skip to Main Content

Criptovalute, che cosa succede ai Bitcoin?

Criptovalute

Fatica a riprendersi il Bitcoin dopo la caduta nel weekend sotto i 20.000 dollari per la prima volta dal 2020. Ecco cosa sostengono gli esperti

Bitcoin, la più grande criptovaluta del mondo, fatica a  riprendersi a inizio settimana dopo essere sceso ai nuovi minimi del 2022 durante il weekend.

Sabato scorso bitcoin, ha toccato infatti il prezzo minimo di 17.592,78 dollari. Al di sotto del livello chiave di 20.000 dollari toccato per la prima volta da dicembre 2020.

Lunedì la criptomoneta è aumentata leggermente a circa  20.510 dollari. Ma ha ancora perso il 55% del suo valore quest’anno e il 35% solo questo mese nell’ultimo crollo del settore delle criptovalute.

Una serie di fattori ha impattato l’ecosistema: dal crollo della stablecoin TerraUsd alle questioni di solvibilità del prestatore di criptovalute Celsius. Anche i fattori macroeconomici, tra cui l’elevata inflazione e gli imminenti aumenti dei tassi da parte della Fed stanno pesando sul mercato, evidenzia Cnbc. E il valore totale del mercato delle criptovalute è sceso al di sotto di 1 trilione di dollari da un picco di 3,2 trilioni. Anche il prezzo di Ethereum è sceso al di sotto di  1.000 dollari, portando i suoi ribassi quest’anno a oltre il 70%.

“Ora, spiegano gli analisti, si tratterà di capire se il Bitcoin riuscirà a non scendere ancora sotto 20mila nei prossimi due o tre giorni: in caso di successo si riaffermerebbe come supporto, in caso contrario invece diventerebbe un’importante soglia di resistenza difficile da oltrepassare in positivo” spiega MF.

Tutti i dettagli.

IL CROLLO DEL BITCOIN

Bitcoin, che funge da punto di riferimento per il più ampio mercato delle criptovalute, sabato è scesa sotto i 18.000 dollari, con un calo di circa il 14%. Ciò lo ha portato al di sotto del livello di picco della precedente corsa al rialzo nei mercati delle criptovalute nel 2017 e ha cancellato anni di guadagni per i detentori a lungo termine.

Lunedì la criptomoneta è cresciuta del 10,33% tornando a superare quota 20mila dollari.

Se gli investitori avranno apprezzato il rimbalzo, bitcoin si trova ancora del 70% al di sotto del suo massimo storico, raggiunto a novembre, segnala Reuters. L’aumento dei tassi ha inciso sugli asset più rischiosi come le criptovalute, contribuendo alla caduta libera del prezzo di Bitcoin.

CHE COSA STA SUCCEDENDO AL SETTORE

E gli operatori del settore sono rimasti travolti.

Questo mese la piattaforma di finanza decentralizzata Celsius ha dichiarato che avrebbe sospeso i prelievi dei clienti. In un blog lunedì, Celsius ha affermato che avrebbe continuato a lavorare con le autorità di regolamentazione e i funzionari, ma che avrebbe sospeso le sessioni dei suoi clienti.

Venerdì il Wall Street Journal ha rivelato che l’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital sta esplorando opzioni tra cui la vendita di asset e un salvataggio da parte di un’altra società. Nello stesso giorno Babel Finance, un’altra importante piattaforma di finanza decentralizzata, ha sospeso i prelievi.

IL PARERE DEGLI ESPERTI

Una discesa stabile del Bitcoin sotto i 20mila dollari potrebbe portare alla liquidazione di altre posizioni, secondo alcuni manager del settore.

“I crescenti timori di recessione stanno paralizzando l’appetito per gli asset rischiosi e questo ha fatto sì che i trader di criptovalute rimangano cauti sull’acquisto di Bitcoin a questi minimi”, ha affermato Edoardo Moia, analista di mercato senior di Oanda, in una nota del 16 giugno.

“Probabilmente abbiamo visto il peggio delle cose in termini di sofferenza di una singola entità, ma la maggior parte del settore è pronta a farne altre”, ha affermato Joseph Edwards, capo della strategia finanziaria della società di gestione di fondi Solrise Finance.

Molti hanno suggerito che un minimo di mercato potrebbe essere vicino, ma con così tanta incertezza economica rimasta, il bitcoin ha ancora un potenziale di ribasso maggiore, secondo Yuya Hasegawa, analista del mercato delle criptovalute presso l’exchange giapponese di bitcoin Bitbank.

“C’è molto credito che viene ritirato dal sistema e se i prestatori devono assorbire le perdite da Celsius e Three Arrows, ridurranno le dimensioni dei loro libri di prestito futuri, il che significa che l’intero importo di credito disponibile nell’ecosistema crittografico è molto ridotto”, ha affermato a Reuters Adam Farthing, chief risk office per il Giappone presso il provider di liquidità crittografica B2C2. “Mi sembra molto simile al 2008 in termini di come potrebbe esserci un effetto domino di fallimenti e liquidazioni”, ha detto Farthing.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore