skip to Main Content

Cosa combinano Visa, Mastercard e le altre carte di credito sui siti porno e di scommesse

Carte Di Credito

Che cosa combinano le società delle carte di credito? L’approfondimento del settimanale The Economist

 

Chi deve sorvegliare internet? Per un po’ di tempo la domanda ha stretto in una morsa aziende, regolatori e attivisti. I social network spendono miliardi per moderare i contenuti pubblicati sulle loro piattaforme, ma sono ancora criticati per non aver rimosso abbastanza materiale tossico o per aver soffocato la libertà di parola. Ma non sono gli unici a dover affrontare il problema. Anche le banche e le società di carte di credito si stanno trovando a giocare un ruolo sempre maggiore in ciò che viene detto e fatto sulla pubblica piazza – a scapito loro e dei loro clienti.

Ora il confine della censura si sta estendendo ulteriormente, nel business della pornografia. Dal 15 ottobre i siti web per adulti di tutto il mondo dovranno verificare l’età e l’identità di chiunque appaia in una foto o in un video, così come l’identità della persona che lo carica. Dovranno gestire un processo di reclamo veloce e dovranno rivedere tutti i contenuti prima della pubblicazione. Questi requisiti non sono stati imposti dai regolatori ma da Mastercard, un gigante delle carte di credito – scrive The Economist.

I siti web possono sempre scegliere di non lavorare con Mastercard. Ma dato che l’azienda gestisce circa il 30% di tutti i pagamenti con carta effettuati fuori dalla Cina, scegliere questa strada sarebbe costoso.

Anche Visa, che gestisce un altro 60% dei pagamenti, sta prendendo una linea più ferma sui siti per adulti. E la tendenza va oltre il porno. Negli angoli più nascosti del web e nelle industrie dove la legge è poco chiara o non aggiornata, le società finanziarie si trovano di fatto ad agire come regolatori.

Dall’inizio del secolo, “i pagamenti sono diventati uno strumento di politica interna e internazionale”, dice Aaron Klein del think-tank Brookings Institution. Dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, l’America ha introdotto nuove regole contro il riciclaggio di denaro e sanzioni più mirate. Questo sistema – “un’arma di precisione del XXI secolo”, come l’ha definita un ex capo della CIA – obbliga le imprese finanziarie a bloccare i pagamenti agli individui su una lista che oggi conta 1.604 pagine.

Più o meno nello stesso periodo, i governi hanno cominciato a chiedere aiuto alle banche in patria. La mania per il poker online ha portato all’Unlawful Internet Gambling Enforcement Act americano del 2006, che dà la responsabilità di bloccare le transazioni non ai fornitori di servizi internet che permettono l’accesso ai siti di poker, ma alle compagnie che permettono i pagamenti.

Mentre la maggior parte degli Stati americani ha legalizzato l’industria della cannabis in qualche forma, la sua crescita è stata bloccata sul nascere da leggi federali che dissuadono le banche dal trattare con i magnati della marijuana.

Consegnare i doveri di applicazione alle aziende alleggerisce il contribuente di una parte dei costi. I dipartimenti di conformità delle aziende, nel frattempo, sono aumentati a dismisura.

Non è insolito per le grandi banche, come HSBC o JPMorgan Chase, impiegare dai 3 ai 5 mila specialisti dedicati alla lotta al crimine finanziario, e più di 20.000 in totale nel rischio e nella conformità. Nel 2017 Accenture, la società di consulenza, ha calcolato che le aziende tecnologiche impiegavano circa 100 mila moderatori di contenuti.

L’effetto è anche quello di sollevare i politici dal prendere decisioni difficili. “Il policymaking comporta la creazione di coalizioni e il raggiungimento del consenso sociale su questioni difficili. Questo è diventato più difficile in America negli ultimi due decenni”, ha detto Klein. Quando le banche rifiutano di trattare con un cliente in un campo come la pornografia o il gioco d’azzardo a causa del “rischio reputazionale”, a volte significa che “un regolatore bancario ha sussurrato loro: ‘Non ci piace che tu sia in questo business'”, ha dichiarato Greg Baer del Bank Policy Institute, un ente americano.

Anche gli attivisti hanno esercitato pressioni, inducendo le aziende a rinunciare ai clienti impopolari. A gennaio, in seguito alle proteste a Capitol Hill, Deutsche Bank e Signature Bank hanno chiuso i loro rapporti con l’allora presidente Donald Trump e Signature lo ha invitato a dimettersi. Trump ha presumibilmente trovato altre banche disposte a lavorare con lui. Ma in alcuni settori, numerose banche hanno storto.

In agosto OnlyFans, un sito noto per i suoi contenuti per adulti, ha detto che non avrebbe più permesso materiale esplicito a causa della pressione dei partner tra cui BNY Mellon, Metro Bank e JPMorgan (nessuno dei quali ha commentato). Alla fine il divieto è stato revocato, dopo che gli attivisti indignati pro-porno si sono rivelati ancora più rumorosi degli anti.

Il quasi-duopolio di Visa e Mastercard sui pagamenti con carta rende le loro decisioni più potenti – e le aziende bersaglio principale dei manifestanti. Nel 2019 SumOfUs ha presentato una proposta alla riunione annuale di Mastercard per fermare i pagamenti ai gruppi di estrema destra.

E trentaquattro donne stanno facendo causa a Visa insieme ai proprietari di Pornhub perché dicono che abbia ospitato filmati non consenzienti su di loro. I siti di porno illegale “si preoccupano molto di più delle loro finanze che della legge”, ha detto Laila Mickelwait, il cui Justice Defence Fund aiuta le vittime di abusi sessuali a fare causa.

L’anno scorso Visa e Mastercard hanno fatto fuori Pornhub per il suo hosting di materiale potenzialmente illegale.

Le società di pagamento in particolare affrontano un dilemma filosofico. “Da un lato cercano di essere molto aperti, accettanti, disposti a facilitare i pagamenti per chiunque. Non stanno prendendo alcun tipo di posizione politica o morale”, ha detto Lisa Ellis della società di ricerca MoffettNathanson. “Ma dall’altra parte, sentono anche di avere una responsabilità molto forte nell’assicurarsi di non favorire alcun tipo di crimine”.

Nel 2017, dopo una marcia di estrema destra a Charlottesville, in Virginia, Mastercard ha impedito l’uso delle sue carte su siti web che avevano “incitato alla violenza”, ma ha continuato a trattare con altri siti etichettati come gruppi di odio. “Il nostro standard è se l’attività di un esercente è legale, anche quando non siamo d’accordo con quello che dice o fa”, disse all’epoca la società.

Nelle aree grigie hanno ragione di sbagliare sul lato della cautela. Il rischio di responsabilità delle reti di pagamento tende a essere basso, dato che operano a distanza dai commercianti. Ma essere nominati in una denuncia per traffico di sesso o accusati di aiutare i nazisti non fa una buona impressione.

E in aree legalmente complicate può essere più economico emettere un divieto generale piuttosto che esaminare ogni caso difficile. Le banche possono evitare i paesi che non sono sotto embargo, ma che hanno molte persone sulla lista proibita, “per minimizzare l’onere di determinare se ogni transazione è conforme”, ha detto Jonathan Cross dello studio legale Herbert Smith Freehills.

Nelle aree politiche in cui la legge deve ancora recuperare, le società finanziarie possono finire per scrivere da sole i regolamenti. Alcuni casi sono innocui: due anni fa Mastercard ha introdotto delle regole per le aziende che offrono prove gratuite, richiedendo che avvisino i clienti prima dell’inizio dei pagamenti.

Ma altre politiche coinvolgono reali compromessi tra valori come la libertà di parola e la sicurezza. La richiesta di Mastercard che i siti per adulti controllino i contenuti prima della pubblicazione dovrebbe aiutare a eliminare il materiale illegale, ma probabilmente significherà anche meno materiale legale.

L’azienda suggerisce che taglierà fuori i siti che usano l’intelligenza artificiale per “nudificare” le immagini vestite, qualcosa che nella maggior parte dei paesi non è contro la legge. Un dirigente di un’altra azienda si chiede se tali decisioni dovrebbero invece essere prese dai governi. “Dove c’è il grigio, chi preferiresti che prendesse le decisioni?”, si chiede.

Nuovi dilemmi continuano a emergere. Klein sottolinea il crescente problema delle truffe via e-mail che prendono di mira gli anziani vulnerabili. Le imprese finanziarie sono sotto pressione per fermare il trasferimento di fondi ai truffatori, ma anche per rispettare l’autonomia dei clienti anziani. A marzo un gruppo di banche in Australia ha chiesto leggi più chiare in materia.

Fino a quando la legislazione rimarrà indietro, le istituzioni finanziarie saranno lasciate in una posizione difficile: o accusate di essere la “polizia morale”, come dice un dirigente, o di permettere le malefatte. Come Richard Haythornthwaite, allora presidente di Mastercard, disse ai manifestanti alla riunione annuale dell’azienda nel 2019: “Se è legale, allora dobbiamo rispettare quella transazione. Se è qualcosa che nuota contro la marea della società, spetta alla società sollevarsi e cambiare la legge”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore