skip to Main Content

Come si risolverà un’altra crisi sovrana europea?

Debito Pubblico

L’analisi di Althea Spinozzi per BG Saxo

 

Come si risolverà un’altra crisi sovrana europea?

È chiaro che, fintanto che le politiche monetarie della Federal Reserve e della BCE divergono, i più esposti al rischio di rotazione sono i titoli sovrani europei. È opportuno sottolineare che molti investitori europei non hanno altra scelta che investire in titoli sovrani del blocco. Pertanto, la domanda interna rimarrà solida, mentre la domanda estera dipenderà dalle opportunità di mercato. In passato, gli investitori stranieri hanno acquistato titoli sovrani europei perché le politiche monetarie aggressive della BCE hanno fornito supporto a questi titoli, assicurando l’apprezzamento del capitale. Tuttavia, nel 2020 i rendimenti sono diminuiti drasticamente, rendendo tutto il debito in euro più costoso del passato. I rendimenti dei titoli di Stato portoghesi a 10 anni, che al culmine della crisi del debito sovrano europeo del 2011 hanno superato il 12%, sono caduti in territorio negativo lo scorso dicembre. Gli investitori stranieri stanno indubbiamente iniziando a vedere che, alla luce dell’aumento dei rendimenti negli Stati Uniti, detenere il debito dalla periferia fornisce una probabilità più significativa al ribasso che al rialzo. La domanda estera è volatile perché non è vincolata a restrizioni geografiche. Diventa quindi una possibilità concreta una rotazione dalla periferia europea, che porta rischi politici ed economici significativi.

Crediamo che qualsiasi svendita nella periferia inizierà con un esodo dalla Grecia. Gli investitori stranieri detengono quasi il 90% del debito greco. Inoltre, il debito greco è classificato come spazzatura a causa dei suoi gravi problemi di affidabilità creditizia, che l’epidemia di coronavirus ha esacerbato.

È importante considerare che il debito greco è sensibilmente più illiquido di qualsiasi altro della periferia, con solo 86 miliardi di euro di obbligazioni in circolazione, che si aggiungono al rischio di detenerlo.

Una svendita del debito greco sarebbe immediatamente seguita dal debito portoghese e spagnolo poiché gli investitori stranieri detengono quasi la metà del debito di questi paesi.

Quanto può essere grave la svendita nella periferia?

I titoli sovrani della periferia dovrebbero offrire uno spread sopra i beni-rifugio americani, ma quanto dovrebbero offrire rispetto ai titoli del Tesoro per essere attraenti?

Per rispondere, è utile esaminare lo spread medio offerto dai titoli sovrani della periferia rispetto ai titoli del Tesoro USA con copertura valutaria dalla fine della crisi della zona euro.

Dal 2014, i Bonos spagnoli hanno pagato in media 80 punti base in più rispetto ai titoli del Tesoro USA con copertura in EUR. È anche lo spread medio più basso pagato da un paese dell’Europa mediterranea sul debito degli Stati Uniti negli ultimi sei anni. Ciò ci porta a credere che, in media, i paesi della periferia dovrebbero offrire almeno 80 punti base in più rispetto ai beni-rifugio degli Stati Uniti per compensare il rischio che comportano. Pertanto, i Bonos a 10 anni dovrebbero pagare circa l’1,15% di rendimento, che rappresenta un calo del 7,8% rispetto ai prezzi correnti.

Il selloff sarà sproporzionato verso paesi con una maggiore partecipazione di investitori stranieri, come Grecia e Portogallo. Dalla fine della crisi del debito sovrano europeo, la Grecia ha offerto in media uno spread di 475 punti base sui titoli del Tesoro USA con copertura valutaria. Significa che una svendita potrebbe provocare una perdita fino al 36% dei titoli di stato greci a 10 anni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore