skip to Main Content

Come si destreggerà Powell alla Fed tra inflazione e disoccupazione

Fed

Durante il primo mandato da presidente della Federal Reserve, quando l’inflazione sembrava estinta, Jerome Powell, ha dato priorità all’occupazione. Ora, invece, scrive il Wall Street Journal, potrebbe dover farci i conti sacrificando posti di lavoro

 

Durante il suo primo mandato, Jerome Powell è diventato probabilmente il presidente più dovish nella storia moderna della Federal Reserve (Fed), dando la priorità alla piena occupazione in un’epoca in cui l’inflazione sembrava estinta. Nel suo secondo mandato potrebbe dover fare il contrario: dare la priorità all’inflazione a rischio di sacrificare i posti di lavoro.

Il perno potrebbe essere doloroso sia per Powell che per il presidente Joe Biden. La Casa Bianca lunedì ha lodato il presidente della Fed per aver condiviso “l’attenzione dell’amministrazione nel garantire che la crescita economica avvantaggi ampiamente tutti i lavoratori”. Eppure, le condizioni economiche sono state sostanzialmente modificate in appena un anno. L’inflazione, al 6,2%, è la più alta degli ultimi 31 anni. Mentre l’occupazione rimane 4,2 milioni al di sotto del suo picco pre-pandemia, la carenza di lavoro è diffusa e la crescita dei salari sta accelerando. Tutto questo minaccia l’obiettivo di inflazione al 2% della Fed – scrive il WSJ.

Per ora, Powell e i suoi colleghi tra cui la vice Lael Brainard, sperano e si aspettano che l’inflazione scenda, man mano che gli ostacoli legati alla pandemia si allontanano. Ma sta crescendo il rischio che i presupposti che hanno sostenuto la svolta dovish di Powell siano superati. Se è così, i tassi di interesse potrebbero dover salire molto, minacciando una recessione e le fortune politiche di Biden.

Powell, che si fa chiamare Jay, non era la scelta di nessuno per la rivoluzione monetaria. Un ex dirigente di private equity e funzionario del Tesoro sotto George H.W. Bush, è stato nominato governatore della Fed nel 2012 dall’allora presidente Barack Obama, che aveva bisogno di un repubblicano moderato per l’equilibrio partigiano. I suoi primi istinti sono stati da falco repubblicano, esprimendo disagio con l’acquisto di obbligazioni da parte della Fed per tenere bassi i tassi a lungo termine.

Ma Powell è anche di mentalità aperta. Nella conversazione si definisce una volpe piuttosto che un riccio, un riferimento alla tassonomia del filosofo Isaiah Berlin dei ricci, guidati da un singolo principio generale, e le volpi, che attingono a informazioni scollegate e mutevoli.

Nel 2018, quando l’allora presidente Donald Trump ha nominato Powell presidente della Fed, si era liberato dei suoi istinti di falco. I modelli di banca centrale, ha detto in un discorso di quell’anno, si basavano su concetti economici che erano imprecisi o inosservabili, un tasso di disoccupazione naturale al di sotto del quale l’inflazione accelerava o un tasso di interesse neutro che equilibrava perfettamente la disoccupazione e l’inflazione. Gli eventi gli diedero ragione: la disoccupazione è scesa costantemente, raggiungendo un livello negli ultimi 50 anni al 3,5%, senza alcun segno di inflazione preoccupante di salari e prezzi. In effetti, l’inflazione ha persistentemente sottopassato l’obiettivo del 2% della Fed, spingendo Powell nel 2019 a invertire un modesto aumento dei tassi di interesse.

Il Covid l’anno scorso ha rafforzato questa inclinazione dovish, quando la disoccupazione ha raggiunto un record post-Depressione di quasi il 15% e l’inflazione è crollata allo 0,2%. La Fed ha tagliato i tassi di interesse vicino allo zero, ha ricominciato a comprare obbligazioni e ha prestato grandi somme alle aziende e agli operatori di mercato per evitare una crisi finanziaria, sforzi in cui Brainard ha giocato una parte fondamentale.

Quell’estate, Powell e i suoi colleghi hanno rivisto il quadro monetario della Fed. La Fed ora avrebbe mirato non solo a riportare l’inflazione al 2%, ma un po’ al di sopra dell’obiettivo, in modo che nel tempo l’inflazione fosse in media del 2%. La banca centrale non considererà più qualsiasi livello di disoccupazione come troppo basso, riflettendo un ritrovato “apprezzamento per i benefici di un forte mercato del lavoro, in particolare per molti nelle comunità a basso e medio reddito”, ha detto Powell in un discorso.

La Fed si è anche impegnata a mantenere i tassi di interesse vicino allo zero fino a quando l’inflazione non si sarà diretta sopra il 2% e il mercato del lavoro sarà tornato alla massima occupazione.

Molti progressisti avevano sollecitato Biden a sostituire Powell, un repubblicano, con Brainard, una democratica che è stata più proattiva sul clima e sulla regolamentazione delle banche. Trump aveva creato un precedente, sostituendo l’economista democratica Janet Yellen, ora segretario al Tesoro dell’amministrazione Biden, con Powell come capo della Fed. Ma altri hanno detto che l’impegno di Powell per la piena occupazione è più importante.

Ma l’economia oggi non assomiglia a quella che ha guidato il cambiamento dovish della Fed. Temendo che la domanda sarebbe stata cronicamente debole come dopo la crisi finanziaria del 2007-09, Powell ha sostenuto il Congresso nel passare 5.900 miliardi di dollari in aiuti e stimoli. La domanda ora è rovente, alimentata da quello stimolo, dai bassi tassi d’interesse, dalla riapertura delle imprese e dalle vaccinazioni. Nel frattempo l’offerta è stata frenata da carenze di componenti chiave e dall’uscita di milioni di lavoratori dalla forza lavoro a causa del pensionamento, del Covid e di altri fattori. Come risultato, l’inflazione è arriva al superamento dell’obiettivo del 2% della Fed.

Powell ha supposto dalla precedente ripresa economica che le conseguenze inflazionistiche di un mercato del lavoro ristretto fossero esagerate. Eppure oggi, con un tasso di disoccupazione del 4,6%, ancora ben al di sopra del suo minimo pre-pandemico, la forte domanda e la carenza di manodopera hanno spinto la crescita dei salari a circa un tasso annuale del 6% nel terzo trimestre. Se sostenuta, questa crescita salariale non è compatibile con l’inflazione che torna vicino al 2%, secondo gli economisti di Goldman Sachs.

La Fed ha concluso dalla precedente ripresa che l’inasprimento “preventivo” – aumentare i tassi di interesse prima che l’inflazione acceleri effettivamente – ha inutilmente soffocato la crescita del lavoro. La banca centrale ha quindi mantenuto i tassi vicino allo zero e sempre più negativi se aggiustati per l’inflazione, mentre l’economia cresceva e l’inflazione accelerava.

“Mentre la Fed ha alzato i tassi troppo presto in passato, questa tempistica alternativa può portare all’errore opposto”, ha detto in un’analisi del 18 novembre Jason Furman, che ha presieduto il Consiglio dei consulenti economici di Obama.

L’inflazione dovrebbe diminuire l’anno prossimo, quando le catene di approvvigionamento si normalizzeranno e i prezzi dell’energia smetteranno di salire; la grande domanda è dove si stabilizzerà. I funzionari della Fed, e la maggior parte degli economisti privati, pensano che l’inflazione si stabilizzerà tra il 2% e il 2,5%, una gradita compensazione ad anni di inflazione inferiore al 2%. I mercati sono meno ottimisti: venerdì, i titoli indicizzati all’inflazione proiettavano l’inflazione dei prezzi al consumo al 3% fino al 2023, prima di scendere tra il 2% e il 2,5% negli anni successivi – queste cifre sarebbero leggermente più basse usando l’indice dei prezzi preferito dalla Fed.

Se l’inflazione rimanesse al 3% o superiore Powell dovrebbe modificare le sue ipotesi e pesare tassi di interesse nettamente più alti per raffreddare l’economia. Una tale strategia comporta molteplici rischi. Potrebbe minare i valori azionari e immobiliari che sono stati sostenuti da tassi eccezionalmente bassi. Con l’aumento degli interessi sul massiccio debito federale, il deficit di bilancio potrebbe salire alle stelle. Tassi nettamente più alti potrebbero anche spingere la disoccupazione, che storicamente è sempre finita in recessione. Se la paura dell’inflazione si rivelasse un falso allarme, la Fed potrebbe inavvertitamente riportare l’economia allo status quo pre-pandemico di bassa crescita, bassa inflazione e, infine, bassi tassi di interesse.

I rischi includono il contraccolpo politico, per la Fed e per Powell stesso. Il pubblico odia l’inflazione, ma non ringrazierà nemmeno la Fed per l’aumento della disoccupazione.

Mentre Trump ha ripetutamente fatto pressioni su Powell, Biden ha promesso di rispettare l’indipendenza della Fed. Infatti, alcuni analisti hanno avvertito che la nomina di Brainard implicherebbe che l’inflazione non è stata presa sul serio. Tuttavia, Biden ha altri modi per influenzare la politica monetaria. Potrebbe riempire i tre prossimi posti vacanti nel consiglio di sette membri della Fed con governatori meno allineati con le priorità di Powell. Al contrario, Powell potrebbe affrontare gli attacchi dei repubblicani se non riuscisse a tenere a freno le pressioni sui prezzi.

Mentre Powell, avvocato di formazione, manca delle credenziali economiche dei suoi predecessori, compensa con un eccezionale acume politico. Ha resistito alla pressione di Trump senza alienare altri repubblicani, si incontra regolarmente con i legislatori di entrambi i partiti ed è probabile che venga confermato con un ampio sostegno bipartisan. A prescindere dal fatto che la riconferma di Powell alla fine aiuti Biden, la decisione ha rafforzato la reputazione della Fed per l’apartiticità, una merce che in questi giorni scarseggia.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore