skip to Main Content

Che cosa celano spesso fusioni e acquisizioni

Fini, benefici e scenari su fusioni e acquisizioni sulla scia di un articolo del Financial Times. Il corsivo di Fulvio Coltorti, già capo del servizio studi di Mediobanca

FT: fusioni e acquisizioni hanno raggiunto un massimo storico per numero e valore. Buona notizia per le banche d’investimento, che hanno migliorato i loro conti grazie alle commissioni guadagnate su queste operazioni, e per i loro dirigenti le cui paghe beneficeranno di lauti bonus. Un po’ meno positivo l’effetto sulla concorrenza (che si riduce ad ogni fusione) e la democrazia (che si indebolisce ogni volta che gruppi di affaristi aumentano il loro potenziale di pressione sulle istituzioni e sui media.

Queste operazioni portano anche (generalmente) ad un annacquamento dei valori di bilancio attraverso la rivalutazione delle poste degli enti acquisiti e la “creazione” (contabilità creativa e innovazione finanziaria) di pseudo-attivi (avviamenti e altri intangibili) che nascondono la vera entità dei patrimoni netti.

Pertanto, sarebbero buone politiche quelle volte a difendere la concorrenza sui mercati e quelle dirette a ristabilire una trasparenza dei documenti contabili che manca ormai da troppo tempo.

C’è nuovo lavoro per Governi e vigilanti: saranno all’altezza?

fusioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore