanciare un’applicazione di tracciamento dei vaccini dopo che il business dei viaggi è crollato. O i proprietari di centri commerciali e negozi che affittano aree di vendita vuote alle scuole che hanno bisogno di più spazio per gli studenti durante le lezioni. O le imprese digitali che riescono a malapena a tenere il passo con la loro stessa crescita – scrive il FT.

Ho parlato la settimana scorsa con Craig Fuller, l’amministratore delegato di FreightWaves, un media online con sede a Chattanooga e un business di dati in abbonamento. FreightWaves ha visto un balzo del 300 per cento anno su anno nel suo business online durante la pandemia. Il risultato è stato una crescita del 70 per cento su base annua delle entrate complessive, anche con il crollo totale della divisione eventi in persona dell’azienda.

“Il nostro flusso di cassa ha accelerato marcatamente perché i dati e i media hanno margini molto più alti degli eventi fisici”, dice Fuller, il cui più grande problema in questi giorni è mantenere i suoi dipendenti. “Ne abbiamo avuti otto che se ne sono andati per iniziare le loro attività nell’ultimo anno”.

Non sono soli. Ci sono state più domande di nuove imprese depositate nel 2020 negli Stati Uniti rispetto a qualsiasi anno in assoluto – le domande sono aumentate del 24% rispetto al 2019. Ma il 2021 potrebbe essere ancora meglio – le applicazioni sono aumentate del 42,6 per cento nel solo gennaio rispetto al dicembre 2020. Sì, la vendita al dettaglio di mattoni e malta è ancora in ritardo, e l’industria dei viaggi e del turismo potrebbe non essere più quella di una volta. Ma aree come l’e-commerce, il fintech e l’assistenza sanitaria sono in pieno boom.

Questo tipo di distruzione creativa schumpeteriana è proprio quello che si vuole in un momento come questo. Ma l’ascesa di tipi completamente nuovi di imprese crea anche nuove sfide sia per il capitale che per il lavoro. Indicherei tre questioni particolarmente urgenti che richiederanno maggiore attenzione da parte dei politici.

La prima è la questione di come valutare e proteggere i beni immateriali, che probabilmente raddoppieranno come percentuale degli investimenti aziendali dopo la pandemia. La maggior parte delle grandi battaglie aziendali oggi sono su chi possiede quale fetta della torta digitale.

Si consideri il caso nella corte federale statunitense tra Epic Games e Apple sulle commissioni dell’App store. O la lotta sulle esenzioni per la pandemia alle regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio sulla proprietà intellettuale per sostenere la produzione di vaccini. O Google e Apple che si battono con SAP, Siemens e BASF sulla protezione dei brevetti in Germania.

Dato che una percentuale maggiore della ricchezza aziendale è detenuta in beni immateriali, questi tipi di conflitti non potranno che aumentare. Questo sottolinea il disperato bisogno di un’alleanza transatlantica del 21° secolo intorno alla regolamentazione della tecnologia e alle regole del commercio digitale. La Cina sta andando per la sua strada su molte di queste questioni, ma l’Europa e gli Stati Uniti non devono farlo.

La seconda grande questione è che l’espansione dei beni immateriali probabilmente significherà meno posti di lavoro nel breve termine, anche se creerà nuove imprese e industrie completamente diverse nel lungo termine.

Né il settore pubblico né quello privato negli Stati Uniti stanno affrontando pienamente questo problema. Con l’eccezione di gruppi come la Freelancers Union o la Domestic Workers Alliance, il movimento sindacale è concentrato in gran parte sulla protezione del lavoro tradizionale di 40 ore a settimana che viene fornito con benefici. Le aziende nel frattempo stanno cercando di spingere sempre più persone verso il lavoro della gig economy, oltre a sostituire il maggior numero possibile di lavori con la tecnologia.

Ci sono modi per colmare il divario. I benefici portatili sono stati a lungo proposti da politici come il senatore Mark Warner, un democratico della Virginia. Essi permetterebbero agli appaltatori indipendenti di portare la copertura sanitaria e pensionistica con loro da un lavoro all’altro, piuttosto che averli legati all’impiego con una singola azienda.

Sono anche un fan dell’idea di tassare e ridistribuire alcune delle enormi ricchezze catturate dai raccoglitori di dati aziendali. Questo include non solo i grandi giganti delle piattaforme, ma molti altri tipi di aziende, dai rivenditori online ai marchi di beni di consumo.

Il governatore della California Gavin Newsom ha già proposto un dividendo digitale per i consumatori, una versione del quale potrebbe essere implementata sia negli Stati Uniti che in Europa. I proventi potrebbero essere destinati alla formazione della forza lavoro o al miglioramento dell’istruzione pubblica. Entrambi agirebbero come un cuscinetto contro gli incombenti shock del lavoro digitale.

In terzo luogo, mentre l’azione antitrust è disperatamente necessaria per assicurare condizioni di parità nell’era dei monopoli delle piattaforme, dobbiamo smettere di cercare una soluzione da proiettile d’argento sulla concorrenza. Ho il sospetto che ci saranno molte soluzioni diverse per diverse aziende.

Un’azienda come Amazon potrebbe essere facilmente suddivisa in una piattaforma di vendita al dettaglio e un fornitore di logistica. Ma è possibile che un motore di ricerca come Google possa esistere meglio come una utility strettamente regolata dalla Federal Trade Commission degli Stati Uniti.

Le regole e i regolamenti del mondo reale devono essere applicati anche al mondo online. Altrimenti, i giocatori digitali possono facilmente usare l’arbitraggio normativo per saltare anche i più grandi incumbent nelle industrie più potenti. Pensate ai recenti commenti di Jamie Dimon, amministratore delegato di JPMorgan, sulle banche commerciali che vengono sostituite dal fintech.

Il cambiamento è un bene. Tuttavia, se non riconosciamo la piena portata della trasformazione che stiamo attraversando, ci ritroveremo con tutti i problemi dell’economia pre-pandemica, ma sotto steroidi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore