Advertisement skip to Main Content

Inflazione E Tassi

Che cosa succederà a inflazione e tassi

L’inflazione è destinata a crollare nel Regno Unito e in Europa, ma i tassi di interesse aumenteranno ancora. L'analisi di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments

 

Nelle ultime settimane le prospettive di crescita e inflazione sono nettamente migliorate nel Regno Unito e in Europa, prevalentemente grazie al crollo dei prezzi del gas naturale. Il calo dell’inflazione aumenterà la fiducia e dovrebbe far sì che i consumatori europei inizino ad attingere ai loro “salvadanai da covid”. Quest’ultimi, infatti, spaventati dalla prospettiva di un’impennata dei prezzi dell’energia hanno in realtà risparmiato di più, non di meno. Al contrario, i loro cugini statunitensi hanno avuto la forza di spendere maggiormente, utilizzando i loro salvadanai di Covid.

Attualmente riteniamo che l’inflazione scenda verso il 3% entro la fine dell’anno nel Regno Unito e in Europa. L’impatto dovrebbe essere particolarmente forte nel Regno Unito. Ci aspettiamo che il Cancelliere, Jeremy Hunt, elimini l’aumento del tetto massimo dei prezzi dell’energia, a 3.000 sterline, precedentemente previsto a partire da aprile. In effetti, è probabile che l’attuale tetto di 2.500 sterline non sia più vincolante a partire da luglio. I prezzi effettivi potrebbero essere più vicini alle 2.000 sterline.

Questi prezzi sono molto più alti di quanto non fossero prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, ma le prospettive sono migliorate molto nelle ultime settimane e mesi. Il clima mite è in parte responsabile, ma i prezzi del gas in Europa e nel Regno Unito sono scesi anche per il prossimo inverno. Dall’inizio di dicembre si sono infatti dimezzati. Le forze della domanda e dell’offerta stanno funzionando bene. Anche i deficit fiscali ne beneficeranno. La Germania ha stanziato l’incredibile cifra di 200 miliardi di euro, pari al 5% del PIL, per il suo piano di prezzi energetici. Dovrebbe spendere solo una frazione di questa cifra. In effetti, la campagna nazionale per ridurre del 20% l’utilizzo di elettricità e gas in Germania ha avuto molto successo. La riduzione della domanda nel più grande mercato europeo riduce i prezzi ovunque.

Quindi, un’inflazione più bassa significa tassi d’interesse più bassi? Purtroppo, no. Mentre l’impatto dell’impennata dei prezzi dell’energia si attenua, un’inflazione salariale più forte costringe la Banca d’Inghilterra (BoE) e la Banca Centrale Europea a mantenere una politica monetaria rigida. È possibile che la recessione immobiliare nel Regno Unito porti a un aumento della disoccupazione, sostituendosi alla BoE, ma crediamo che l’allentamento della crisi del costo della vita compenserà questa situazione. L’inflazione salariale era relativamente bassa in Europa, ma di recente ha subito una forte accelerazione. Anche i tassi ipotecari sono aumentati nell’area dell’euro, sebbene l’impatto non sia così forte come nel Regno Unito.

Anche l’Europa beneficerà del miglioramento delle prospettive di crescita globale. Inizialmente, ci aspettavamo che gli Stati Uniti sarebbero stati in recessione al momento, ma i recenti dati sulla spesa dei consumatori e sull’occupazione sono stati straordinariamente solidi. E anche la Cina sta godendo del rimbalzo dall’allentamento delle misure covid. Aspettiamoci quindi di vedere code di turisti cinesi fuori dai negozi LVMH di Parigi e di sentire più accenti americani sui campi da golf in Scozia.

Back To Top