skip to Main Content

Cosa stanno facendo aziende e investitori per la sostenibilità. Report Wsj

Sostenibilità

Tutte le grandi domande per il 2022 su investimenti e sostenibilità. L’articolo del Wall Street Journal

Le aziende e gli investitori – leggiamo sul WSJ – stanno affrontando decisioni cruciali sulle politiche di sostenibilità nel 2022 che condizioneranno il loro modo di operare in tutto il mondo.

I cambiamenti normativi in arrivo con implicazioni di vasta portata includono l’obbligo molto discusso della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti per la divulgazione del cambiamento climatico, la potenziale espansione del sistema cinese di scambio del carbonio e la nuova tipologia di investimenti verdi in Europa. Ecco cinque domande chiave per il 2022.

Come farà la SEC a gestire una fitta agenda normativa?

Si prevede che la SEC pubblichi varie proposte legate all’ESG all’inizio di quest’anno, comprese le regole di divulgazione del clima. Su questo fronte, le decisioni significative includono se le aziende dovranno segnalare le emissioni di gas serra Scope 3, se le aziende più piccole dovranno affrontare requisiti meno severi, e come le regole saranno controllate da una nuova task force di applicazione istituita dalla SEC, ha detto Bryan McGannon, direttore della politica e dei programmi presso il gruppo commerciale di investimento sostenibile US SIF.

L’agenda della SEC include anche modifiche alle norme di commercializzazione dei fondi. Il presidente Gary Gensler ha detto in ottobre che la SEC dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di far dichiarare ai gestori di fondi che i loro fondi sono “verdi” o “sostenibili”. La diversità della forza lavoro è un altro obiettivo, con proposte sulla gestione del capitale umano e la diversità del consiglio di amministrazione nella lista della SEC.

Le elezioni di metà mandato portano la possibilità di un Congresso controllato dai repubblicani che si oppone all’agenda normativa dell’amministrazione Biden, aggiungendo pressione del tempo. “Penso che questo possa essere il motivo per cui vogliono fare il più possibile quest’anno”, ha detto il signor McGannon.

La Cina rafforzerà il suo sistema di scambio di emissioni?

Quest’anno dovrebbe fornire un’indicazione se il nuovo mercato del carbonio della Cina ha il potenziale per ridurre le emissioni della seconda economia mondiale. Il sistema assegna agli inquinatori delle quote di emissione negoziabili, ma le quote iniziali non erano abbastanza severe per creare un forte incentivo a tagliare l’inquinamento, secondo Yan Qin, analista principale del carbonio a Refinitiv.

Pechino dovrebbe aggiornare il piano di assegnazione all’inizio di quest’anno, e potrebbe anche espandere il sistema, che attualmente colpisce solo i generatori di energia, per includere altri settori inquinanti, ha detto la signora Qin. Il consiglio di stato cinese pubblicherà anche la sua versione del regolamento, una mossa che porterebbe maggiori poteri di applicazione.

Il modo in cui il sistema cinese di scambio delle emissioni si sviluppa avrà ramificazioni globali. “Se il design dell’ETS è significativamente rafforzato e i prezzi dei permessi aumentano nei prossimi anni, i costi del carbonio saranno trasferiti ai prezzi dell’energia e ai prodotti industriali, rendendo così più costosi i prodotti fatti in Cina”, ha detto la signora Qin. Ha aggiunto che la Cina potrebbe influenzare il modo in cui le altre economie istituiscono i sistemi di scambio del carbonio.

Come si svilupperà la bagarre energetica dell’UE?

L’Unione europea ha proposto di trattare il gas naturale e l’energia nucleare come fonti di energia ecologicamente sostenibili sotto la sua “tassonomia verde” per gli investimenti. Alcuni paesi dell’UE non sono d’accordo sul piano, esponendo le divisioni sulla politica ambientale ed energetica. Dovrà essere approvato dai governi degli stati membri.

La forma finale della tassonomia verde avrà implicazioni di vasta portata. Non solo determina quali tipi di attività i gestori di investimenti possono includere nei fondi a marchio verde, ma modellerà anche il modo in cui le aziende sono interessate da una serie di altre regole dell’UE relative alla sostenibilità, come lo standard dei green bond per le aziende che raccolgono denaro per progetti ecologici, e la designazione Ecolabel per i prodotti più sostenibili.

“È la tassonomia che è alla base di tutti questi altri regolamenti”, ha detto Rebecca Vaughan, program manager di InfluenceMap, un gruppo di difesa dell’ambiente.

Come funzionerà l’ISSB?

L’anno scorso, durante la conferenza delle Nazioni Unite sul clima, diversi standard di sostenibilità hanno annunciato che avrebbero unito le loro forze, una mossa ampiamente vista come un passo gradito verso la semplificazione della serie di diversi quadri di reporting.

Sotto la nuova configurazione, il nuovo International Sustainability Standards Board incorporerà il Climate Disclosure Standards Board e la Value Reporting Foundation, che a sua volta ospita l’Integrated Reporting Framework e gli standard SASB. L’ISSB prevede di cercare un feedback pubblico su due standard di divulgazione proposti all’inizio di quest’anno e di emettere una prima serie di regole nella seconda metà dell’anno.

“Penso che una delle grandi domande per noi dell’ISSB sia come pensano di integrare tutte le organizzazioni che hanno raggruppato”, ha detto il signor McGannon dell’US SIF. In particolare, ha detto che non è chiaro come l’approccio settoriale del SASB per valutare i rischi di sostenibilità delle aziende si allineerà con le altre strutture.

Le Nazioni Unite possono fare della biodiversità il nuovo cambiamento climatico?

Prima che i leader si riunissero per la conferenza sul clima COP26 a Glasgow l’anno scorso, la prima parte di un vertice separato delle Nazioni Unite ha avuto luogo virtualmente. Il vertice COP15, che sta elaborando un piano globale per rallentare e invertire i danni al mondo naturale, si riunirà di persona a Kunming, in Cina, ad aprile, quando il quadro dovrebbe essere completato. Gli analisti di Jefferies Financial Group Inc. prevedono che le aziende e gli investitori dovranno alla fine considerare il loro impatto sulla biodiversità in modo più sistematico, e la conferenza dell’ONU potrebbe giocare un ruolo fondamentale nell’accelerare questo processo, stabilendo un unico quadro per il reporting.

“Vediamo la biodiversità diventare il ‘nuovo cambiamento climatico’ nel 2022 e la conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità COP15 essere il catalizzatore di questo momento”, hanno scritto gli analisti in una nota il mese scorso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore