skip to Main Content

Cancellare il debito pubblico in mano alla Bce? Pro e contro

Pnrr

Cancellazione del debito ininfluente e pure vietata, o possibile date le circostanze eccezionali? Dalla Francia il dibattito che in Italia ancora non c’è

Cosa accadrà all’ingente massa di debito pubblico che è finito nel bilancio della Bce dal 2015 e, ancor più, da marzo 2020 in conseguenza del piano straordinario di acquisti varato per fronteggiare la crisi da Covid?

Ne hanno discusso due economisti francesi, Jezabel Couppey-Soubeyran e Jacques Delpla su Obs, settimanale francese (già Nouvel Observateur) del gruppo Le Monde, offrendo spunti di riflessione molto interessanti. A partire dal titolo, “la guerra del debito”, si susseguono in un serrato botta e risposta, argomenti di maggiore o minore pregio confutati secondo il punto di vista, diametralmente opposto, dei due economisti. Un dibattito che purtroppo in Italia stenta a decollare.

Riportiamo di seguito una traduzione completa dell’articolo.

“Di fronte alla crisi, i paesi sviluppati hanno preso in prestito montagne di denaro. Cosa fare, nella zona euro, di questo debito che è stato assorbito dalla Banca Centrale Europea? La questione è diventata esplosiva tra gli specialisti che, divisi in due campi, ne discutono.

Il dibattito spacca il mondo accademico con la stessa violenza delle questioni di genere o identità. Cosa fare con i trilioni di euro di debito pubblico accumulati dagli Stati dei paesi sviluppati dopo marzo 2020 e l’inizio della crisi Covid?

Una domanda apparentemente innocua che da diverse settimane divide profondamente gli economisti. Gli Stati non hanno badato a spese per attutire la recessione e si sono indebitati pesantemente sui mercati finanziari. In Francia, l’importo totale del debito pubblico si avvicina quindi al 120% del PIL, vale a dire venti punti in più rispetto a un anno fa, lontano anni luce dal 60% previsto dai trattati di bilancio europei. Finora lo scenario a cui abbiamo assistito racconta quindi una montagna di prestiti senza conseguenze: gli assicuratori o i fondi di investimento che danno credito alla Francia non hanno chiesto tassi di interesse più alti per affidarle denaro; va detto che una grandissima parte del debito di nuova acquisizione emesso è stato assorbito dalla Banca centrale europea (BCE), che detiene attualmente oltre 2,5 trilioni di euro di debito pubblico, ovvero un quarto dei debiti dei paesi dell’area dell’euro. Ma ora? Dovremmo rimborsare tutti questi crediti? Annullarne una parte? Si può fare ricorso alla BCE, che ha fatto questi acquisti attraverso la creazione di moneta, qualcosa di quasi impensabile dieci anni fa? Cerchiamo di dare una risposta con due economisti che portano avanti posizioni opposte: Jezabel Couppey-Soubeyran, docente alla Paris-I, e Jacques Delpla, direttore del think tank Asterion.

Jezabel Couppey-Soubeyran, fai parte di un gruppo di 150 economisti, tra cui Thomas Piketty, che chiedono la cancellazione dei debiti pubblici detenuti dalla BCE …

J.C-S: Sì, perché negli anni a venire saranno necessari molti investimenti pubblici nel campo della salute e della ricerca e nella transizione ecologica. Per riprendersi dalla crisi sanitaria e affrontarne di nuove. E anche per prevenire la crisi climatica che si prefigura. Gli attuali piani di stimolo, sia europei che nazionali, sono molto lontani dal soddisfare queste esigenze. Tuttavia, per affrontare queste sfide, saremo in grado di aggiungere debito al debito? No, perché gli alberi non si alzano in cielo. Tanto più che già percepiamo la musica suonata da quegli stessi che non vogliono sentire alcuna alternativa e dicono che “il debito verrà ripagato” o che in un dato momento “dovremo stabilizzare i deficit” … Questo significa che non appena la crisi sarà finita, sarà la fine “a qualunque costo”. Quindi o troviamo un modo per fare tutti gli investimenti necessari senza aumentare il debito, oppure questi investimenti non verranno effettuati e la crisi climatica sarà inevitabile.

Cancellando il debito detenuto dalla BCE, ovvero consentendo agli Stati di non rimborsarlo, i paesi della zona euro troverebbero quindi i mezzi finanziari necessari per far fronte a queste esigenze?

J.C-S: L’annullamento che proponiamo permetterebbe di reinvestire quasi 3000 miliardi di euro dove ce n’è più bisogno in tutti i paesi della zona euro. Ci sarebbe una perdita nel bilancio dell’Eurosistema e da nessun’altra parte. I fondi propri della BCE diventerebbero negativi, ma ciò non le impedirebbe di funzionare, perché una banca centrale non è né una società né una banca commerciale. L’azionista dello Stato perderebbe dividendi, ma senza il confronto con il margine di manovra di bilancio così liberato.

Delpla: Non sono contrario alle idee che sostenete per la transizione climatica o il finanziamento della ricerca, sono favorevole, anche se gli importi e le modalità devono essere discussi. La mia opposizione riguarda la proposta di cancellazione del debito pubblico. Preso alla lettera e assumendo che sia legalmente possibile. L’idea non avrebbe alcun impatto: è un gioco a somma zero, quindi inutile. Perché? Perché questo debito pubblico non ci pesa. Infatti, quando la BCE riceve gli interessi pagati dagli Stati su questo debito, li restituisce sotto forma di dividendi, poiché sono azionisti delle banche centrali nazionali, a loro volta azionisti della BCE. Quindi la proposta del gruppo di 150 economisti a cui appartieni non serve: non è perché ti annulli un credito che ti permette di indebitarti maggiormente con gli investitori.

J.C-S: Questa cancellazione del debito non sarebbe affatto un gioco a somma zero perché il debito dell’Eurosistema è una massa di debito che, a meno che non venga annullato, dovrà essere rimborsato dagli Stati membri alle banche centrali nazionali che lo detengono. I conti delle banche centrali e degli Stati sono separati. Non ci sono vasi comunicanti tra i due!

Ma è possibile, legalmente, cancellare più di 2,5 trilioni di euro di debiti con un’ondata di bacchetta magica? Ciò porrebbe necessariamente problemi legali …

J.C-S: Questa proposta mette certamente in discussione i limiti del Trattato europeo. I riacquisti di debito effettuati dalla BCE dal 2015 strizzano già l’occhio al divieto incluso nel suo mandato di fornire assistenza finanziaria agli Stati. Perché è quello che sta succedendo. Senza questi rimborsi del debito, i diciannove Stati della zona euro prenderebbero a prestito sui mercati finanziari a tassi di interesse più elevati, che varierebbero notevolmente da un paese all’altro. A parte la Corte costituzionale tedesca di Karlsruhe, nessuno si chiede se sia davvero legale … La cancellazione sarebbe una forma di assistenza finanziaria un passo al di sopra di questi riacquisti del debito, quindi anche un passo oltre i limiti del trattato.

D.: La tua idea mira a cambiare gli statuti fondamentali della BCE, che la Francia ha accettato. Vuoi monetizzare per sempre il debito detenuto dalla Bce, vietato dai Trattati europei. Dalle crisi di iperinflazione del 1923 e poi del 1945-1948, i tedeschi hanno aborrito l’inflazione. Quando hanno abbandonato il loro marco, hanno imposto condizioni essenziali nel Trattato di Maastricht: primo, che l’obiettivo primario della BCE fosse la stabilità dei prezzi; secondo, che la BCE sia completamente indipendente dai poteri politici, al fine di evitare che i governi la costringano a utilizzare la “macchina da stampa”; infine, che sia formalmente vietato finanziare i deficit di bilancio degli Stati da parte della BCE. La proposta del vostro gruppo di economisti viola queste tre condizioni!

È definitivo?

D.: Questo gruppo di 150 persone vuole che la BCE non sia più indipendente e sia in grado di monetizzare i deficit pubblici senza vincoli. Quindi sì, possono desiderarlo – è inoltre una vecchia idea di sinistra radicale. Ma è completamente proibito dai trattati europei – che tutti i giuristi e quasi tutti gli economisti riconoscono.

J.C-S: In primo luogo, l’attuale politica monetaria non riporterà la stabilità dei prezzi nella zona euro – i tedeschi dovrebbero essere più preoccupati per questo. In secondo luogo, la BCE e gli Stati sono di fatto molto interdipendenti nella gestione dell’attuale crisi: gli Stati hanno bisogno che la banca centrale li finanzi a tassi bassi e la BCE ha bisogno di piani di stimolo del governo per realizzare la ripresa che la sua politica monetaria non produrrà. Quindi credo che l’indipendenza della BCE sia svanita …

Il dibattito è vivo in Francia. Ma possiamo immaginare che altri paesi europei, soprattutto quelli noti per il loro rigore di bilancio, accettino la cancellazione del debito?

J.C-S: Ho sentito da tutte le parti che la nostra proposta non ha alcuna possibilità di essere accettata dai cosiddetti paesi “frugali”, come la Germania, i Paesi Bassi o il Lussemburgo. È preoccupante perché se la solidarietà tra i membri della zona euro ha raggiunto i suoi limiti, c’è da preoccuparsi per il futuro dell’unione monetaria. Ma in fondo, con il suo piano di stimolo, la Germania non è già il Paese che ha meglio compreso la necessità di sostenere la domanda e aumentare gli investimenti pubblici?

D.: La probabilità di modificare il Trattato europeo in questo modo è zero. Legalmente, ci vuole una riforma dei ventisette paesi dell’Unione europea, che sarà impossibile. Non è solo una questione di teoria monetaria. I paesi del Nord temono soprattutto di dover pagare i debiti dei paesi del Sud. In questo sono sostenuti da quasi tutti i loro cittadini, esclusa l’estrema sinistra. Ma la tua idea è esattamente questa, l’incarnazione dell’incubo che hanno temuto dall’inizio dell’euro. Inoltre, i tedeschi hanno un eccellente principio democratico: la spesa pubblica dovrebbe essere decisa e votata solo dai parlamenti democraticamente eletti. Tuttavia, per loro, il finanziamento dei disavanzi pubblici da parte della BCE, un’istituzione non eletta, sarebbe del tutto antidemocratico. I tedeschi lo hanno ripetuto: se lo statuto della Bce cambiasse, loro malgrado lascerebbero l’euro.

J.C-S: Assimili la nostra proposta di cancellazione del debito a una soluzione di monetizzazione permanente, cosa che non è. Sarebbe un’operazione eccezionale giustificata da un contesto eccezionale e decisa non unilateralmente dalla BCE ma associando Stati e parlamenti.

Pensate davvero che l’eurozona possa sopravvivere a una cancellazione?

J.C-S: La nostra proposta consentirebbe agli Stati membri di investire quasi 3000 miliardi di euro senza rendere il loro debito insostenibile. I tassi bassi non sono sufficienti per realizzare questi investimenti. La prova è che la maggior parte degli Stati membri, Francia compresa, ha ridotto gli investimenti pubblici. E dobbiamo smetterla di dire che grazie ai bassi tassi di interesse il debito non costa nulla! Poiché un debito non si riduce al suo carico di interessi, c’è anche un capitale, che le autorità pubbliche rimborsano con nuovi prestiti che riducono la loro capacità di investire. Gli Stati hanno per la maggior parte abbandonato la ricerca e l’eccessivo finanziamento delle nostre economie ha completamente alterato l’allocazione delle risorse: sempre di più nel settore finanziario, sempre meno nell’industria, nella ricerca o nell’innovazione. Le regole di bilancio hanno anche costituito una vera camicia di forza, il che spiega in gran parte il sotto-investimento pubblico. Queste regole sono state allentate durante la crisi sanitaria e dovranno essere completamente ripensate.

D.: La cancellazione, nella migliore delle ipotesi, sarebbe inutile. Nella peggiore delle ipotesi – ed è questo che temo – porterebbe a un’improvvisa rottura della fiducia tra Germania e Francia. E poi, anche se la tua proposta venisse presentata come una remissione volontaria dei debiti dalla BCE, gli altri istituti di credito non sono stupidi: sanno benissimo che sarebbero poi i prossimi a essere spinti a rinunciare ai propri debiti e interpreterebbero questa cancellazione come un default sul debito pubblico – cosa che la Francia non ha mai fatto dal 1797. Venderebbero immediatamente i debiti europei che detengono e i tassi di interesse sui nostri debiti pubblici aumenterebbero. Invece di questa proposta, il dibattito dovrebbe concentrarsi sull’entità dei deficit o sulla composizione della nostra spesa e delle nostre tasse per far fronte alla crisi sanitaria e climatica.

J.C-S: Dire che gli altri finanziatori, non stupidi, si immagineranno i prossimi della lista, è sventolare uno straccio rosso! Ciò sarebbe del tutto irrazionale da parte loro poiché il loro debito non ne risentirebbe affatto, poiché il rischio di fallimento dello Stato diminuirebbe grazie all’abbandono dei debiti detenuti dalla BCE, e poiché sarebbe una decisione di politica economica concertata quella europea La Banca Centrale non mancherebbe di spiegare loro. Quindi sarebbe, ancora una volta, abbastanza irrazionale. E quindi non è possibile, se non sono stupidi …”

Ci sembra di poter concludere che questa crisi ha messo a nudo tutte le crepe strutturali della costruzione istituzionale europea. I nodi sono ormai tutti al pettine. Jean Monnet credeva che “L’Europa sarà forgiata dalle sue crisi e sarà la somma delle soluzioni trovate per risolvere tali crisi”.

Non aveva però specificato cosa sarebbe accaduto se la somma delle soluzioni avesse fornito un risultato negativo, portando quindi alla distruzione delle istituzioni europee. Lo scopriremo presto.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore