skip to Main Content

Come andranno le economie di Cina, Usa e Ue

Galbraith

Ci aspettiamo una solida crescita economica negli Stati Uniti e in Europa. L’analisi di Rob Lovelace, vicepresidente e presidente di Capital Group

 

Gli investimenti nell’era della pandemia hanno posto una serie di sfide del tutto nuove. Tuttavia, per certi versi, i fondamentali non hanno subito cambiamenti. Gli utili aziendali continuano a essere importanti. C’è un quadro, che mi piace utilizzare, che consta di tre parti: pandemia, economia, mercati. La pandemia ci accompagnerà per un po’ di tempo, ma il suo impatto sull’economia diminuirà nel corso del tempo. Questo è il modello che abbiamo osservato. Inoltre, la salute dell’economia conta molto per il mercato obbligazionario, ma meno per i mercati azionari. Il mercato azionario è determinato dagli utili delle società quotate e molte società hanno registrato una performance positiva anche durante il periodo di COVID. Dovremmo quindi ritenere che la pandemia ha meno impatto sull’economia. Quest’ultima continua a espandersi e le società sono ben posizionate per prosperare.

Dopo la correzione generata dal COVID nel primo trimestre del 2020, le azioni non solo hanno subito un rialzo ma hanno continuato l’espansione di quello che ora ci rendiamo conto essere un mercato rialzista che dura da dieci anni. Ciò è stato determinato dallo stesso gruppo di azioni tecnologiche USA che chiamiamo solitamente FAANG, ossia Facebook (ora Meta), Amazon, Apple, Netflix e Google (ora Alphabet). Questa tendenza a lungo termine persiste. Il COVID ha interrotto la salita, tuttavia non ha cambiato la direzione fondamentale dei mercati.

Ci aspettiamo una solida crescita economica negli Stati Uniti e in Europa. La crescita potrebbe essere più lenta in Cina, ma come abbiamo detto in precedenza le economie non sono necessariamente gli indicatori migliori dei livelli del mercato azionario. I mercati azionari conseguiranno risultati positivi a seconda della performance delle società sottostanti. Il fattore chiave è la crescita degli utili aziendali.

Osserviamo ad esempio il mercato azionario statunitense, che negli ultimi 10 anni ha registrato un incremento di oltre il 16% annuo. Si tratta di una cifra notevole. Molte persone ritengono che sia dovuto allo stimolo che è intervenuto sul mercato, per cui la maggior parte dell’incremento è stato causato da un’espansione multipla. Ma questo aspetto è solo una parte di ciò che l’ha generato. Il tasso medio di crescita composto degli utili aziendali USA è stato di oltre il 7% annuo. Ciò significa che circa la metà della crescita è trainata dagli utili e l’altra metà dagli investitori che valutano questi utili in modo più elevato.

Fino a poco tempo fa, i mercati cinesi stavano crescendo a un ritmo simile a quello degli Stati Uniti, tuttavia, a causa dei recenti annunci del governo sulla prosperità comune e l’intervento dello Stato in vari settori, la metrica di valutazione è stata quasi dimezzata. Inoltre, la crescita degli utili in Cina è stata relativamente modesta. Ci sono alcune società in rapida crescita ma sono presenti anche molte altre nei settori immobiliare e bancario che hanno perso denaro, e quindi gli utili netti sono stati pressoché invariati.

Dunque, se si considera la crescita in tutto il mondo, la maggior parte di essa è riconducibile in conclusione agli Stati Uniti, motivo per cui questo mercato ha superato gli altri negli ultimi dieci anni. Sebbene stiamo osservando alcuni eccessi, ciò che sta accadendo negli Stati Uniti è unico e pone la nostra attenzione sulle opportunità in questo mercato. Allo stesso tempo, la mancanza di espansione della valutazione delle società giapponesi giustifica un’ulteriore analisi. E anche se i mercati europei e cinesi sono stati spinti esclusivamente dall’espansione della valutazione, dietro i benchmark principali stiamo rintracciando molte società interessanti a valutazioni ragionevoli. Come accennato in precedenza, è importante concentrarsi sulle società anziché sui mercati e cercare opportunità a prescindere dal domicilio di una società.

In questo momento vediamo opportunità in società con basi solide, che stanno conseguendo guadagni elevati, e non solo nelle loro aree di attività strategica, come i FAANG ma anche Tesla che, a nostro avviso, dovrebbe entrare a far parte di questo gruppo. Siamo anche entusiasti dei progressi nel settore dell’assistenza sanitaria. La maggior parte dei vaccini anti-COVID è stata creata sulla base del sistema di somministrazione della tecnologia mRNA sviluppato circa 20 anni fa, e finalmente si sta facendo strada tra i farmaci comuni. Questa struttura sarà utilizzata per sviluppare molteplici trattamenti nuovi e anche cure per malattie mortali. Cambierà la nostra vita, sono quindi interessato a un certo numero di società operanti in questo settore.

Inoltre, non bisogna escludere l’Europa e alcuni dei mercati emergenti. Hanno imparato dagli Stati Uniti e dalla Cina e stanno creando i propri centri di eccellenza, in particolare nel settore della tecnologia. Questo si ravvisa anche in Canada. Ci sono molte società come Shopify che costruiscono le proprie piattaforme innovative. Possiedono prodotti eccezionali che stanno introducendo sul mercato negli ambiti digitale e meta.

Per quanto riguarda le prospettive sulle questioni ambientali, sociali e di governance (ESG) possiamo dire che i principi ESG sono globali e riguardano tutte le classi di attività. In Capital Group ci siamo impegnati per integrare i principi ESG nel nostro processo di investimento. Quindi ogni titolo viene filtrato in base ai criteri ESG. Questo fattore viene considerato nelle nostre decisioni di investimento perché sappiamo che determinerà i prezzi e i risultati. Il nostro ruolo come investitori fondamentali bottom-up è di parlare alle società. Le aziende vogliono fare la cosa giusta. Vogliono una governance migliore. Desiderano trattare meglio la loro forza lavoro. Vogliono avere un impatto minimo sul clima. E richiedono a noi indicazioni in merito a tali questioni. Siamo coscienti di questa responsabilità, abbiamo quindi creato un gruppo di base ESG solido che aiuta a portare al centro dell’attenzione questi argomenti. Inoltre, è importante offrire ai gestori patrimoniali la flessibilità necessaria per valutare le società da una prospettiva ESG, anziché bandire semplicemente alcune società da un portafoglio. Non bisogna considerare l’ESG come un semplice processo di esclusione, ma come l’identificazione di società che stanno facendo la cosa giusta e il supportare società in transizione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore