skip to Main Content

Cosa farà la Ue per rafforzare le politiche ambientali su caffè, carne, legno e non solo

Turisti Vaccinati

L’approfondimento di El Pais sul piano della Commissione europea contro la deforestazione

La proposta riguarda la soia, il cacao, il caffè, l’olio di palma, la carne di manzo, il legno e i prodotti derivati, che valgono 60 miliardi all’anno di importazioni nell’UE.

La Commissione europea – riporta El Pais – ha lanciato diverse misure legislative volte a rafforzare le politiche ambientali sulla scia del vertice sul clima di Glasgow, COP26. Il più ambizioso è il regolamento contro la deforestazione, che tra il 1990 e il 2020 ha inghiottito 178 milioni di ettari di foresta in tutto il mondo, tre volte la dimensione della Francia. Il regolamento mira a chiudere il mercato unico ai sei prodotti che stanno avendo il maggior impatto su questo processo di degrado (soia, cacao, caffè, olio di palma, carne di manzo e legname, e loro derivati) a meno che non si possa dimostrare che non provengono da terreni disboscati dopo il 31 dicembre 2020 e che soddisfano i requisiti legali dei paesi di origine. Gli altri due sono un regolamento sul trasporto dei rifiuti e il piano di conservazione del suolo fino al 2030.

Che il regolamento contro la deforestazione sia uno dei più ambiziosi è dimostrato dal fatto che ogni anno l’UE riceve importazioni per un valore di circa 60 miliardi di euro di materie prime interessate da questo regolamento o dai loro derivati (cioccolato, mobili, cuoio), una quantità equivalente al pagamento di sei mesi di pensioni in Spagna. L’esecutivo comunitario calcola anche che la misura porterà a una riduzione di 31,9 miliardi di tonnellate metriche di carbonio ogni anno, e che questo comporterà un risparmio di 3,2 miliardi di euro.

Le tre proposte messe sul tavolo dalla Commissione mercoledì fanno parte della strategia ambientale dell’UE per il quinquennio 19-24, il cosiddetto European Green Deal. Questo è probabilmente il principale impegno del governo di Ursula von der Leyen, ad eccezione della ripresa economica dopo il coronavirus, e ha un obiettivo importante: ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030. “Il nostro regolamento risponde alle richieste dei cittadini di ridurre al minimo il contributo dell’Europa alla deforestazione e cerca di promuovere un consumo sostenibile”, ha detto Frans Timmermans, il vicepresidente della Commissione incaricato del coordinamento della strategia. “Dobbiamo smettere di esportare l’inquinamento”, ha aggiunto il commissario per l’ambiente Virginijus Sinkevičius.

Le iniziative devono passare attraverso il Parlamento europeo e il Consiglio europeo prima di diventare un testo giuridico finale. I primi due sono regolamenti, il che significa che una volta approvati dalle due istituzioni legislative non devono essere recepiti negli Stati membri.

La Commissione si è affidata alla ricerca scientifica e alla raccolta di dati per selezionare le materie prime identificate, secondo i documenti rilasciati dopo la riunione del Collegio dei Commissari. Tuttavia, questa lista non è definitiva e, se la proposta entra finalmente in vigore, una prima revisione verrebbe effettuata dopo cinque anni e poi ogni tre anni. Questo è ciò che Sinkevičius ha sostenuto quando gli è stato chiesto perché altri prodotti come la gomma non sono stati considerati. Ha anche sottolineato che la selezione iniziale comprende derivati di queste materie prime come il cuoio, il cioccolato o i mobili, in totale ci sono diverse decine di riferimenti.

Accreditamento degli esportatori

L’UE richiederà agli importatori di certificare che questi prodotti non provengono da nessun territorio disboscato dopo il 31 dicembre 2020, che siano in linea con gli standard legali del paese produttore e che dispongano di un audit nel quale si indichino dettagli come le coordinate dell’area di origine per poter tracciare se ciò che viene dichiarato è vero.

Pur essendo un regolamento e non una direttiva, la proposta lascia spazio all’azione degli Stati, poiché il regime sanzionatorio spetta a loro. Tuttavia, la bozza chiarisce i principi che le multe devono seguire: devono essere proporzionate al danno causato e, allo stesso tempo, dissuasive. Fissa anche una soglia per la sanzione, che nei casi più gravi non può essere inferiore al 4% del fatturato, in modo da non compensare la violazione delle regole. Prevede anche il sequestro dei prodotti e dei proventi, così come l’esclusione dell’impresa operante dai processi di approvvigionamento pubblico.

Quando si tratta di valutare ciò che è stato approvato a Bruxelles, le organizzazioni ambientali danno un quadro misto. Fanno notare che “la Commissione europea è diventata il primo grande regolatore al mondo a fare questo passo”, dice FERN, un’organizzazione dedicata alla difesa delle foreste, “ma la sua proposta ha ancora importanti lacune. In particolare, si basa sulle leggi dei paesi produttori per determinare se i beni sono legati a violazioni dei diritti umani, come il land grabbing. In un paese come il Brasile, questo significherebbe affidarsi al governo di Bolsonaro per proteggere i diritti degli indigeni, cosa che non riesce a fare”.

Un’altra proposta di regolamento mira a stimolare l’economia circolare e a porre fine al trasporto di rifiuti illegali fuori dall’UE. Le cifre messe sul tavolo da Timmermans indicano che l’esportazione di rifiuti fuori dall’UE è cresciuta del 75% dal 2004. Inoltre, si stima che il 15-30% del volume totale sia costituito da rifiuti trafficati illegalmente, per un valore di 9,5 miliardi di euro in una sorta di mercato nero.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore