Advertisement skip to Main Content

Pensioni

Chi difende davvero i pensionati

L'intervento di Michele Poerio, segretario generale CONFEDIR e presidente FEDER.S.P.eV.; Stefano Biasioli, segretario organizzativo FEDER.S.P.eV. e APS LEONIDA; Roberto Mencarelli, presidente APS LEONIDA.

Nei giorni scorsi si è sparsa la notizia che ben cinque pensionati di una importante organizzazione sindacale hanno fatto il ricorso contro la parziale rivalutazione delle pensioni che ha colpito i pensionati INPS che percepiscono importi superiori a 4 volte il minimo INPS (circa 2.100 € lordi mensili) come previsto dalla legge finanziaria per il 2023 art.1,c.309-310.

Complimenti!

Noi di CONFEDIR, FEDER.S.P.eV. e APS LEONIDA stiamo facendo di più, molto di più.

Noi solo nel Triveneto abbiamo raccolto varie centinaia di pensionati che hanno aderito (pagando!) al ricorso, con il contributo fondamentale di una notissima figura legale dell’Università  patavina.

L’ingente documentazione del ricorso, corredata  da diecine di tabelle contenenti i conteggi dei danni individuali per gli anni 20/23 e 20/24, sarà depositata nelle sedi giurisdizionali competenti a partire dalla prossima settimana.

Poi, pian pianino, sarà la volta dei ricorsi dei soci delle restanti regioni.

Zitti zitti, pian pianino, andremo fino in fondo: in Italia e nella UE. Sperando di trovare, finalmente, un giudice “equo” che dia ragione a noi ricorrenti, già tartassati dagli anni 2000. Da tutti i governi, di qualunque colore.

Ci sarà  pure un giudice “neutro” a Roma o in Europa?

Chi vivrà vedrà!

Ve lo sapremo dire e scrivere.

Michele Poerio, segretario generale CONFEDIR – presidente FEDER.S.P.eV.
Stefano Biasioli, segretario organizzativo FEDER.S.P.eV. e APS LEONIDA
Roberto Mencarelli, residente APS LEONIDA

Back To Top