skip to Main Content

Inflazione

Cosa deve fare la Bce contro l’inflazione. Report Economist

L'economia europea è debole e gli investitori sono in attesa di un taglio ai tassi di interesse. La Bce li ascolterà? L'approfondimento dell'Economist.

Negli ultimi anni le azioni e le obbligazioni europee hanno dovuto affrontare molte difficoltà, tra cui la guerra, la crisi energetica e l’aumento dell’inflazione. Ora le cose stanno migliorando. L’indice azionario tedesco Dax ha guadagnato l’11% dall’inizio di novembre. I rendimenti dei titoli di Stato decennali francesi sono scesi dal 3,5% di ottobre al 2,8%. Anche i rendimenti italiani sono scesi brevemente sotto il 4%, dal 5% di metà ottobre. Gli investitori sono ottimisti in parte perché l’inflazione sta scendendo più rapidamente del previsto. Ma il loro umore riflette anche una realtà più cupa: l’economia è così debole che sicuramente i tagli dei tassi di interesse non sono lontani.

COSA DICONO I DATI SULL’INFLAZIONE

I responsabili delle politiche seguiranno l’esempio? A novembre l’inflazione si è attestata al 2,4%, a un soffio dall’obiettivo del 2% della Banca Centrale Europea. I mercati prevedono due tagli entro giugno e altri tre entro ottobre, per portare il tasso principale al 2,75%, dal 4%. Gli economisti sono meno sicuri: si aspettano solo il primo taglio entro giugno. “L’ultimo dato sull’inflazione ha reso piuttosto improbabile un ulteriore aumento dei tassi”, ha ammesso di recente Isabel Schnabel, un membro falco del comitato esecutivo della Bce. Ma non ci sono stati accenni a tagli. Di certo nessuno se ne aspetta uno alla riunione del 14 dicembre. In un momento in cui l’economia europea si sta indebolendo rapidamente, i funzionari rischiano di essere lenti nel reagire – scrive The Economist.

PERCHÉ L’ECONOMIA EUROPEA PREOCCUPA

Ci sono due motivi di particolare preoccupazione. Il primo è la crescita dei salari. Inizialmente, l’inflazione della zona euro è stata trainata dall’aumento dei prezzi dell’energia e dalle catene di approvvigionamento, che hanno fatto lievitare i prezzi dei beni. Poiché gli accordi salariali sono spesso concordati per diversi anni nel mercato del lavoro sindacalizzato europeo, i salari e i prezzi dei servizi hanno impiegato più tempo a reagire. Di conseguenza, nel terzo trimestre del 2023 i salari reali tedeschi erano scesi più o meno al livello del 2015. Ora stanno recuperando il terreno perduto. Analogamente, in ottobre e novembre i salari olandesi negoziati collettivamente sono cresciuti di quasi il 7% rispetto a un anno prima, anche se l’inflazione è rimasta intorno allo zero. La crescita complessiva dei salari nei Paesi della zona euro è di circa il 5%.

IL GRANDE TIMORE DELLA BCE PER L’INFLAZIONE

Se questa crescita salariale dovesse continuare, l’inflazione potrebbe salire nel 2024, il grande timore della BCE. Eppure ci sono segnali che indicano che ha già iniziato a rallentare. Indeed, una piattaforma per le assunzioni, tiene traccia dei salari negli annunci di lavoro. Ha riscontrato che la crescita delle retribuzioni negli annunci è diminuita, il che suggerisce che i salari la seguiranno presto. Inoltre, la crescita dei salari non sempre porta all’inflazione. I profitti aziendali, che hanno registrato un’impennata nel 2022 quando la domanda era alta e i salari erano bassi, potrebbero subire un colpo. Alcuni segnali indicano che i margini hanno iniziato a ridursi.

Il secondo motivo di preoccupazione è la salute dell’economia generale. Ha lottato con la debolezza della domanda internazionale, anche da parte della Cina, e con i prezzi elevati dell’energia. Ora i sondaggi indicano che sia il settore manifatturiero che quello dei servizi sono in leggera recessione. Il boom dei consumi in alcune parti d’Europa si sta già affievolendo: la stessa politica monetaria sta pesando sugli acquisti più consistenti finanziati dal debito e i titolari di mutui ipotecari stanno riducendo le spese per far fronte a pagamenti mensili più elevati.

Il calo dei tassi d’interesse di mercato dovrebbe allentare le condizioni finanziarie sia per i consumatori che per gli investitori, riducendo così la necessità per i funzionari della BCE di muoversi rapidamente. Tuttavia, c’è una fregatura. Come sottolinea Davide Oneglia di TS Lombard, una società di ricerca, questi tassi di interesse di mercato più bassi riflettono per lo più il calo dell’inflazione e quindi non producono tassi reali più bassi. Di conseguenza, è improbabile che stimolino molto la domanda.

L’EFFETTO DEI TASSI SULL’ECONOMIA

C’è un’altra ragione per cui i responsabili politici devono darsi una mossa. Le variazioni dei tassi di interesse hanno un effetto ritardato sull’economia: ci vuole tempo prima che l’aumento dei tassi modifichi le decisioni di investimento e di spesa, e quindi riduca la domanda. Il peso delle variazioni dei tassi di solito richiede un anno o più per essere percepito, il che significa che molti dei rialzi dei tassi della BCE devono ancora essere applicati. I responsabili delle politiche hanno probabilmente inasprito troppo le misure.

Il rovescio della medaglia è che i tagli dei tassi nei prossimi mesi non influirebbero sull’economia fino alla fine del 2024, quando pochi analisti si aspettano che l’inflazione sia ancora un problema e molti prevedono che l’economia sia ancora in difficoltà. Secondo Oneglia, a quel punto i responsabili politici della BCE vorranno essere vicini al tasso di interesse “neutrale” del blocco, che si colloca tra l’1,5 e il 2%, per evitare di continuare a spingere al ribasso la domanda. Iniziando in anticipo, la BCE eviterebbe di dover tagliare in modo troppo aggressivo durante l’estate del 2024.

I dati sull’inflazione di gennaio potrebbero essere volatili, in parte perché i programmi di assistenza governativa introdotti durante la crisi energetica stanno per essere eliminati. Un aumento renderebbe la BCE ancora più cauta. I dati sui salari vengono pubblicati con un lungo ritardo in Europa e i funzionari sono spesso riluttanti a fare affidamento su indicatori in tempo reale, come i dati pubblicati da Indeed. Per questo motivo gli economisti non si aspettano tagli dei tassi prima di giugno, molto più tardi di quanto suggerito dalle attuali quotazioni di mercato. La BCE è stata troppo lenta a reagire all’aumento dell’inflazione. Ora rischia di essere troppo lenta anche nella discesa.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top